Gianluca Vialli muore a 58 anni. L’addio alla leggenda del calcio

Dal 2017 era malato di tumore al pancreas e nelle ultime settimane le sue condizioni si erano aggravate, tanto da indurre la madre 87enne, Maria Teresa, a partire da Cremona per raggiungerlo a Londra

gianluca vialli
Gianluca Vialli. Foto: Ansa - newsby
newsby Alessandro Bolzani6 Gennaio 2023


Dopo Sinisa Mihajlović e Pelé, il mondo del calcio dice addio a un’altra delle sue leggende: Gianluca Vialli, ex calciatore di Cremonese, Sampdoria, Juventus e Chelsea, è morto a 58 anni. Dal 2017 era malato di tumore al pancreas e negli ultimi giorni le sue condizioni si erano aggravate, tanto da indurre la madre 87enne, Maria Teresa, a partire da Cremona per raggiungerlo a Londra, dov’era ricoverato dal 19 dicembre. Proprio qui la sua vita è giunta al termine il 6 gennaio 2023.

La morte dell’ex calciatore è stata confermata dalla sua famiglia tramite una nota. “Con incommensurabile tristezza annunciamo la scomparsa di Gianluca Vialli. Circondato dalla sua famiglia è spirato la notte scorsa dopo cinque anni di di malattia affrontata con coraggio e dignità. Ringraziamo i tanti che l’hanno sostenuto negli anni con il loro affetto. Il suo ricordo e il suo esempio vivranno per sempre nei nostri cuori“, si legge.

Nelle scorse settimane, Vialli aveva annunciato la decisione di sospendere i suoi impegni professionali per “utilizzare tutte le energie psico-fisiche per aiutare i mio corpo a superare questa fase della malattia”. La decisione era arrivata al termine “di una lunga e difficoltosa ‘trattativa’” con il team di oncologi che lo seguiva. La sua speranza era quella di poter essere pronto ad affrontare al più presto “nuove avventure” e condividerle con i suoi sostenitori.

Quando Vialli parò del tumore come di “un compagno di viaggio indesiderato”

Nel novembre del 2018, Vialli aveva parlato di significativi miglioramenti nelle sue condizioni di salute in seguito a un intervento chirurgico e al trattamento successivo. Nel 2019, anno in cui era stato chiamato a ricoprire l’incarico federale, aveva definito il tumore al pancreas “un compagno di viaggio indesiderato”. “Devo andare avanti a testa bassa, senza mollare mai, sperando che si stanchi e mi lasci vivere ancora per tanti anni”, aveva aggiunto.

Fedez: “Mi hai dato tanto, con te ho pianto”


Tramite una storia pubblicata su Instagram, Fedez ha ricordato  Vialli, con il quale aveva condiviso le paure, i timori e i dolori della malattia. Anche il cantante, infatti, è stato colpito tempo addietro da un tumore al pancreas, seppur di tipo differente – e meno grave – di quello contro il quale ha combattuto il fuoriclasse del calcio. “Non ci siamo mai conosciuti di persona, ma mi hai dato tanto. Con te ho pianto al telefono, pur non avendoti mai visto di persona“. Fedez racconta che Vialli gli aveva dimostrato grande vicinanza e affetto durante la sua malattia, e che tra i due ne era nata una conoscenza anche se soltanto virtuale. “Avevamo in programma di incontrarci per fotografarci assieme mostrando le rispettive cicatrici, ma purtroppo non è stato possibile


Tag: Gianluca Vialli