Autore: Davide Di Carlo

Classe 1986, abruzzese cresciuto a Roma, sono assistente universitario e autore di una pubblicazione e di un romanzo. Appassionato di Medio Oriente e politica, seguo i lavori delle istituzioni italiane. Sono laureato in Scienze della Comunicazione, ramo politico-istituzionale, presso l’Università di Roma Tor Vergata. Dal 2017 sono un giornalista pubblicista.

“Con il Consiglio Nazionale abbiamo deliberato. Il Movimento 5 Stelle si oppone all’invio degli aiuti militari e alle controffensive che esulino da quello che è il perimetro del legittimo esercizio del diritto di difesa da parte dell’Ucraina. E cioè dell’articolo 51 della carta dell’Onu”. Così il leader del M5s, Giuseppe Conte, durante un punto stampa tenutosi presso la sede del Movimento a Roma. Il no del M5s alle armi per l’Ucraina: Conte spiega L’iniziativa del M5s a proposito della guerra in Ucraina, però, non si ferma qui. “Abbiamo chiesto anche al presidente Draghi e al ministro Guerini di venire a…

Read More

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha deposto, insieme con il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, una corona per commemorare i Partigiani che hanno contribuito a liberare Roma e il Paese dal regime nazifascista, in occasione delle celebrazioni per il 25 aprile. “La Costituzione e la Liberazione sono state l’incontro tra punti di vista differenti. L’unità contro il nazifascismo, questa è stato il valore della fase della liberazione. Oggi difendere la democrazia vuol dire creare lavoro. Come diceva Calamandrei: bisogna dare lavoro a tutti”, ha dichiarato il governatore del Lazio. E ancora: “Noi dobbiamo continuare nel solco della lotta…

Read More

“Quali partiti parteciperanno al 25 aprile? Non saprei bisogna chiedere a loro. Sono sicuro che ci sarà il Pd e della sinistra”. Così il presidente nazionale dell’Anpi, Gianfranco Pagliarulo, nel corso della conferenza stampa, tenutasi presso la sede nazionale dell’associazione, per presentare l’evento del 25 aprile a Milano. “Presenza di bandiere Nato? A Milano si è svolta una riunione dove si è deciso che è inopportuno portare bandiere pro o contro Nato. Dovremmo fare il possibile per impedire qualsiasi incidente e provocazione. Sono bandiere inappropriate in questa circostanza perché si parlerà di pace e la Nato non mi sembra essere…

Read More

A margine dell’incontro del centrodestra con Mario Draghi a Palazzo Chigi, Matteo Salvini, il leader della Lega, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti. “Il nostro obiettivo è risolvere i problemi e proteggere la casa e i risparmi degli italiani. Abbiamo trovato disponibilità da parte del presidente a risolvere i problemi sul tavolo. Subito dopo Pasqua si arriverà in Parlamento chiarendo che non ci saranno aumenti di tasse, anzi occorre tagliare una parte delle tasse e confermare la flat tax. Quindi, un confronto sul fisco distensivo e positivo”. Salvini ha parlato anche del catasto. “Sul catasto è importante che ci sia…

Read More

“Oggi è una bella giornata perché abbiamo presentato, assieme a numerose associazioni che si occupano di famiglie, una proposta di legge popolare su cui raccoglieremo le firme di tutti e in tutta Italia contro l’utero in affitto e la maternità surrogata. È una barbarie sul corpo della donna ed è un business di sei miliardi di euro all’anno”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, uscendo dalla Corte di Cassazione a Roma dopo aver consegnato la proposta di legge contro la maternità surrogata. “Fisco? È il momento di tagliare le tasse, Letta legga i documenti che vota” “Dopo…

Read More

Si è tenuta presso l’Hotel Nazionale di Roma la conferenza stampa organizzata da Assogasmetano, Assopetroli e Federmetano per chiedere un cambio di passo al Governo nei confronti del settore. In particolare per quanto riguarda il tema del costo del gas. Le domande del settore: “Gas da altri Paesi? Ci informino” “Noi siamo preoccupatissimi per quello che sta succedendo. Lo siamo per diverse ragioni. La prima è che abbiamo segnalato il problema da settembre, e nessuno ci ha ancora convocato, almeno per darci delle informazioni. La seconda è che in questo sistema noi siamo dei passeggeri. Non stiamo conducendo il veicolo.…

Read More

“Dobbiamo smettere di pagare la Russia perchém con quei soldi massacra il popolo ucraino. Le scelte coraggiose che dobbiamo fare devono avere delle compensazioni perché la nostra economia non subisca dei danni”. Così il segretario del Partito democratico, Enrico letta, uscendo dalla Sala Capitolare del Senato dopo il dibattito sul rapporto ‘Le libertà a rischio: la sfida del secolo’ con la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Con Meloni non abbiamo discusso di legge elettorale, ma delle posizioni che sono diverse e marcate. Se Berlusconi e Salvini mi invitassero ad un confronto farei lo stesso – ha aggiunto -. Razionamento…

Read More

“L’embargo sarebbe efficace, ma oggi la misura sarebbe molto aggressiva anche nei nostri confronti. Il tema va visto sotto un altro punto di vista e cioè quali sono le alternative e le risorse. Fratelli d’Italia è l’unico partito che parla di questo, quindi che cosa intende fare l’Occidente per aiutare le persone che saranno più colpite”. Così la leader di Fdi, Giorgia Meloni, entrando alla Sala Capitolare del Senato per partecipare al dibattito sul rapporto ‘Le libertà a rischio: la sfida del secolo’ con il segretario del Partito democratico, Enrico Letta. “La questione del taglio del gas e del petrolio…

Read More

A un anno dalle elezioni politiche, si riaccende il dibattito sulla nuova legge elettorale. A spingere per cambiarne i meccanismi, orientandosi su un sistema proporzionale con soglia di sbarramento al 5%, sono soprattutto gli esponenti del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle. Il segretario dem, Enrico Letta, si dice da sempre critico contro la Legge Rosato; mentre il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti grida al “suicidio politico” senza una revisione della norma in senso proporzionale. D’accordo anche il Movimento 5 Stelle, per il quale la riforma della legge elettorale è una priorità nell’agenda politica per una garanzia di…

Read More

“Il rapporto” di previsione del Centro studi di Confindustria “presentato oggi tiene conto di tre scenari. Il primo, il più realistico, è quello meno impattante e prevede che gli effetti del conflitto in Ucraina si protraggano ancora per tre mesi. In questa situazione il Pil crescerà meno di quanto previsto e nel primo semestre del 2022 saremo in recessione tecnica”. Lo afferma il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, a margine della conferenza stampa di presentazione delle stime di crescita degli economisti di via dell’Astronomia presentate oggi a Roma. Bonomi (Confindustria): “Le stime sul Pil spaventano in maniera molto forte” “Riguardo alle…

Read More