Autore: Marco Enzo Venturini

Giornalista pubblicista dal 2018, entrare nell'albo è stato contemporaneamente un traguardo e una nuova partenza di una rincorsa iniziata sei anni prima scrivendo per diverse realtà editoriali sul suolo nazionale. O forse già quando, a cinque anni, il mio gioco preferito era una vecchia macchina da scrivere di famiglia. Appassionato di politica, geografia, cinema e sport, oltre che della lingua italiana: mi piace provare a scrivere ciò che vorrei leggere.

Era il 1° luglio 2017 quando buona parte d’Italia si fermò, e un gigantesco riflettore si accese su un punto dell’Emilia riscrivendo la storia della musica e non solo. Fu infatti quella la sera di Modena Park, il maxi concerto che radunò al parco Enzo Ferrari oltre 225 mila persone. L’evento era stato fortemente voluto da Vasco Rossi, che così voleva celebrare i suoi primi 40 anni di attività musicale. Quello che però non tutti sanno, in Italia, è che negli ultimi mesi anche gli appassionati di musica esteri (soprattutto negli Usa, ma non solo) hanno scoperto ciò che avvenne…

Read More

Settimana cruciale nel conflitto in Ucraina, che si sta configurando sempre più in una tensione crescente tra Russia e Occidente. Il summit di Madrid ha infatti predisposto pacchetti di assistenza maggiori per le truppe di Kiev, ma anche più truppe della Nato in Europa e il futuro ingresso nell’Alleanza Atlantica anche di Svezia e Finlandia. E se Vladimir Putin ha già preannunciato che questo potrebbe aumentare esponenzialmente le tensioni (e forse estendere gli attacchi), è opportuno capire in che modo l’Italia è coinvolta nella vicenda. La storia delle basi Nato in Italia e il “caso Sigonella” Sin dal lontano 1951,…

Read More

Non andare a votare, non sempre ma spesso, coincide a esprimere volutamente o meno una propria preferenza politica. Il concetto è chiaro in diverse occasioni in cui si è chiamati alle urne per un referendum, ma può valere anche nel caso di elezioni politiche e soprattutto amministrative. Ecco quindi chi ha tratto maggiormente beneficio dall’astensionismo dell’ultima tornata elettorale. Astensionismo: tutti perdono voti, il centrodestra di più L’Istituto Cattaneo ha passato in rassegna i voti che hanno portato all’elezione dei nuovi sindaci di Alessandria, Monza, Parma e Catanzaro. Ebbene, ciò che emerge dai dati è che l’astensionismo ha indirettamente favorito il…

Read More

Non ci saranno ulteriori proroghe a proposito del Superbonus 110%. Lo ha deciso il Governo, dopo una riunione tra i partiti di maggioranza, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, il vice ministro all’Economia, Laura Castelli, e la sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento, Debora Bergamini. Questo significa che non ci sarà lo stanziamento di ulteriori risorse per la misura edilizia. E in virtù di ciò, sono molte le scadenze che già incombono. Ecco quali sono. Come ricorda l’Agenzia delle Entrate, infatti, l’ultima scadenza per accedere al Superbonus 110% coincide con il 30 giugno 2022. Molti potenziali…

Read More

Dai campi di calcio alla poltrona di sindaco. Questa la parabola di Damiano Tommasi, nuovo primo cittadino di una Verona che con la sua elezione (e la spaccatura dei rivali alle urne) torna a una rappresentanza di centrosinistra per la prima volta dal 2007. Non si tratta però di un passaggio estemporaneo dallo sport alla politica, dato che l’ex centrocampista di Hellas e Roma è stato sindacalista, presidente dell’AIC (Associazione Italiana Calciatori) e consigliere federale in FIGC. Resta però un caso assolutamente non isolato di eroe del pallone premiato alle elezioni. Chi è diventato sindaco prima di Tommasi Innanzitutto è…

Read More

Il 27 giugno 2022 è il giorno in cui, a oltre tre mesi dall’invasione dell’Ucraina, la Russia è entrata ufficialmente in default. Si tratta di una condizione che non si verificava dal lontanissimo 1918, oltre cento anni fa. Erano i tempi in cui alla guida della nazione c’era Lenin. Cerchiamo quindi di capire che cosa questo comporti per l’economia del Paese. Che cosa significa essere “in default” Quando infatti si è “in default”? Questa è una condizione che si verifica nel momento in cui un Paese non è in grado, con le sue risorse interne, di pagare tutti i debiti…

Read More

La siccità da problema si è tramutata in emergenza, e da emergenza sta assumendo i tratti del dramma. Se da diversi giorni le varie Regioni stanno provando a capire come affrontarlo con svariate misure locali e territoriali, però, esistono anche diversi accorgimenti che possiamo adottare tutti noi. E che, nel corso della normale quotidianità, possono contribuire ad arginare il problema. Buona parte di questi semplici atti di attenzione è alla portata del buon senso di tutti. Tuttavia Legambiente Lazio ha ritenuto giusto mettere a punto un vero e proprio decalogo, a disposizione di tutti i cittadini per capire quali gesti…

Read More

La minaccia che il conflitto in Ucraina si tramuti nella terza guerra mondiale è fortunatamente rimasto sullo sfondo della già ampiamente tragica situazione che il Pianeta sta vivendo da ormai 122 giorni. Mai è realmente diventata uno spauracchio vicino, né un obiettivo di nessuna delle parti in causa. Nel frattempo, però, dalla Russia arrivano indicazioni su ciò che avverrebbe se un giorno dovesse scattare. Oltre che conferme sul fatto che, in quella eventualità, a Mosca avrebbero già un piano d’azione. Russia: cosa si pensa di fare se scoppia la terza guerra mondiale A illustrarlo è stato il deputato Andrey Gurulyov,…

Read More

È la persona più conosciuta e soprattutto seguita del mondo intero su una piattaforma che fa impazzire giovani e giovanissimi: TikTok. Lo è ufficialmente da due giorni, dal 23 giugno, e nel corso della sua inarrestabile scalata verso la fama ha spesso e volentieri portato sugli schermi di telefoni e tablet di tutto il mondo la felpa dell’Italia. Stiamo parlando di Khaby Lame, l’italiano più famoso del mondo per la Generazione Z. Che però italiano, per la nostra legge, non è. E se ora la situazione sta cambiando, è importante capire perché il senegalese di Chivasso non sia ancora un…

Read More

Era dal 1973 che negli Usa il diritto all’aborto era garantito dalla legge. Ora invece non lo è più, come conseguenza di una decisione della Corte Suprema. Questo non corrisponde a un divieto, ma permetterà a qualsiasi Stato della nazione di introdurlo. Proviamo però a capire come sia stato possibile, a partire dal ruolo dell’istituzione che ha scritto questa controversa pagina della storia. La storia dell’aborto negli Stati Uniti Partiamo dall’inizio, ossia da ciò che è stato annullato. Si tratta della sentenza Roe vs Wade, che la stessa Corte Suprema emise quasi cinquant’anni fa. Era il 1973, anno in cui…

Read More