Autore: Lorenzo Grossi

Classe '89, appassionato sin da piccolo di sport e scrittura. Già da "pischello" scrivevo come collaboratore per alcune testate giornalistiche a cui ho man mano affiancato radio, agenzie di stampa, tv e quotidiani cartacei. Ora è il momento di newsby! Nel carnet anche una breve ma intensa carriera di direttore di gara di calcio a 11.

La riunione congiunta di deputati e senatori del Movimento 5 Stelle con il leader Giuseppe Conte è terminata nella notte tra il 6 e il 7 luglio: l’orientamento che sembra prevalere sulla fiducia sul Decreto Aiuti è un voto a favore del governo Draghi, per poi astenersi nel voto sul testo lasciando l’Aula di Montecitorio. Il tutto allo scopo di lanciare un segnale all’esecutivo. Ma non più di un centinaio di eletti ha partecipato all’assemblea. Molti pensano di uscire dal Movimento. Tra questi anche alcuni nomi molto noti. Incerto il loro eventuale approdo: la scissione di Luigi Di Maio ha…

Read More

L’ultimo casus belli è stato dipeso da Ivano Manzoni, un addetto alla sicurezza dei concerti, diventato una ‘star’ per le reazioni alla musica non proprio stellare che è costretto ad ascoltare durante alcuni eventi. Selvaggia Lucarelli ha commentato su Twitter il video che Fedez ha pubblicato su Instagram: “Comunque ormai ho il terrore di questa persona, ogni persona che va virale lui lo deve trasformare in suo contenuto”. Il rapper, a stretto giro, replica. “Ieri ho visto una persona che conosco da anni e che è diventata un meme vivente”, dice Fedez riferendosi all’addetto alla sicurezza. “Ci ho fatto un…

Read More

E con Edward Argar siamo a 44. Il ministro della Sanità britannico ha rassegnato le proprie dimissioni dal governo presieduto da Boris Johnson. Argar è stato il titolare della Salute per tutta la durata della pandemia e il suo addio fa parecchio rumore. Tuttavia, nonostante questo ennesimo saluto tra i suoi collaboratori più stretti, BoJo non vuole mollare. Ieri ha licenziato il fedelissimo Michael Gove, ma senza fare nessun passo indietro. Anche se a consigliarglielo è arrivato anche il Times. Il 43esimo a lasciare era stato Simon Hart, ex segretario di stato per il Galles. Una volta superato il record…

Read More

Il Movimento 5 Stelle rimane al governo ma, secondo Giuseppe Conte “occorre un forte segno di discontinuità”. L’esito più immediato del faccia a faccia tra l’ex presidente del Consiglio e quello attuale, Mario Draghi, dice che i pentastellati non strappano con l’esecutivo. Tuttavia il leader ha messo sul tavolo del capo del governo una serie di condizioni specifiche, sul quale “abbiamo bisogno di risposte chiare in tempi precisi”. Al termine di un incontro durato oltre un’ora durato a Palazzo Chigi, Conte sottolinea di avere “presentato un documento a nome di tutto il Movimento 5 Stelle e ho esplicitato la ragione…

Read More

Il distacco di un seracco sul ghiacciaio della Marmolada ha provocato fino ad ora sette vittime e otto feriti, due dei quali in maniera grave. Mancano all’appello della strage della Marmolada 13 persone, di cui tre straniere. Sollievo invece per cinque escursionisti, che si sono fatti vivi nella seconda giornata di ricerche. Un bilancio ancora parziale per quella che è già passata alla storia come la più grave tragedia della montagna italiana, e che fa paura agli stessi soccorritori, costretti a interrompere ieri per alcune ore le ricerche a causa del maltempo e indotti ad agire con estrema cautela su…

Read More

Un dibattito, soltanto apparentemente frivolo, sta dividendo la Germania: la durata della doccia. Il Paese è alle prese con la penuria degli approvvigionamenti di gas e petrolio, conseguenza della guerra in Ucraina. Ma la discussione sul tema è stata innescata da un’intervista del ministro dell’Economia, il verde Robert Habeck. In osservanza dei consigli del suo Ministero, che il 10 giugno ha lanciato la campagna “80 milioni insieme per la svolta energetica”, il vicecancelliere ha detto a Der Spiegel che lui nel suo piccolo ha “accorciato ancora di più il tempo-doccia”. E ha raccontato l’aneddoto del suo collega olandese, il quale…

Read More

Durante la parata del 4 luglio un uomo ha aperto il fuoco a Highland Park, Illinois. L’evento cittadino, che festeggia il giorno dell’Indipendenza statunitense, è stato interrotto violentemente dall’attentatore. Le immagini mostrano il momento esatto della sparatoria. Il video è stato realizzato da un ragazzo presente alla parata che mentre scappa grida: “Sto filmando! Sto filmando!”. Si chiama Robert “Bobby” E. Crimo III l’uomo sospettato di aver ucciso sei persone e di averne ferite 30 a Highland Park, in Illinois. Crimo avrebbe aperto il fuoco durante la parata per il 4 luglio alla periferia di Chicago. La polizia lo ha…

Read More

Un’analisi pubblicata dalla BBC fa scatenare diverse polemiche in Europa e, soprattutto, in Italia. Si sostiene infatti che, in termini di maggiori donatori di aiuti militari all’Ucraina, la Polonia abbia impegnato il terzo importo più alto, dietro agli Stati Uniti e al Regno Unito. Il Paese che confina con quello invaso dalla Russia si è impegnato a spendere 1,81 miliardi di dollari in assistenza alla sicurezza di Kiev. Gli Stati Uniti hanno impegnato l’importo più alto, pari a 25,45 miliardi di dollari. Il Regno Unito si è deciso a spendere 2,53 miliardi di dollari, classificandosi al secondo posto. Le successive…

Read More

Non può essere considerata esattamente una birra normale NEWBrew. La nuova birra bionda di Singapore, infatti, è prodotta con liquami riciclati. Si tratta di una collaborazione tra l’agenzia nazionale per l’acqua del paese, PUB, e il birrificio artigianale locale Brewerkz. Presentata per la prima volta in una conferenza sull’acqua nel 2018, NEWBrew è stata messa in vendita nei supermercati e nei punti vendita Brewerkz recentemente. “Non posso dire seriamente se sia fatta di acqua del gabinetto”, ha detto Chew Wei Lian, 58 anni, che aveva acquistato la birra da un supermercato per provarla dopo averne sentito parlare. “Non mi dispiace…

Read More

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha riferito che dallo scoppio della guerra, il 24 febbraio, i territori di 10 regioni dell’Ucraina sono stati colpiti e che da allora è stato possibile liberare 1.027 città e villaggi. Altri 2.610 sono ancora sotto l’occupazione russa e molti dovranno essere ricostruiti, ha aggiunto Zelensky nel consueto messaggio video su Telegram. “Feroci ostilità continuano lungo l’intera linea del fronte, nel Donbass”, ha detto Zelensky nel suo discorso serale citato da Ukrinform. Spiegando che “l’epicentro è, ovviamente, nelle città della regione di Lugansk”. Il presidente ucraino ha poi aggiunto che “l’attività del nemico nella regione…

Read More