Olimpiadi invernali, quelle di Pechino sono state le meno guardate alla tv

Negli Stati Uniti lo share medio è stato di 11,4 milioni di telespettatori contro i 19,8 di quattro anni fa. Motivo: mancava lo storytelling

I 5 cerchi olimpici, simbolo dei Giochi
Foto Pixabay | YazanMRihan
newsby Lorenzo Grossi22 Febbraio 2022


11,4 milioni di telespettatori americani hanno guardato ogni sera, in media, le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. Si tratta del numero più basso di pubblico televisivo da prima serata che si sia mai registrato nei Giochi disputati in inverno. Quattro anni fa, a Pyeongchang 2018, in Corea del Sud, erano stati ben 19,8 milioni. L’ultima edizione che ci siamo appena lasciati alle spalle ha attirato 160 milioni di spettatori totali attraverso il canale televisivo NBC, il servizio di streaming Peacock e altre piattaforme.

Olimpiadi invernali: la spiegazione del flop televisivo di Pechino 2022

Le 2.800 ore di copertura proposte da NBC Universal non hanno del tutto convinto il pubblico statunitense. Come mai questo flop? Alcuni analisti sottolineano come in realtà molti degli episodi sportivi mancassero di quella “narrazione potente” che rendono le trasmissioni olimpiche di successo. Due esempi su tutti. Mikaela Shiffrin, una sciatrice americana che aveva vinto tre medaglie olimpiche prima di arrivare a Pechino, è inciampata disastrosamente in diverse gare ed è tornata a casa a mani vuote. Ma, guardando anche fuori dagli atleti Usa, Kamila Valieva, stella russa del pattinaggio artistico di 15 anni, è andata completamente in crisi durante il suo pattinaggio libero, dopo essere stata per giorni al centro di un presunto caso di doping. Quando è uscita dal ghiaccio, il suo allenatore l’ha anche rimproverata davanti alle telecamere.

La differenza con Michael Phelps nel 2008: l’opinione di Tang Tang

Anche le tensioni geopolitiche ci hanno messo del loro per perseguitare le Olimpiadi. La Cina ha cercato di ripulire i Giochi da sfumature politiche usando bot e account falsi. E la preoccupazione per le condizioni di saluta della tennista cinese Peng Shuai, che l’anno scorso ha accusato un funzionario politico di abusi sessuali, ha minacciato di mettere in ombra i Giochi.

“Il marchio delle Olimpiadi è davvero in difficoltà. Molte persone non sentono più quella connessione emotiva, ha affermato Tang Tang, professore di media alla Kent State University che ha studiato i Giochi. Alle Olimpiadi invernali di Pechino mancava il tipo di storytelling che ha trasformato il nuotatore statunitense Michael Phelps e le sue otto medaglie d’oro in un evento tv da non perdere nel 2008. Sempre a Pechino, tra l’altro. Una delle stelle emergenti dei Giochi di quest’anno, la sciatrice cinese-americana Eileen Gu, ha gareggiato per la Cina piuttosto che per la Stati Uniti. E i giocatori della NHL non hanno partecipato. “Il pubblico guarda le Olimpiadi per le storie. Hanno bisogno di quella storia di supereroi, di quella qualità da star”, ha detto Tang. “Non vedono le Olimpiadi come un vero evento sportivo, ma piuttosto come qualcosa di più personale.


Tag: Olimpiadi invernaliPechino 2022Usa