Ricky Gianco, età, carriera, canzoni, moglie, figli: chi è il cantante

Nel corso della sua lunga carriera musicale Ricky Gianco si è espresso non solo come cantante, ma anche collaboratore di Gino Paoli e Adriano Celentano

Ricky Gianco Rai
Foto | Rai
newsby Ilaria Macchi16 Marzo 2022


Il nome di Ricky Gianco potrebbe dire poco o niente ai giovani di oggi, ma non è certamente azzardato sottolineare come lui sia riuscito a scrivere pagine importanti nella storia della musica italiana. Tra gli artisti che hanno deciso di collaborare a lungo con noi ci sono infatti nomi del calibro di Gino Paoli, Adriano Celentano e Fabrizio De Andrè.

Il periodo trascorso con il can de “Il Molleggiato” è stato davvero indimenticabile per lui, nonostante abbia avuto breve durata. “Ci sono stato un anno e mezzo, poi me ne andai – aveva raccontato in un’intervista a ‘Repubblica’ -.Ma forse sono l’unico del gruppo che è rimasto in buoni rapporti con lui. Un po’ di tempo fa l’ho chiamato e lui mi ha risposto. Il che non è per niente scontato. È più facile trovare Papa Francesco di Adriano. Ho un bel ricordo di quegli anni”.

Chi è Ricky Gianco: età e carriera

Riccardo Sanna (questo il nome all’anagrafe di Ricky Gianco) è nato il 18 febbraio 1943 a Lodi. È il nipote di Adriano Celentano, con cui inizia però a collaborare artisticamente solo diverso tempo dopo il suo esordio musicale, arrivato grazie a Gino Santercole. È stato il chitarrista del gruppo I Ribelli.

Ricky Gianco album

È entrato nella storia della musica soprattutto in veste di compositore di brani amatissimi, quali “Ciao ti dirò” (realizzata quando aveva solo sedici anni), “Pugni chiusi”, portata al successo dai Ribelli e “Pietre”, che Antoine ha interpretato a Sanremo. Nel suo curriculum ci sono però canzoni che sono canticchiate ancora oggi anche dai giovani, quali “Pregherò” e “Stai lontana da me”, interpretate dal “Molleggiato”.

Ma cosa l’ha portato a scegliere un nome d’arte? È stato lui stesso a spiegarlo: “Avevo 16 anni e avevo appena inciso il mio primo disco, ‘Ciao, ti dirò’, con il nome di Ricky Sanna. L’anno dopo sono passato alla Ricordi come Ricky Sann, senza la ‘a’ finale. Nel frattempo, Adriano mi aveva visto cantare e mi ha detto: ‘Sei bravo, peccato che non hai la erre’. Feci un po’ di dizione e tornai da lui. Stava nascendo il clan. Io gli dissi subito di sì, ma intanto al Ricordi minacciò di farmi causa. Fu Adriano a dirmi: ‘Cambia nome, così fanno causa a uno che non c’è più’. Qualche notte dopo squillò il telefono: ?Ricky, ti piace Gianco’?. Io ero ancora addormentato, ma gli dissi: ‘Sì, mi piace’. Ecco, da allora sono Ricky Gianco”.

Tra gli artisti che sono legati a lui c’è anche Gino Paoli, per cui ha firmato diversi successi.

Ricky Gianco oggi: cosa fa il musicista

L’artista continua a dedicarsi alla musica, che continua a essere una delle sue grandi passioni. Nel 2004 ha avuto la possibilità di mettere in mostra il suo talento anche a teatro. È lui, ad esempio, ad avere firmato lo spettacolo “È rick n’ roll”, insieme ad Alberto Tonti.

Ricky Gianco Rai
Foto | Rai

Nel 2007 ha inoltre avuto modo di condurre il programma “Tuttifrutti”.

Da sempre è riservatissimo, non si sa se abbia una compagna al suo fianco.