Cosa sta succedendo al confine tra Bielorussia e Polonia?

Sta salendo la tensione al confine tra Bielorussia e Polonia a causa di una crisi di migranti che cercano di arrivare in Europa passando dallo stato governato da Lukashenko. Mentre sale il numero dei soldati polacchi schierati al confine, a pagare il prezzo più alto sono i migranti che devono affrontare mancanza di cibo e temperature sotto lo zero

confine bielorussia e polonia
Foto Unsplash | mark564
newsby Giulia Martensini9 Novembre 2021


Oltre 4.000 persone sono ora coinvolte nella crisi dei migranti al confine orientale tra Bielorussia e Polonia. Le temperature notturne al confine sono scese sotto lo zero e diverse persone sono già morte nelle ultime settimane. Polonia, Lituania e Lettonia, membri dell’UE e della NATO, hanno visto un aumento del numero di persone che tentano di entrare illegalmente nei loro Paesi dalla Bielorussia negli ultimi mesi. Molti sono giovani uomini, ma includono donne e bambini, in gran parte provenienti dal Medio Oriente e dall’Asia.

Gli attivisti affermano che i migranti vengono usati come pedine in un gioco politico tra la Bielorussia non UE, gestita dal leader autoritario Alexander Lukashenko, e i suoi vicini.

Il portavoce dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati Shabia Mantoo si è detto molto preoccupato per la situazione: “L’utilizzo di rifugiati, richiedenti asilo e migranti per raggiungere fini politici è inaccettabile e deve cessare“.

Perché è nata la “crisi di migranti”

Un numero crescente di persone ha attraversato illegalmente il confine polacco dalla Bielorussia nelle ultime settimane. Secondo il governo polacco, da agosto più di 30.000 migranti hanno tentato di entrare nel Paese.

Gli stati confinanti hanno puntato il dito contro il leader bielorusso Alexander Lukashenko, accusandolo di aver provocato una crisi migratoria al confine. Funzionari europei hanno anche accusato la Bielorussia di incoraggiare le persone ad attraversare illegalmente la Polonia e gli altri suoi vicini dell’Unione europea. Una manovra per vendicarsi e fare pressione sul blocco per le sanzioni radicali imposte a Minsk a giugno.

Le sanzioni dell’UE, degli Stati Uniti e della Gran Bretagna sono state una risposta coordinata all’atterraggio forzato di un volo Ryanair da parte del governo Lukashenko e all’arresto di un giornalista dell’opposizione a bordo, nonché alla “continua repressione” nell’ex stato sovietico.
Il governo bielorusso ha negato le accuse.

La Polonia ha raddoppiato i soldati per proteggere il confine

Le tensioni ora continuano ad aumentare al confine tra Polonia e Bielorussia, dopo che i funzionari polacchi hanno accusato di nuovo il loro vicino di aiutare a spostare i migranti verso la frontiera. Il portavoce del quartier generale della guardia di frontiera polacca, Michał Tokarczyk, ha dichiarato alla CNN: “I servizi bielorussi stanno spostando grandi gruppi di migranti verso il confine polacco. Stiamo aspettando la loro ulteriore mossa e siamo preparati per qualsiasi scenario“.

Tokarczyk ha specificato che attualmente ci sono circa 4.500 guardie di frontiera e circa 9.500 soldati dell’esercito polacco di stanza al confine. Mentre “un gruppo di diverse migliaia di migranti si sta dirigendo verso il confine polacco. “Più di 12.000 persone sono in servizio al confine… Abbiamo alzato lo stato di allerta“, ha scritto il ministro della difesa polacco, Blaszczak.

Il ministero dell’Interno e dell’amministrazione polacco ha affermato in precedenza che i migranti dalla parte della Bielorussia sono stati finora fermati, e si sono accampati a Kuznica.
Pubblicando sui social un video che mostra la polizia polacca e altro personale armato in piedi vicino a un recinto di filo spinato, con i migranti dalla parte della Bielorussia.


Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha scritto su Facebook: “Il confine della Repubblica di Polonia non è solo una linea di una mappa. È sacro: il sangue dei polacchi è stato versato per generazioni per proteggerlo!”.

Nel frattempo anche negli altri Paesi sta crescendo lo stato di allerta. La Lituania, che confina sia con la Polonia che con la Bielorussia, ha affermato che sta ridistribuendo le truppe mentre le tensioni continuano ad aumentare.
Ci stiamo preparando per tutti gli scenari possibili“, ha affermato l’emittente pubblica Rustamas Liubajevas, capo della guardia di frontiera lituana.

La reazione bielorussa

Il governo del presidente bielorusso Lukashenko ha ripetutamente negato la produzione di una crisi migratoria, incolpando l’Occidente per gli incroci e il trattamento dei migranti. Il governo bielorusso nel frattempo ha affermato che i migranti vogliono entrare in Polonia come rifugiati e non rappresentano una minaccia per la sicurezza.

Lunedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha difeso la gestione di Minsk della questione dei migranti, affermando che la Bielorussia sta adottando tutte le misure necessarie per agire legalmente.

Il Comitato per i confini dello Stato bielorusso ha aggiunto di non escludere la provocazione da parte polacca. Ha poi accusato le forze di sicurezza polacche di aver dispiegato gas lacrimogeni sui migranti e di aver usato “l’aviazione per esercitare pressione psicologica”. Questo avrebbe portato alcuni di loro ad attaccare le barriere polacche.

Allarme per la situazione dei migranti al confine

Gli enti di beneficenza sono sempre più in allerta per i migranti che affrontano condizioni estenuanti cercando di attraversare il confine in un clima gelido con mancanza di cibo e cure mediche.
Le autorità polacche hanno affermato che sette migranti sono stati trovati morti sul lato polacco del confine, con segnalazioni di ulteriori morti in Bielorussia.
I gruppi umanitari accusano anche i nazionalisti al potere in Polonia di violare il diritto internazionale di asilo.  Respingendo i migranti in Bielorussia invece di accettare le loro domande di protezione. La Polonia afferma che le sue azioni sono legali.


Tag: Aleksandr LukashenkoBielorussiamigrantiPolonia