Novità per diesel e benzina | Come cambiano i prezzi alla pompa

Come cambia il prezzo di gasolio e benzina
Come cambia il prezzo di gasolio e benzina - AnsaFoto
newsby D T4 Dicembre 2022


Novità per diesel e benzina. Un mese fa era stato disposto il taglio delle accise di 30,5 centesimi al litro, mentre da dicembre la riduzione subirà una flessione. Automobilisti preoccupati per la spesa che ciò potrebbe comportate.

Per contrastare il caro energia  legato anche ai carburanti, il Governo Draghi prima, e quello Meloni dopo, hanno operato dei provvedimenti a tempo per il taglio delle accise. Senza questi interventi diesel e benzina costerebbero oltre i due euro al litro.

Come cambia il prezzo di gasolio e benzina
Come cambia il prezzo di gasolio e benzina – AnsaFoto

Tuttavia questa situazione potrebbe modificarsi presto. A partire dal 1° dicembre si ridurrà l’agevolazione. In merito è stato approvato in Consiglio dei Ministri un nuovo decreto legge. Stando così le cose lo sconto potrebbe scendere da 25 a 15 centesimi di euro. 18,3 con l’Iva. Per il gpl la riduzione passerà a 8,5 + Iva per kg a 5,1 + Iva.

Il salasso del caro carburante

Non solo il caro bollette, ad impensierire gli italiani anche il caro benzina. Con la riduzione dello sconto il bilancio di famiglie e imprese potrebbe peggiorare. In altre parole un litro di benzina potrebbe aggirarsi intorno a 1,9 euro, e poco più per il gasolio. Ciò non toglie che il Governo potrebbe sempre intervenire. La situazione avrebbe una ricaduta dirette sulle tasche dei contribuenti, già duramente provati dall’impennata dell’inflazione, ormai attestata sull’8%.

A cascata l’aumento dei prezzi alla pompa potrebbe pesantemente incidere anche su quelli dei prodotti di prima necessità, contribuendo ad impoverire maggiormente gli italiani. Stando a quelle che si apprende, gli autotrasportatori non sarebbero coinvolti nel fenomeno, alla luce del regime particolare a cui sono sottoposti.

Le ripercussioni

Rispetto a marzo scorso, il prezzo delle benzina è comunque cambiato. Ciò è dipeso dal taglio delle accise e dal volume della produzione dei paesi estrattivi. Ma se si prende in considerazione l’ultimo periodo, l’incidenza del costo dei carburanti avrà delle ripercussioni sugli automobilisti. Contro questo scenario tuona il Codacons: “Si tratta di una misura assurda che avrà effetti diretti e indiretti pesantissimi sulle tasche degli italiani”.

Come cambia il prezzo di gasolio e benzina
Come cambia il prezzo di gasolio e benzina – AnsaFoto

Il presidente del sindacato dei consumatori, Carlo Rienzi, afferma: “In primo luogo la riduzione del taglio delle accise provocherà un rialzo immediato dei prezzi di benzina e gasolio alla pompa di 12,2 centesimi al litro e una maggiore spesa pari a 6,1 euro a pieno, +146 euro annui a famiglia ipotizzando due pieni mensili di carburante, conto che sale al crescere dell’utilizzo dell’automobile da parte dei cittadini”. Rienzi aggiunge anche che: “In secondo luogo, fatto ancora più grave, l’abbassamento del taglio dell’accisa produrrà pesanti effetti indiretti, con un aumento dei prezzi al dettaglio per i beni trasportati, considerato che l’85% delle merci in Italia viaggia su gomma. Ci saranno quindi – continua – conseguenze negativa sull’inflazione, in un momento in cui i listini al dettaglio andrebbero calmierati”.