Nostradamus e la cupa profezia sul 2023: “Sette mesi di morti e malvagità”

Da una nuova lettura degli scritti di Nostradamus emerge la profezia di una “Grande guerra” nel 2023: ecco cosa accadrà secondo l’astrologo francese del ’500

Nostradamus profezia guerra
Foto | Wikimedia Commons
newsby Alessandro Boldrini29 Marzo 2022


Come se già non bastassero due anni di pandemia e il conflitto in Ucraina, il 2023 si preannuncia catastrofico. O perlomeno questa è l’ultima interpretazione degli scritti di Michel de Nostredame, l’astrologo francese vissuto nel ’500 meglio noto con lo pseudonimo di Nostradamus.

Rileggendo il testo di ‘Centuries et prophéties’, pubblicato per la prima volta nel 1555, alcuni osservatori hanno infatti notato delle affinità con la situazione geopolitica attuale evidenziando il rischio di un’escalation di violenza. Occorre ricordare, però, che tutte le profezie attribuite a Nostradamus sono in realtà delle interpretazioni soggettive. Le 947 quartine sul futuro del pianeta vergate dal profeta cinquecentesco non hanno pertanto alcun valore storico o predittivo. Anche se, in passato, le sue parole spesso si sono concretizzate in eventi nefasti. Vediamo quali sono le previsioni per l’anno prossimo.

Nostradamus e la profezia di una “Grande guerra” nel 2023

Coloro che sostengono l’attendibilità di queste profezie ricordano ad esempio che l’astrologo francese ha “anticipato” eventi come la Rivoluzione francese del 1789 o l’ascesa al potere di Adolf Hitler in Germania nel 1933. Ma anche la bomba atomica che nel 1945 ha posto fine alla Seconda guerra mondiale e perfino gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001.

Nostradamus
Foto | Wikimedia Commons

Nostradamus per il 2023 ha invece previsto – o meglio, gli viene attribuito – l’arrivo di “sette mesi di Grande guerra” con “gente morta di malvagità” e il “fuoco celeste sull’edificio reale”. Inoltre, nei suoi scritti Michel de Nostredame parla di due città francesi, Rouen ed Evreux, che “non cadranno in mano al re”. Non è chiaro, però, a chi faccia riferimento, trattandosi appunto di una mera interpretazione delle sue parole.

LEGGI ANCHE: Ilary e Totti si separano? I Simpson avevano previsto anche questo

Qualcuno, però, ha intravisto nelle quartine de le ‘Profezie’ un incrocio con le premonizioni della veggente bulgara Baba Vanga, al secolo Vangelija Pandeva Dimitrova (1911-1996). Anche le parole della “Nostradamus dei Balcani” riemergono in modo strumentale ogni volta che l’attualità fornisce un appiglio. Proprio come nel caso della guerra in Ucraina: “Tutto si scioglierà come ghiaccio. Solo uno rimarrà intatto: la gloria di Vladimir, la gloria della Russia. Nessuno potrà fermare la Russia”.

LEGGI ANCHE: Putin sulle stesse orme di Hitler | Lo dicono gli storici di ‘Never Again’

Queste sarebbero infatti le parole pronunciate da Baba Vanga stando a quanto trapela da un incontro con lo scrittore Valentin Sidorov. Parole che sembrano far riferimento al presidente russo Vladimir Putin. Al netto delle superstizioni, comunque, cosa ci riserverà il futuro? E, soprattutto, dobbiamo davvero preoccuparci come già accaduto il 12 dicembre 2012, giorno dell’ipotetica fine del mondo secondo una mal interpretazione del calendario Maya?

Vladimir Putin
Putin: Foto Pixabay | DimitroSevastopol

La risposta è no: possiamo stare tranquilli. Perché ultimamente le profezie di Nostradamus – o di chi ne riadatta le parole – non sono state molto accurate. Per il 2022 si attendevano infatti un’inflazione devastante, la carestia, il cannibalismo, la supremazia dell’intelligenza artificiale sugli esseri umani, la crisi economica (con annesso trionfo delle criptovalute); ma anche siccità, inondazioni, assedi e perfino una massiccia caduta di asteroidi. Di tutto e di più.


Tag: Nostradamus