Orologio di cortesia per turisti e Rolex in hotel: la proposta a Napoli

Iniziativa già adottata nel 2006, l'idea ora è di espanderla: "Proponiamo ai turisti un orologio di plastica, mentre il loro è al sicuro"

Un turista a Napoli, con orologio al polso
Foto | Newsby
newsby Redazione24 Giugno 2022



Cesare Foà, presidente Advunite/Aidit Campania Federturismo, lancia un’idea già concretizzatasi nel 2006. E ora, dopo aver parlato con gli assessori Casucci e Armato, l’iniziativa diventa realtà. Un “orologio di cortesia“, da fornire ai turisti durante il loro soggiorno a Napoli per evitare il rischio di scippi.

“Orologio di cortesia”: da dove arriva l’idea

L’idea mi è nata da una foto che l’assessore Armato ha dato all’attore Daniel Auteuil. Gli ha consegnato, in maniera simbolica, un orologio di plastica in sostituzione al suo. E allora mi sono detto che potevamo riprodurre questa iniziativa, allo scopo di evitare di finire sempre sui giornali in maniera negativa“, ha raccontato Cesare Foà.

Quindi ha spiegato più nel dettaglio in che cosa consista l’iniziativa. “Facciamo un orologio con i simboli della nostra Regione, e quindi della Campania. Poi lo diamo ai turisti che alloggiano in strutture alberghiere della zona – ha illustrato –. I turisti possono quindi lasciare il loro nelle casseforti delle strutture alberghiere, e noi gliene diamo uno di plastica“.

Come funziona l’iniziativa e come renderla realtà

L’idea è già nata nel 2006, e concretizzata in quel periodo – ha ribadito Foà –. Ora ripetiamo l’esperimento, si potrebbe fare se troviamo un imprenditore che possa produrre un orologio di questo tipo. Ovviamente con un suo ritorno economico. Nel 2006 tutti gli alberghi li hanno avuti e distribuiti nel giro di una settimana. Il problema è che poi la produzione finì per mancanza di fondi. Ora propongo di farne mille, con la vendita si può pensare di ampliare la produzione“.

Il turista lascia il suo orologio nella cassaforte della reception, così non ci sono rischi di scippo. Tanto più che questo fenomeno dello scippo passa per Napoli, ma chiaramente avviene in tutto il mondo. Quindi non vorrei che passasse un messaggio sbagliato. Noi diamo solo la possibilità di custodire i propri beni di lusso, dandone uno di plastica in cambio. È un modo per dare tranquillità al nostro cliente finale“, ha quindi voluto precisare Foà.


Tag: FederturismoNapoliorologi