Autore: Monica Coluccia

Romana d’adozione, sommelier dal 2004, ha collaborato per circa dieci anni alla realizzazione degli eventi del vino nella Capitale e alla redazione di riviste e guide di settore di diffusione nazionale (Duemilavini, Bibenda, AIS-Vitae, L’Espresso). Dal 2014 presta l’esperienza acquisita alla comunicazione del vino in contesti professionali con seminari di degustazione in tutta Italia, potendo offrire una profonda conoscenza sui territori vitivinicoli italiani e francesi in generale. Lo Champagne ha fatto breccia nel suo percorso professionale lavorando per la guida Le Migliori 99 Maison di Champagne. Scrive per gli appassionati del vino su vinotype.it e intralcio.it

Gli amanti dei vini da vitigni rari possono trovare un ottimo approdo nel Langhe Rossese Bianco prodotto dalla famiglia Boffa a Monforte d’Alba in Piemonte. A gestire vigneti e cantina di Amalia Cascina in Langa c’è Paolo Boffa, produttore schivo, riflessivo e molto determinato. Sin da subito sostiene l’intuizione del padre Gigi che sceglie di dedicarsi alla valorizzazione del rossese bianco. Prosegue, inoltre, la tradizionale cura dei vitigni radicati in zona, ossia il nebbiolo da Barolo, la barbera e il dolcetto, già presenti in azienda all’epoca dell’acquisto della Cascina nel 2003. Il rossese bianco Il rossese bianco è tuttora ancora…

Read More

Tra i vitigni internazionali che si sono acclimatati in Italia il syrah è quello che è riuscito a trovare una sua particolare microarea d’elezione. Siamo a Cortona, in provincia di Arezzo. Tra gli interpreti determinanti per l’attualità e il futuro della viticoltura di qualità cortonese, e Toscana più in generale, c’è Filippo Calabresi con la sua Tenimenti d’Alessandro. Dal 2015 Filippo Calabresi controlla personalmente l’intera filiera produttiva dei vini prodotti nei trenta ettari di vigneti di località Manzano, dopo che nel 2013 la sua famiglia acquisì l’eredità storica e produttiva creata nei precedenti trent’anni nel territorio cortonese dai fratelli d’Alessandro,…

Read More

L’Institute of Masters of Wine ha comunicato dieci nuovi Master of Wine e tra questi c’è Gabriele Gorelli, il primo Master of Wine italiano in 68 anni di storia del famoso istituto londinese. Gabriele Gorelli è esperto di vino e designer, nato e cresciuto a Montalcino, in Toscana. Con una laurea in lingue straniere – parla correntemente inglese e francese – e una grande passione per il marketing nel 2004 ha fondato la Brookshaw & Gorelli, una agenzia di design per la progettazione di contenuti video per il mondo del vino. Nel 2015 inizia l’attività di consulenza per la vendita…

Read More

Alcune importanti aziende del vino italiano sono legate alla storia di famiglie di nobile lignaggio. Una di queste è la Tenuta di Fiorano del principe Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi. Nel sangue di Alessandrojacopo l’intreccio secolare dei Boncompagni e dei Ludovisi, duchi e principi, cardinali e papi (ricordiamo Papa Gregorio XIII, al secolo Ugo Boncompagni, e Papa Gregorio XV, nato Alessandro Ludovisi). La Tenuta di Fiorano è una delle pertinenze dei Boncompagni Ludovisi dedicata all’attività agricola. Duecento ettari di seminativi, oliveti e vigneti, condotti in regime di agricoltura biologica, sfruttando per la concimazione naturale, un tempo, il pascolo di bovini, più di…

Read More

Anche quest’anno gli organizzatori di Campania Stories provano a correre più velocemente del Covid-19, programmando con grande anticipo l’appuntamento di presentazione delle nuove annate dei vini prodotti dai principali protagonisti della viticoltura campana. Lo scorso anno la kermesse è stata una delle poche occasioni di incontro svolto in presenza e in sicurezza del settore vino, rimandata, come tante (dalla primavera a fine estate), ma non annullata. Le “stories” dei vignaioli e dell’attualità della Campania del vino saranno presentate al mondo della stampa, degli operatori e del pubblico dei consumatori da lunedì 30 agosto a giovedì 2 settembre in Costiera Amalfitana,…

Read More

C’è di che scaldarsi, corpo e cuore, assaggiando il Sangiovese Il Roccafiore 2017 della cantina Roccafiore. Siamo a Todi, in collina, nella frazione di Chioano, in una zona spruzzata di verde e giallo ocra: vigneti, oliveti, boschi e campi per seminativi. Dei novanta ettari di tenuta, che la cantina si spartisce con uno splendido resort, circa quindici sono occupati da vigneti composti con le varietà viticole più diffuse in zona: grechetto di Todi, sangiovese e sagrantino su tutti. Sangiovese Il Roccafiore 2017, un abbraccio alcolico Del Sangiovese Il Roccafiore 2017 apprezzerete soprattutto l’abbraccio alcolico, assolutamente non invasivo, ma dosatissimo, quasi…

Read More

In Italia ci sono tantissimi piccoli paesi, anche poco abitati, che conservano nel tessuto urbano e nel nome un’eredità storica potentissima. Tarquinia nell’alto Lazio è uno di questi. Tre dei sette re di Roma vennero da qui, in rappresentanza della dinastia etrusca (Tarquinio Prisco, Servio Tullio, Tarquinio il Superbo) e qui, tra le altre cose, troverete una necropoli etrusca inserita nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO (in accoppiata a quella della vicina Cerveteri). L’origine del nome Velca L’aria etrusca si respira ancora, nelle tradizioni, nei resti architettonici, nei nomi di luoghi e persone e l’influenza di questa civiltà rivive anche nelle storie…

Read More

Anche un piatto verace e schietto come la pastasciutta al pomodoro ha diritto al suo calice di vino a tavola. Nel piatto pasta di grano duro, salsa di pomodoro, basilico, un pizzico di sale e un filo d’olio. Una preparazione spesso veloce se si ha la salsa pronta d’inverno; dai ritmi più lenti invece se si hanno i pomodori intonsi e maturi d’estate. C’è da accompagnare principalmente quella che gli addetti ai lavori chiamano “tendenza dolce” del piatto, in questo particolare caso data dalla pasta e dal pomodoro, e il contributo acido della salsa. Nulla di più, se non quella…

Read More

Sardegna è sinonimo di profumo, prima che di vacanze. Tra i profumi sardi anche quelli dei vini di qui, a base vermentino e cannonau. In Ogliastra c’è la famiglia Pusole, radicata tra le terre di Baunei e Lotzorai, ricoperte da scisto e macchia mediterranea: guardano il mare a est e l’entroterra subito collinare a ovest. L’azienda Pusole, interamente biologica Lorenzo e Roberto Pusole gestiscono un’azienda agricola, interamente biologica, a tutto tondo: non solo vigneti dedicati a cannonau, vermentino e varietà autoctone ma anche oliveti (con cultivar di bosana e ogliastrina), mais, ortaggi, allevamento di suini allo stato semibrado di razza…

Read More

La ribalta della viticoltura della Costiera Amalfitana è stata negli ultimi tre lustri quasi esclusivamente appannaggio della qualità offerta dai vini di Marisa Cuomo e Andrea Ferraioli, nati grazie al fattivo contributo dell’enologo Luigi Moio. In particolare gli appassionati più avvisati si sono abbeverati con fiumi di Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva, una certezza vendemmia dopo vendemmia, perché sempre di squisita bontà e prestanza aromatica e anche perché il primo vino in cui sono state messe insieme con maestria varietà locali, recuperate dall’abbandono, come ripoli, fenile e ginestra. Altri hanno iniziato a provarci con buon successo e ottima prospettiva. Coloro…

Read More