Terzo polo, Calenda a Salvini: “Persona vicina a Putin, querelami”

In un Paese che ha il senso della patria non avresti rimesso piede sul suolo patrio", ha aggiunto il leader del Terzo polo

newsby Alessandro Boldrini3 Settembre 2022



Il leader di Azione, Carlo Calenda, dal palco del congresso di apertura della campagna elettorale del Terzo polo si è rivolto direttamente al segretario della Lega, Matteo Salvini, indicandolo fra le “persone vicine a Putin“: “Querelami Salvini – ha attaccato -. Guarda le foto di quando eri al Parlamento europeo dicendo ‘do indietro due Mattarella per mezzo Putin’. In un Paese che ha il senso della patria non avresti rimesso piede sul suolo patrio, altroché. Querelami!“.

Elezioni, Calenda a Letta: “Tuoi non sono occhi di tigre, ma strabici”


Calenda non ha risparmiato delle aspre critiche neppure a Enrico Letta, il leader del Pd. “Enrico, mi dispiace, non sono occhi di tigre, ma occhi strabici. Il Paese reale non è questo, non è quello che descrivi, non lo puoi dividere a martellate. Questo Paese va riappacificato“. Commentando i sondaggi, Calenda ha detto di non essere soddisfatto di aver superato Forza Italia ma di voler andare oltre: “A Roma siamo partiti al 5 e siamo arrivati al 20%. Cerchiamo di darci una mossa per arrivare lì dove dobbiamo arrivare“, ha aggiunto.

Terzo polo, Calenda: “Dopo elezioni apriremo cantiere vasto”


Il leader di Azione ha poi dichiarato che “subito dopo queste elezioni apriremo un cantiere vasto, chiamatelo fronte repubblicano, esattamente quello a cui Mario Draghi ha improntato la sua azione“. Una “casa“, ha aggiunto, “aperta agli amici Cottarelli, Bentivoglio, Bonino, Gori, Giorgetti e Sala“.

Elezioni, Renzi: “Noi unico voto utile perché l’Italia torni a crescere”


Dal canto suo, Matteo Renzi, il leader di Italia Viva, ha cercato di dare ai presenti delle buone ragioni per votare per il Terzo Polo. “Siamo l’unico voto utile perché l’Italia torni a crescere. Vogliamo sfidare la sovranista Meloni all’elezione diretta del presidente della Commissione europea, perché l’Europa ha bisogno di democrazia e del nostro impegno – ha aggiunto l’ex premier -. Torniamo a fare dell’Europa la casa della democrazia“.

Terzo polo, il siparietto Renzi-Calenda con la giacca del leader di Azione


Durante il congresso non è mancato un piccolo siparietto tra i due punti di riferimento del Terzo Polo. Nel corso del suo intervento dal palco, Calenda si è tolto la giacca e Renzi si è prontamente alzato per prenderla. Calenda ha risposto al gesto di cortesia con una battuta che ha suscitato l’ilarità del pubblico: “Quando sei così gentile mi preoccupo“.

Elezioni, ressa e spintoni per congresso Terzo polo: sostenitori respinti


Prima dell’inizio del congresso non è mancato qualche disordine. Ci sono state, infatti, delle resse e degli spintoni per entrare all’evento. Raggiunta la capienza massima della sala della Superstudio Events di via Tortona, centinaia di sostenitori sono stati bloccati a fatica dai volontari fino a quando non è stata chiusa la porta d’accesso. L’assessora milanese Alessia Cappello, in veste di ‘conduttrice’ della serata, si è scusata dal palco con tutti coloro che non sono riusciti ad entrare.


Tag: Carlo CalendaElezioni 2022Matteo RenziTerzo polo