Conte sempre più vicino allo strappo con Draghi: “Non ci possiamo essere”

A pochissimi giorni dall’incontro a Palazzo Chigi, il leader del Movimento 5 Stelle minaccia la crisi: “Ci siamo se l’esecutivo agisce sulle priorità, altrimenti no”. Di Maio va all’attacco: “Così presta il fianco a Putin”

Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle
Foto | Newsby
newsby Lorenzo Grossi9 Luglio 2022


Proseguono le fibrillazioni all’interno della maggioranza che sostiene (o che dovrebbe sostenere) il governo. Il recente incontro tra Mario Draghi e Conte non ha per niente allentato le tensioni tra il Movimento 5 Stelle e Palazzo Chigi. E il leader del Movimento, Giuseppe Conte, ospite a Bisceglie della maratona digitale Digithon 2022, ha ribadito la sua posizione. “Siamo in un governo di unità nazionale, il vero discrimine è rispetto alle priorità del Paese, ovvero valutare se nel governo “c’è la concreta determinazione ad affrontarle adesso, a intervenire ora. La responsabilità di lasciare che la situazione peggiori senza intervenire non la possiamo condividere”. Conte ha citato il taglio del cuneo fiscale e “il salario minimo.

Poi aggiunge: “Se la risposta è noi ci siamo, se è no non ci possiamo essere per responsabilità. A chi gli chiedeva quale fosse la “deadline” per la risposta di Draghi ai nove punti presentati dal M5s, l’ex premier ha risposto: Le urgenze sono oggi. Non stiamo parlando né di mesi né di settimane. Aspettiamo che Draghi faccia le sue verifiche”. Ma se la sua risposta a queste richieste “dovesse essere no, non ci possiamo essere, ma per responsabilità”.

Intanto monta la polemica politica. Luigi Di Maio avverte: “Ogni partito, prima di minacciare la tenuta del governo, dovrebbe fortemente interrogarsi sugli effetti che una crisi potrebbe determinare. Aprire una crisi di governo significa prestare il fianco alla propaganda di Putin, che a sua volta otterrebbe l’obiettivo di sgretolare il nostro esecutivo”, ha detto il ministro degli Esteri. Che ha aggiunto: “Gli italiani non vogliono le urla e gli slogan, vogliono vederci governare. In questo momento dovremmo già essere al lavoro per pianificare gli investimenti della prossima legge di bilancio, perché se non facciamo programmazione l’Italia non riuscirà a crescere”.

Movimento 5 Stelle, le richieste portate da Conte a Draghi: i 9 punti del documento

“Nei 9 punti del documento presentato a Draghi, se avrete la bontà di leggerlo, non troverete bandierine del M5s e nemmeno un libro dei sogni”, ha detto Conte. “Qui sono rappresentate le urgenze del Paese. Noi come Movimento 5 Stelle siamo stati sin qui marginali. Non ci stiamo lamentando di questa marginalità. Ci sta”, ma “avvertiamo disagio”. Alla domanda se si può partire o bisogna restare “in zona” perché cade il governo, il leader del M5s ha risposto: “Partite per la vostra vacanza, poi vi aggiorneremo”.

Conte si è detto “molto sereno”, aggiungendo: “Non sto dicendo che cadrà il governo se non verrà realizzato il Ponte sullo stretto di Messina e nemmeno se il governo assumerà per il Pnrr 300 esperti e adesso sono 1.500. Qui c’è una questione seria, riguarda la responsabilità nei confronti del Paese. Chi conosce come funziona l’attività parlamentare, lo sa. C’è una responsabilità da parte del M5s, che si è assunta da quando è partito questo governo. Abbiamo sempre svolto il nostro lavoro con responsabilità con correttezza per dare un contributo quotidiano nelle Aule e nelle commissioni. Noi siamo qui per una missione: migliorare la qualità di vita dei cittadini e diminuire il divario tra il privilegio e i non garantiti, tra chi in questa situazione può arricchirsi ancor di più e chi sarà costretto ad abbassare le saracinesche”.


Tag: Giuseppe ConteGovernoMovimento 5 Stelle