Cina e Russia svelano i piani per il nuovo ordine mondiale

Putin e Xi Jinping hanno delineato una visione delle relazioni internazionali ancorate al loro potenziale di rafforzarsi a vicenda nelle controversie con gli Stati Uniti e i loro alleati, cooperando su una serie di fronti economici e diplomatici

cina e russia unite contro l'occidente
Foto Flickr | Kremlin.ru
newsby Giulia Martensini5 Febbraio 2022


In una dimostrazione di unità, il presidente cinese Xi Jinping e Vladimir Putin si sono incontrati a Pechino in vista dell‘apertura ufficiale delle Olimpiadi invernali. L’incontro di venerdì è stato il primo incontro faccia a faccia di Xi con un leader straniero in quasi due anni. Il leader cinese non ha mai lasciato la Cina dal gennaio 2020.

È stato anche un raro viaggio all’estero per Putin, che ha lasciato la Russia solo due volte dallo scoppio del Covid.

L’incontro è arrivato mentre da mesi è incorso il deterioramento delle relazioni di Mosca con l’Occidente a causa della crisi in Ucraina. Al tempo stesso anche le relazioni tra Occidente e Cina non sono delle migliori, soprattutto per l’accusa di violazioni dei diritti umani.

Le relazioni tra Cina e Russia

Dopo l’instaurazione del regime comunista nel 1949, la Cina godette dell’abbondante sostegno dell’Unione Sovietica. Ma le due potenze socialiste in seguito si scontrarono per divergenze ideologiche.

Le relazioni sono tornate in carreggiata quando la guerra fredda è finita negli anni ’90. I due Paesi hanno perseguito una partnership strategica negli ultimi anni che li ha visti lavorare a stretto contatto su questioni commerciali, militari e geopolitiche.

Questi legami si sono rafforzati ulteriormente durante l’era di Xi Jinping. In un momento in cui Russia e Cina si trovano sempre più in contrasto con le potenze occidentali. Nel 2014, in una dimostrazione di sfida contro le feroci critiche occidentali sull’annessione della Crimea, Putin si è rivolto a Xi per cercare un’alternativa. Pechino ha mostrato il suo sostegno firmando un accordo sul gas da 400 miliardi di dollari per 30 anni.

La Cina scende in campo a fianco della Russia

Il cinese Xi Jinping e il russo Vladimir Putin hanno firmato una dichiarazione congiunta chiedendo all’Occidente di “abbandonare gli approcci ideologizzati della guerra fredda“,

I politici hanno anche affermato che i legami tra i due Paesi “non hanno limiti e che non ci sono aree di cooperazione proibite“. Nella dichiarazione congiunta rilasciata dal Cremlino, Putin e Xi hanno invitato la Nato a escludere l’espansione nell’Europa orientale. Inoltre hanno denunciato la formazione di blocchi di sicurezza nella regione dell’Asia del Pacifico e hanno criticato il patto di sicurezza trilaterale di Auku tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia. La dichiarazione mostra le ambizioni e le ansie condivise da Cina e Russia. E come hanno trovato sempre più un interesse comune nei rispettivi disaccordi con le potenze occidentali, affermano gli analisti.

Le parti si oppongono all’ulteriore espansione della Nato, invitano l’alleanza del Nord Atlantico ad abbandonare gli approcci ideologizzati della guerra fredda. A rispettare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di altri paesi, la diversità dei loro modelli di civiltà e storico-culturali e a trattare lo sviluppo pacifico di altri stati in modo obiettivo ed equo”, si legge nel documento.

Putin e Xi uniti verso un obiettivo comune

Allo stesso tempo, il documento ha affrontato le preoccupazioni cinesi riguardo alle alleanze commerciali e di sicurezza guidate dagli Stati Uniti nella propria regione. Qualcosa su cui Pechino ha intensificato le sue critiche negli ultimi anni.

Le parti si oppongono alla formazione di strutture a blocchi chiusi e campi opposti nella regione dell’Asia del Pacifico. E rimangono altamente vigili sull’impatto negativo della strategia indo-pacifica degli Stati Uniti sulla pace e la stabilità in questa regione”, si legge. Mentre ci sono ancora ostacoli nelle relazioni ed è improbabile un’alleanza a tutti gli effetti tra Mosca e Pechino, le due parti stanno segnalando che vogliono ridurre l’influenza degli Stati Uniti nelle rispettive regioni. Stiamo lavorando insieme per dare vita al vero multilateralismo, ha detto Xi. “Difendere il vero spirito della democrazia serve come base affidabile per unire il mondo nel superare le crisi e difendere l’uguaglianza“.

La dichiarazione ha anche dedicato un’intera sezione alla comprensione condivisa delle due parti di “democrazia” e ha affermato che entrambi i Paesi “hanno tradizioni di democrazia di lunga data“. Ma hanno detto che la difesa della democrazia e dei diritti umani “non deve essere usata per fare pressione su altri Paesi”.

Il coordinamento della politica estera tra Russia e Cina si basa su approcci ravvicinati e coincidenti per risolvere problemi globali e regionali“, ha scritto Putin.

Il leader russo ha anche colpito i boicottaggi diplomatici guidati dagli Stati Uniti delle Olimpiadi di Pechino, innescati dalla situazione dei diritti umani della Cina. “Purtroppo, i tentativi da parte di un certo numero di paesi di politicizzare lo sport per i loro interessi egoistici si sono recentemente intensificati“, ha scritto Putin, definendo tali mosse “fondamentalmente sbagliate“.

Cosa prevedono gli accordi commerciali tra i due Paesi

Dopo i loro colloqui, Russia e Cina hanno anche firmato una serie di accordi commerciali ed energetici. Incluso un nuovo contratto per la Russia per la fornitura di ulteriori 10 miliardi di metri cubi di gas ogni anno alla Cina, ha annunciato Putin. Gazprom ha annunciato il contratto di 30 anni per la fornitura del gas dall’estremo oriente russo alla società energetica statale cinese CNPC.

La Russia fornisce già alla Cina circa 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno tramite il suo gasdotto Power of Siberia. Ma sta valutando un secondo gasdotto che aprirebbe un mercato aggiuntivo per i giacimenti di gas della penisola di Yamal poiché il suo gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania è stato minacciato di sanzioni in caso di un attacco russo all’Ucraina. 

La questione Ucraina

Da parte sua, la Cina è diventata più esplicita nel sostenere la Russia nella sua disputa con le potenze della Nato sull’Ucraina. In un cenno agli interessi russi in Ucraina, la Cina ha affermato di “comprendere e sostenere le proposte avanzate dalla Federazione Russa sulla formazione di garanzie di sicurezza giuridicamente vincolanti a lungo termine in Europa“, afferma il documento.

La scorsa settimana, il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha definito “legittime” le preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza, affermando che dovrebbero essere “prese sul serio e affrontate“. Mosca sta cercando sostegno dopo che il suo dispiegamento di 100.000 soldati vicino al confine con l’Ucraina ha spinto le nazioni occidentali ad avvertire di un’invasione e minacciare “gravi conseguenze” in risposta a qualsiasi attacco russo. I leader di Francia e Germania hanno detto che hanno in programma di recarsi a Mosca nelle prossime settimane per continuare i colloqui con Putin e scongiurare una potenziale invasione dell’Ucraina.

 


Tag: CinaRussiaVladimir PutinXi Jinping