Ruby ter, il maggiordomo di Arcore: “Il bunga-bunga era una discoteca”

La deposizione di Giuseppe Brumana al processo Ruby ter a Milano. L'avvocato Cecconi: "Berlusconi pensa al Monza e alle nozze? Meglio così"

newsby Antonio Lopopolo16 Marzo 2022



“Il bunga-bunga era una saletta, dove andavano dopo le cene, una specie di discoteca dove c’era della musica”. Lo ha detto Giuseppe Brumana, storico maggiordomo di villa San Martino ad Arcore, testimoniando, convocato da una delle difese, nel processo milanese sul caso Ruby ter a carico di Silvio Berlusconi e altri 28 imputati. Alla sbarra ci sono anche diverse ex “olgettine” accusate di corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza. “C’era un bel via vai alle cene – ha spiegato Brumana, dal 2009 maggiordomo e prima, dal ’97, cameriere ad Arcore -. Arrivavano e se ne andavano”. Rispondendo alle domande del pm Luca Gaglio, dopo quelle del legale Daniele Melegari (difensore di Maria Rosaria Rossi e Simonetta Losi), il teste ha spiegato che “Ruby non è rimasta lì ad Arcore due settimane” nel 2010, perché le “ragazze se ne andavano” dopo le cene.

LEGGI ANCHE: Berlusconi al Ruby ter, le deposizioni: “Lui generoso, è accanimento”

Ruby Ter, Cecconi: “Berlusconi concentrato su Monza e nozze? Meglio così”


“La possibilità di rendere dichiarazioni spontanee non è preclusa ad uno specifico momento del dibattimento e quindi se lo riterremo opportuno certamente vi sarà la massima disponibilità del presidente Berlusconi a rendere dichiarazioni che noi riterremo significative e questo non vuol dire che non possa andare a vedere il Monza”. Lo ha spiegato ai cronisti l’avvocato Federico Cecconi, che difende l’ex premier, al termine dell’udienza del processo Ruby ter. A chi gli ha fatto notare che il Cavaliere “sembra più concentrato sul Monza e sulla festa di fidanzamento di sabato”, l’avvocato ha risposto: “Meglio, vuol dire che me ne devo occupare soltanto io di questo processo”.

LEGGI ANCHE: Berlusconi sposa Marta Fascina? L’annuncio sarebbe ormai imminente

Boccari: “Karima non ha mai trascorso 14 serate di fila ad Arcore”


Infine, fuori dall’aula bunker del tribunale di Milano è intervenuto anche l’avvocato Paola Boccari, legale di Karima El Mahroug. Parlando con la stampa, ha fatto riferimento a una domanda fatta in aula dal pm ad un teste, precisando che è “pacifico che Karima sia stata ad Arcore in alcune serate tra febbraio e maggio 2010, ma non ci sono mai state 14 serate di fila con lei ad Arcore”.


Tag: Daniele MelegariFederico CecconiGiuseppe BrumanaKarima El MahrougLuca GaglioMaria Rosaria RossiPaola BoccariRuby terSilvio BerlusconiSimonetta Losi