Serie A, il fuorigioco semiautomatico debutta in Supercoppa Italiana: ecco come funziona

È pronto a debuttare nel derby tra Milan e Inter del 18 gennaio. In campionato sarà dalla prima di ritorno. Accadrà alla prima giornata di ritorno

Guardalinee
Foto Pixabay | @chiraphat
newsby Redazione11 Gennaio 2023


Il fuorigioco semiautomatico debutterà in Supercoppa Italiana, tra Milan e Inter in Arabia Saudita, il 18 gennaio e in campionato per la prima di ritorno, con Bologna-Spezia di venerdì 27 gennaio, alle 18.30. Questo è quanto stato detto durante la presentazione a Lissone, alle porte di Milano, all’International Broadcasting Center, centro di produzione all’avanguardia dove nascono tutti i contenuti di Lega serie A (inaugurato nel luglio 2021). Qui vengono gestiti tutti i servizi relativi ai contenuti video, audio, e dati delle partite di A, Coppa Italia e Supercoppa Italiana.

Guardalinee con bandierina
Foto Pixabay | @planet_fox

Esame superato in Qatar 2022

Il fuorigioco semiautomatico ha passato a grandi voti, ma non c’erano dubbi, l’esame del Mondiale in Qatar, vinto dall’Argentina di Lionel Messi ai rigori contro la Francia (18 dicembre 2022). E proprio all’Albiceleste furono annullati tre gol contro l’Arabia Saudita, unica gara persa dalla Nazionale di Lionel Scaloni (2-1, il 22 novembre 2022). Le decisioni arrivarono nel giro di pochi secondi e la riproduzione grafica trasmessa anche sui maxi schermi dello stadio fu talmente precisa da non lasciare spazio ai dubbi. Esattamente, per intenderci, come succede nei più moderni videogiochi calcistici.

Cos’è il «semi-automated offside»

Cos’è, però, il fuorigioco semiautomatico e come funziona davvero? Il «semi-automated offside» è un supporto tecnologico avanzato che rientra nell’alveo della Var e funziona grazie a una rete di 12 telecamere dedicate. Le immagini vengono elaborate dall’intelligenza artificiale che rileva in tre dimensioni la sagoma dei calciatori e riproduce in maniera digitale la posizione degli uomini in campo nel momento esatto in cui il pallone viene toccato dall’ultimo giocatore. L’elaborazione è simile a quella utilizzata nei videogames. «È uno strumento che offre un supporto agli arbitri di campo e in sala Var per aiutarli a prendere decisioni più veloci, accurate e uniformi», si legge nella nota della Fifa.

Pallone in campo
Foto Pixabay | @derJani

Come funziona

In sostanza, l’intelligenza artificiale riconosce 29 punti sul corpo di ogni giocatore in campo e ne riproduce la fisicità per stabilire in appena mezzo secondo l’eventuale fuorigioco. In questo modo sono sufficienti 20 secondi circa dalla fine dell’azione (necessari per le comunicazioni tra sala Var e arbitro di campo) per l’ufficializzazione della decisione finale che spetta sempre al primo arbitro. È il calcio che entra nel futuro e che cerca di zittire le polemiche. Annullare dubbi e perplessità. Poco prima di Natale fu Gabriele Gravina, presidente della Figc, ad annunciare l’introduzione del fuorigioco semiautomatico anche in A, in Italia. Adesso la novità: il debutto vero sarà, quindi, per la finale Milan-Inter. Il derby di Milano in Supercoppa Italiana. E non poteva esserci miglior palcoscenico. 


Tag: CalcioLega Serie ASerie A