Dopo il caos in Champions, Parigi è pronta a ospitare le Olimpiadi?

La finale dello Stade de France ha scatenato polemiche anche dentro la Francia: “Non siamo preparati per eventi come i Giochi”

Parigi, capitale della Francia
Foto | Pixabay nuno_lopes
newsby Lorenzo Grossi30 Maggio 2022


Riuscirà Parigi a organizzare le Olimpiadi del 2024? La domanda si pone legittimamente dopo che (più di) qualcosa è andato storto sabato 28 maggio in occasione della finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. La partita dello Stade de France è iniziata con 37 minuti di ritardo. I tifosi erano rimasti imbottigliati fuori dallo stadio. Secondo i dirigenti della Uefa e la polizia francese, a creare l’imbuto è stato l’arrivo improvviso di migliaia supporters del Liverpool (si è parlato di 40.000 persone) senza biglietto o con biglietti falsi. Questo avrebbe creato notevoli disagi. Intasando l’ingresso ai tornelli e costringendo la polizia a sparare fumogeni e caricare la folla quando a un certo punto gli spettatori si sono lanciati contro i cancelli.

Tuttavia i tifosi, gli osservatori della polizia britannica, avvocati e gruppi di sostenitori hanno invece accusato il malfunzionamento dei tornelli, che non avrebbero riconosciuti biglietti validi portando all’allontanamento di tifosi che avevano legittimamente acquistato il titolo. A questo si sarebbe aggiunto lo sciopero dei treni, che avrebbe costretto gli spettatori a viaggiare ammassati sui mezzi a disposizione. Nonché la mancanza di preparazione e la carenza di personale. Una figuraccia in mondovisione determinata anche dal fatto che solo tre mesi fa la capitale della Francia ha preso il ‘testimone’ da San Pietroburgo per la finalissima dopo lo scoppio della guerra in Ucraina.

L’opposizione a Macron si dice certa che Parigi farà fatica a organizzare le Olimpiadi

Le critiche non sono arrivate soltanto dall’Inghilterra. Qua il segretario di Stato britannico per la Cultura e lo Sport, Nadine Dorries, ha chiesto formalmente all’Uefa di avviare un’indagine ufficiale. L’indignazione è stata rumorosa anche internamente da parte delle forze politiche francesi d’opposizione. Tra due anni Parigi ospiterà le Olimpiadi e l’immagine fornita due giorni fa non è di certo lusinghiera. “Tutto il mondo ci guarda”, ha commentato Marine Le Pen, leader di Rassemblement National e recentemente sconfitta alle Presidenziali da Macron. “Le altre capitali che hanno visto si sono rese conto che la Francia non è più in grado di organizzare grandi manifestazioni senza che degenerino”.

Avvenimenti che l’hanno messa d’accordo addirittura con Jean-Luc Mélenchon, leader della sinistra radicale e quindi di idee diametralmente opposte a Le Pen. “Le immagini che abbiamo visto sono deplorevoli e preoccupanti, ha commentato. “Non siamo preparati per eventi come le Olimpiadi”. La nuova ministra dello Sport, Amélie Oudéa-Castéra, ha indetto un incontro con tutti gli attori coinvolti per capirci di più ed evitare incidenti simili in futuro. Emmanuel Macron, fino al pomeriggio del 30 maggio, è rimasto in silenzio. L’ultimo suo tweet non politico è stato sì sulla Champions, ma di rugby. Si è complimentato per la vittoria di La Rochelle nella finale di Marsiglia.


Tag: Champions LeagueOlimpiadiParigi