Squid Game, la seconda stagione parla della crisi attuale a guarda all’Italia

Il regista sudcoreano Hwang Dong-hyuk racconta la seconda stagione di Squid Game e lavora a un film ispirato ai libri di Umberto Eco

Squid Game 2
Foto Unsplash | Vadim Bogulov
newsby Alessandro Boldrini11 Aprile 2022


Cresce l’attesa nel mondo per la seconda stagione della popolarissima serie televisiva Squid Game. Dopo il travolgente successo delle prime nove puntate, che hanno reso la produzione sudcoreana il prodotto di maggior successo di sempre di Netflix, i fan attendono con trepidazione di scoprire quali nuove sfide dovranno affrontare i protagonisti della seconda stagione.

Una seconda stagione all’insegna dell’attualità, che saprà riflettere “le crisi del mondo di oggi”. Lo assicura Hwang Dong-hyuk, il regista di quello che a tutti gli effetti è diventato un vero e proprio fenomeno globale da oltre 1,6 miliardi di ore di visione. Hwang Dong-hyuk è intervenuto in videocollegamento insieme all’attore Park Hae-soo (che nella prima stagione interpreta lo spietato operatore finanziario Cho Sang-woo) durante gli incontri dell’annuale kermesse Contenders Television della rivista Deadline a Los Angeles sulle serie più attese e amate della stagione televisiva. Vediamo allora quali sono le novità annunciate di Squid Game 2.

Squid Game 2, tornano due protagonisti e il regista lavora a un film sui libri di Eco

In Squid Game 2 “e in tutti gli altri progetti a cui sto lavorando, sarà impossibile non affrontare temi come la polarizzazione politica, le divisioni culturali e sociali, l’emergenza climatica, le crisi del mondo di oggi. Sono argomenti sui quali continuo la mia osservazione e la mia critica”, dichiara il regista dello show sudcoreano (nella foto sotto). Stando a quanto spiega Hwang Dong-hyuk, la sceneggiatura della seconda stagione dovrebbe essere pronta per il 2024.

Hwang Dong-hyuk Squid Game 2
Foto YouTube | Netflix Asia

La speranza, ovviamente, è quella di replicare il successo della prima stagione. Successo che, ricorda l’autore, è però arrivato dopo dieci anni di rifiuti. “Negli ultimi sei mesi ci sono successe tante cose miracolose, abbiamo vinto tanti premi. Ma la parte che ha avuto più valore per me è stata poter viaggiare e sentirmi dire dalle persone in varie parti del mondo che si sentono rappresentati dalla serie, che è come se ne facessero parte”.

LEGGI ANCHE: HoYeon Jung conquista gli Usa: nuovo primato per l’attrice

Il successo di Squid Game è infatti coronato da tre Screen Actors Guild Awards, un Golden Globe e uno Spirit Award. Il tutto in attesa delle nomination agli Emmy, che saranno annunciate il prossimo 12 luglio. Ma cosa dovranno aspettarsi i fan dalla seconda stagione? “Conosco il flusso generale della storia e so quali personaggi appariranno”, aggiunge Hwang Dong-hyuk. Tanto che ne annuncia già due: “Sicuramente ci sarà il protagonista Seong Gi-hun, interpretato da Lee Jung-jae, “e ritroveremo il Front Man”, il misterioso responsabile dei giochi interpretato da Lee Byung-hun.

LEGGI ANCHE: Il coreano scalza l’italiano nelle università inglesi

Non è chiaro, invece, se sia reale o meno il ritorno di Cho Sang-woo. “Il mio personaggio si trova a dover eliminare chi ha davanti pur di sopravvivere – racconta l’attore Park Hae-soo –. Ho parlato molto delle sue scelte e della sua morale con Hwang Dong-hyuk. Io non lo vedo come un cattivo, ma come un uomo fra tanti, di quelli che incontriamo ogni giorno, che cambia perché subisce le situazioni e l’ambiente in cui si ritrova”.

Squid Game 2
Foto Unsplash | Jonas Augustin

In parallelo alla scrittura di Squid Game 2, però, per Hwang Dong-hyuk non mancano anche altri progetti. Come ad esempio un film, ‘Killing Old People Club’, che rievoca alcuni temi della serie. Una storia, che ha spiegato l’autore al MipTv di Cannes, trae ispirazione dalle opere di Umberto Eco e sarà più violento di Squid Game.


Tag: Hwang Dong-hyukPark Hae-sooSquid Game