Il coreano scalza l’italiano nelle università inglesi: è colpa di Squid Game

Questo fenomeno è dovuto alla popolarità della cultura coreana nel mondo, in particolare K-pop, anime e serie tv come "Squid Game"

Il coreano scalza l'italiano nelle università inglesi
newsby Linda Pedraglio29 Dicembre 2021


L’interesse per gli anime, i giochi e il K-pop sta alimentando un boom di lauree in coreano e giapponese, utili a rilanciare i dipartimenti di lingue moderne alle prese con il calo delle iscrizioni. Le richieste per studiare il coreano sono più che triplicate da 50 a 175 tra il 2012 e il 2018. Mentre i posti per lo studio del giapponese sono cresciuti del 71% nello stesso periodo. Lo stabilisce un rapporto pubblicato quest’anno dal Consiglio dell’università di lingue moderne (UCML). Il rapporto sottolinea che più studenti ora studiano coreano che russo e più giapponese che italiano.

Questo spostamento di interesse è dovuto alla popolarità della cultura dell’Asia orientale, in particolare K-pop e J-pop, videogiochi giapponesi, anime e film popolari come “Parasite”. Oltre a serie tv, come il violento dramma di sopravvivenza “Squid Game”, con milioni di visualizzazioni in tutto il mondo. Secondo i dati di Netflix,  Squid Game è senza dubbio la serie più vista di tutti i tempi, con 1,65 miliardi di ore della serie trasmesse in streaming nelle prime quattro settimane dalla data di uscita.

K-wave, la popolarità del coreano investe anche le università

La crescente popolarità della cultura coreana in particolare, un fenomeno denominato onda coreana o K-wave, o hallyu, sta influenzando le tendenze in numerosi settori. Dalla cosmesi e la moda all’alimentazione e agli elettrodomestici. Al centro dell’onda K c’è il K-pop, che nel 2017 era già stimato come un’industria di quasi 5 miliardi di dollari. Il gruppo K-pop sudcoreano BTS ha stabilito un nuovo record e ha fatto notizia per aver ottenuto il maggior numero di visualizzazioni su YouTube per il debutto di un video musicale. Si parla di oltre 101,1 miliardi in 24 ore per la loro canzone del 2020 Dynamite.

È chiaro che c’è stato un passaggio dalle lingue europee insegnate più tradizionalmente a quelle non europee“, ha detto Emma Cayley, amministratore delegato dell’UCML. Questo passaggio include l’arabo e il cinese, che, insieme al giapponese e al coreano, stanno guidando il recupero dello studio delle lingue e della cultura nelle università. Un recente studio dell’UCML basato su università che dichiarano autonomamente la propria offerta linguistica ha suggerito che la percentuale di università che offrono il giapponese è aumentata dal 19% nel 2018 al 39% nel 2020-21. Un piccolo aumento si osserva anche nei dipartimenti che offrono il coreano.

Perché tanti studenti scelgono le lingue asiatiche

I docenti affermano che gli studenti spesso iniziano a studiare coreano e giapponese come hobby. In molti iniziano su piattaforme di apprendimento delle lingue come Duolingo. Nel Regno Unito il giapponese è la lingua in più rapida crescita, mentre il coreano si colloca al quarto posto. “Hanno iniziato a imparare il giapponese solo casualmente, per divertimento, e poi hanno deciso di studiarlo più seriamente sia come laurea che come materia facoltativa“, ha detto Kazuki Morimoto, docente giapponese all’Università di Leeds,

Jaeuk Park, un docente coreano a Leeds, ha raccontato che i suoi studenti studiano tipicamente il coreano a causa del loro amore per il K-pop e i K-drammi. Altri sono più interessati a capire di più sulla Corea del Nord, una nazione notoriamente riservata. I prodotti culturali coreani sono un “equilibrio tra familiarità e novità” che gli occidentali trovano avvincente. “Ad esempio in Squid Game , il ritmo drammatico e l’arco dello spettacolo sono comprensibili per gli spettatori di tutto il mondo, ma allo stesso tempo si confronta con temi specificamente coreani che sono totalmente nuovi per il pubblico straniero“, ha detto.


Tag: Corea del SudGiapponeK-PopSquid GameUCML