Arriva la Superluna “di fragola”. Ecco come e quando si potrà ammirarla

Lo spettacolo cosmico illuminerà il cielo nella sera del 24 luglio e potrà essere osservato anche a occhio nudo a partire dalle 20:40

La SuperLuna rosa
newsby Alessandro Bolzani23 Giugno 2021


Gli appassionati di astronomia si stanno preparando per ammirare l’ultima Superluna del 2021. Lo spettacolo cosmico illuminerà il cielo nella sera del 24 luglio e potrà essere osservato anche a occhio nudo a partire dalle 20:40. Il nome “Luna di fragola” non si riferisce a una colorazione particolare del satellite naturale della Terra, ma al periodo dell’anno in cui questo fenomeno si verifica. Per i nativi americani, infatti, giugno è il mese migliore in cui raccogliere e mangiare le fragole, soprattutto in alcune zone dell’America nord-orientale. In Europa, invece, si parla di “Luna di rose”, visto che i fiori in questione sbocciano verso l’inizio dell’estate.
Anche in assenza di vere e proprie “sfumature rosa”, la Superluna resta un evento tutt’altro che ordinario: in queste occasioni, infatti, la Luna piena appare molto più grande del solito perché si trova nel perigeo, ossia il punto più vicino rispetto alla Terra.

Le dimensioni della Superluna “di fragola”

Rispetto alla Superluna “di sangue” che ha illuminato il cielo a fine maggio (la più grande del 2021), quella del 24 giugno apparirà più piccola. In questo caso, inoltre, sarà del tutto assente l’eclissi totale che ha accompagnato il fenomeno poche settimane fa, conferendo al satellite una peculiare colorazione rossastra. A voler essere precisi, nel caso della Luna di fragole è improprio parlare di Superluna, visto che il satellite si troverà a 366mila chilometri dalla Terra, tre in più dei 363mila previsti dalla definizione ufficiale.

Come si potrà osservare il fenomeno?

Se il cielo sarà sereno basterà alzare gli occhi al cielo per ammirare la Superluna. Chiaramente, dotandosi di binocoli o telescopi sarà possibile osservare il fenomeno in modo ancor più efficace. In caso di cielo nuvoloso l’osservazione a occhio nudo potrebbe rivelarsi difficoltosa, ma esiste una valida alternativa: la diretta streaming del Virtual Telescope Project.


Tag: Luna