Covid, perché alcuni casi sono asintomatici? Ecco la risposta

Uno studio condotto in Italia rivela la correlazione fra tre mutazioni genetiche rare e i casi di Covid senza sintomi

Covid
Foto Pixabay | PIRO4D
newsby Alessandro Boldrini9 Maggio 2022


Da cosa dipendono i casi positivi asintomatici di Covid-19? È una questione di genetica. O meglio, di tre mutazioni genetiche rare che sono all’origine dello sviluppo senza sintomi della malattia e che agiscono indebolendo i geni coinvolti nei processi di attivazione del sistema immunitario.

È questa l’importante scoperta del gruppo di ricercatori del Ceinge-Biotecnologie di Napoli, i cui risultati fanno parte di uno studio pubblicato sulla rivista Genetics in Medicine. Il centro è diretto da Mario Capasso e Achille Iolascon, docenti di Genetica medica all’Università Federico II; mentre questa scoperta potrebbe aprire la strada a nuove tecniche di diagnosi, nuove terapie e trattamenti farmacologici contro Sars-CoV-2. Ora, infatti, i dati dello studio sono disponibili online per tutti i ricercatori del mondo. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste questa importante scoperta “made in Italy”.

Covid, scoperte a Napoli le cause genetiche dei casi asintomatici

Alla ricerca hanno collaborato anche Pellegrino Cerino dell’Istituto Zooprofilattico di Portici, e Massimo Zollo, coordinatore della task-force Covid del Ceinge e docente di Genetica della Federico II. Lo studio si è basato sull’analisi dei campioni di Dna di circa 800 individui rimasti asintomatici dopo l’infezione pur presentando fattori di rischio; come ad esempio l’età avanzata.

Tampone Covid
Foto Pixabay | frolicsomepl

I ricercatori hanno analizzato “tutti i geni finora conosciuti utilizzando sequenziatori di ultima generazione e ottenendo così un enorme mole di dati genetici – spiega Capasso –. Strategie di analisi bioinformatiche avanzate, messe a punto grazie al contributo del giovane ricercatore Giuseppe D’Alterio e del team di esperti bioinformatici del Ceinge, hanno poi permesso di identificare mutazioni patogenetiche rare che erano significativamente più frequenti nei soggetti infetti e asintomatici e non in una grande casistica di circa 57mila soggetti sani.

LEGGI ANCHE: Epatite bambini: sintomi e rimedi | I modi per riconoscerla ed evitarla 

I geni coinvolti nelle infezioni asintomatiche sono tre. Si chiamano Masp1, Colec10 e Colec11 e appartengono alla famiglia della lectina, la proteina coinvolta nel processo di riconoscimento cellulare. “Oggi è ampiamente dimostrato che l’eccessiva risposta immunitaria all’infezione da Sars-CoV-2 e la successiva iper-attivazione dei processi pro-infiammatori e pro-coagulativi sono la causa principale del danno agli organi come polmoni, cuore, rene”, prosegue.

LEGGI ANCHE: Peste suina africana, che cos’è? E perché l’Oms ha lanciato l’allarme? 

E conclude: “La nostra ricerca dimostra che le mutazioni del genoma umano che attenuano questa eccessiva reazione immunitaria possono predisporre a un’infezione senza sintomi gravi”. Come conferma Iolascon, grazie al database online, “possiamo utilizzare queste mutazioni per individuare soggetti che sono predisposti a sviluppare forme meno gravi o asintomatiche della malattia Covid-19. Inoltre i livelli sierici dei tre geni individuati potrebbero essere utilizzati come marcatori prognostici della malattia grave.


Tag: Covid-19