Contare i contagi potrebbe perdere importanza con la variante Omicron

I conteggi dei casi "non riflettono quello a cui eravamo abituati" e causano inutile allarmismo, sostengono gli esperti, poiché i dati suggeriscono che Omicron è meno grave ma più contagioso

Il conteggio casi potrebbe perdere importanza con la variante omicron
Foto Unsplash | Markus Spiske
newsby Giulia Martensini5 Gennaio 2022


L’aumento esplosivo del numero di casi di coronavirus a causa della variante Omicron sta sollevando l’allarme globale. Tuttavia alcuni esperti ritengono che l’attenzione dovrebbe invece essere concentrata, più che sul numero di contagi, sui ricoveri ospedalieri che, al contrario, non stanno aumentando così in fretta.

Il dottor Anthony Fauci, per esempio, ha dichiarato che, al pari di molte infezioni che causano pochi o nessun sintomo, “è molto più rilevante concentrarsi sui ricoveri rispetto al numero totale di casi”.

Perchè il conteggio dei casi non è sempre affidabile

Il conteggio giornaliero dei casi e i loro alti e bassi sono stati uno dei barometri più seguiti durante l’epidemia. Nonché un affidabile segnale di allarme precoce di malattie gravi e morte nelle precedenti ondate di coronavirus.

Ma sono stati a lungo considerati una misura imperfetta. In parte perché consistono principalmente in casi confermati in laboratorio, non nel numero effettivo di infezioni nella realtà, che è quasi certamente molto più alto. Anche i conteggi giornalieri dei casi sono soggetti a oscillazioni selvagge. Ad esempio i numeri record registrati dopo le festività potrebbero essere causati dai ritardi durante le feste. La media a sette giorni è considerata più affidabile.

Ma ora, il valore del conteggio giornaliero dei casi viene messo in discussione come mai prima d’ora.

Per prima cosa, l’aumento vertiginoso riflette, almeno in parte, una fuga precipitosa indotta da Omicron per sottoporsi a test prima delle vacanze. Questo trova riscontro nelle lunghe code e attese che si stanno registrando in questi giorni presso farmacie e hub vaccinali.

Ma ora i numeri dei casi sembrano fornire un’immagine meno utile della pandemia. Omicron sta infatti causando molte infezioni ma finora non sembra essere così grave nei suoi effetti. In Italia sono stati registrati ieri 115 mila nuovi casi a fronte dei 15 mila nella stessa giornata dell’anno scorso, secondo Our World In data. 472 morti l’anno scorso a fronte di 259 ieri. In merito ai ricoveri erano 26mila alla settimana, nel 2021 a fronte dei 12 mila di quest’anno.

“Segnalare i contagi fornisce preoccupazioni inutili”

Secondo gli esperti il mondo ha raggiunto una fase della pandemia in cui le segnalazioni di picchi drammatici di contagi rappresentano preoccupazioni inutili. E i funzionari del governo dovrebbero invece rivedere i dati sulla morte e sui ricoveri ospedalieri quando prendono in considerazione le restrizioni.

Il conteggio dei casi “sta causando molto panico e paura, ma non riflette ciò a cui si era abituati, ovvero che i ricoveri avrebbero seguito i casi”, ha affermato la dott.ssa Monica Gandhi, specialista in malattie infettive presso l’Università della California.

Sembra essere meno virulento per due ragioni“, ha detto Gandhi. “Uno, sembriamo avere molta più immunità a dicembre 2021 rispetto alle precedenti ondate, e ci sono diversi studi di laboratorio che mostrano che infetta maggiormente la gola rispetto ai polmoni.

Nel riportare i dati sul Covid, i dipartimenti sanitari dovrebbero ora adottare lo stesso approccio che adottano con l’influenza, ha affermato Gandhi. Ciò significa rilasciare i dati sui ricoveri e sui decessi ma non i numeri relativi al conteggio dei casi perché, come con l’influenza, non è possibile eliminare il virus, quindi dovremmo concentrarci solo sulla sua gravità, ha detto.

Una volta che hai accettato che il virus è endemico, proprio come l’influenza, non segui mai i casi perché non controlliamo mai in questo modo nessun altro virus, monitoriamo ciò che sta causando la malattia e ricoveriamo le persone“, ha detto Gandhi.

Il motivo per cui abbiamo monitorato i casi è perché speravamo di poter eliminare il virus, ma non è nella natura del virus eliminarlo, ha affermato Gandhi. “Il mondo non ha ancora accettato l’idea che non possiamo eliminarlo“.

Alcuni Paesi smetteranno di contare i casi

Altri Paesi stanno ora implementando un approccio che non si concentra sul conteggio dei casi. Ad esempio, il Canada, che di recente ha registrato un numero record di casi di Covid, ha dichiarato che l’agenzia governativa non si concentrerà più sul conteggio giornaliero dei casi.

Non abbiamo più bisogno di identificare e far gestire alla sanità pubblica ogni singolo caso della variante perché per la maggior parte delle persone, ciò si tradurrà in una malattia relativamente lieve. Quindi dobbiamo concentrare i nostri sforzi e le nostre risorse sui nostri gruppi più vulnerabili“, ha affermato Strang, direttore medico della sanità della Nuova Scozia.  “Omicron è tutto intorno a noi. Si tratta di gestire e rallentare la diffusione ma non eliminarla“.

Il governo delle Filippine ha anche annunciato questa settimana che avrebbe smesso di pubblicare aggiornamenti sui casi sui social media, il che era simile a un approccio adottato da Singapore, secondo Hawaii Public Radio.

I pareri contrari: “Conteggio casi fattore importante”

Tuttavia, non tutti sono persuasi che il conteggio dei casi sia da abbandonare per sempre.
Justin Lessler, professore di epidemiologia presso l’Università della Carolina del Nord, vede ancora il conteggio dei casi come un “importante indicatore anticipatore“.

Non dovremmo rinunciare a guardare i numeri dei casi“, ha affermato il dott. Eric Topol, capo dello Scripps Research Translational Institute.”Ma è importante riconoscere che stiamo vedendo solo una parte del numero effettivo di casi. Tuttavia, rinunciare a sapere se i casi stanno andando su o giù, è volare alla cieca. Come possiamo, come Paese, non conoscere la curva dell’epidemia per l’infezione?”.

Mara Aspinall, professore di diagnostica biomedica presso l’Arizona State University, ha affermato che i dati sul conteggio dei casi rimangono importanti perché impediscono al pubblico di reagire in modo eccessivo o insufficiente alla pandemia.

La sfida che abbiamo avuto per tutto questo tempo è trovare quell’equilibrio tra tenere sotto controllo la nostra salute fisica, ma anche la nostra salute mentale e l’economia. E questo è possibile se si hanno a disposizione le migliori informazioni” ha detto Aspinall.

 

 


Tag: contagiCovidVariante Omicron