Conte incontra i sindacati: “Legge su salario minimo non può più aspettare”

Le parole di Bombardieri (Uil), Fracassi (Cgil) e Colombino (Cisl) a margine dell'incontro a Roma con il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte

newsby Vanessa Ciccarelli24 Marzo 2022


“Con quale faccia con caro bollette e caro benzina diciamo ai cittadini che ora bisogna dedicarsi alle spese militari? Possiamo dirlo mentre in sanità rimandiamo un milione di interventi e 20 milioni di esami diagnostici?”. È questa, secondo quanto riferiscono alle agenzie fonti del Movimento 5 Stelle, la domanda che il leader pentastellato Giuseppe Conte ha rivolto ai rappresentanti dei sindacati confederali nell’incontro di ieri a Roma. Incontro definito dallo stesso Conte un “importante confronto per mettere a fuoco sensibilità comuni su vari punti”.

Bombardieri (Uil) dopo l’incontro con Conte: “Legge su salario minimo non può più aspettare”


“Abbiamo affrontato il tema del lavoro. Il 70% dei contratti utilizzati fino ad oggi sono precari: basta contratti a tempo determinato. Troppi soldi alle aziende senza alcuna condizionalità, il presidente Conte ci ha detto che il Movimento 5 Stelle sta presentando un ddl sul salario minimo. Le ricadute della guerra ci saranno a lungo, sarebbe il caso che il Governo aprisse un confronto con le parti sociali per dare risposte a lavoratori e pensionati ai quali non si è pensato”. Così, a margine, dell’incontro il segretario della Uil, Pierpaolo Bombardieri.

LEGGI ANCHE: Conte e il caro bollette: “Taglio 15 o 30 centesimi è pannicello caldo”

Caro energia: “L’Italia guadagna dall’Iva, ma chi controlla sulle speculazioni?”


Che ha aggiunto: “Alcune aziende italiane hanno contratti per comprare il gas a prezzo calmierato e rivenderla a prezzo di mercato: chi affronta questa speculazione? Le big pharma hanno avuto grandi utili, chi controlla queste aziende? In Francia è stato deciso che il tetto massimo era al 4% di aumenti e in Germania era stata bloccata l’Iva. L’Italia dall’Iva guadagna, chi controlla?”.

Lavoro, Fracassi (Cgil): “Partecipazione e documento economia e finanza sul tavolo”


Al termine dell’incontro con Conte è intervenuta anche la vicesegretaria della Cgil, Gianna Fracassi. “Bollette, extraprofitti, risposte a lavoratori: due temi sui quali c’è disponibilità a rivedersi – ha detto -. Il primo è il documento di economia e finanza e l’altro tema sollevato è la partecipazione. Abbiamo chiesto un incontro con il Governo: abbiamo bisogno di affrontare il passaggio molto difficile su temi quali precarietà, previdenza, lavoro. Noi dei sindacati vorremmo non solo confrontarci con parti di governo ma con tutto il Governo”.

LEGGI ANCHE: Caro energia, ecco da chi importerà più gas l’Italia per far fronte alla crisi

Energia, Colombino (Cisl): “Cambiare società da carbone a fonti rinnovabili”


“Un incontro molto importante con il presidente Giuseppe Conte: abbiamo parlato di lavoro ma anche di politiche energetiche del nostro Paese. Gli extraprofitti sono stati una proposta positiva, approvvigionamento gas è importante per cambiare il passo da una società del carbone a una società di fonti rinnovabili. Queste, infine, le parole di Angelo Colombino, segretario della Cisl.


Tag: Angelo ColombinoGianna FracassiGiuseppe ContePierpaolo Bombardieri