Ucraina, scomparsi tre cittadini statunitensi: due soldati e un ex marine

La cronaca del 114esimo giorno di guerra in Ucraina, tra scontri sul campo e sforzi diplomatici: tutti gli aggiornamenti

newsby Alessandro Bolzani17 Giugno 2022


Ned Price, il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, ha confermato la scomparsa di tre cittadini statunitensi in Ucraina. Si tratta del soldato Alexander Drueke, 39 anni, del marine Andy Tai Huynh, 27 anni, e dell’ex marine Grady Kurpasi, sentito per l’ultima volta tra il 23 e il 24 aprile.

Secondo quanto reso noto, i tre uomini avrebbero raggiunto il Paese per arruolarsi nelle forze armate e combattere contro le truppe russe. Il governo degli Stati Uniti si è messo in contatto con i loro parenti, ma non ha ancora discusso della scomparsa con Mosca, perché non dispone di prove concrete che indichino che i cittadini siano sotto la sua custodia.

Fino a oggi, non abbiamo ancora sollevato la questione con la Federazione Russa. Se riterremo che tale divulgazione tramite la nostra ambasciata a Mosca o in altro modo possa essere produttiva in termini di ottenere maggiori informazioni sul luogo in cui si trovano queste persone, non esiteremo a procedere”. Price ha poi consigliato ai cittadini degli Stati Uniti di evitare qualsiasi tipo di viaggio in Ucraina. “Quello che ribadiamo ancora oggi è che continuiamo a esortare i cittadini statunitensi in ogni modo possibile perché non si rechino in Ucraina a causa dei pericoli connessi” agli eventi in corso.

Ucraina, spunta una foto dei militari Usa scomparsi

Nel frattempo, il Dipartimento di Stato americano sta lavorando per trovare conferme sulla veridicità di una foto diffusa ieri su Telegram da Timofey Vasilyev, un blogger russo, che dimostrerebbe l’avvenuta cattura di Drueke e Huynh. Nell’immagine, i due uomini si trovano nel retro di un camion militare russo e guardano la telecamera con le mani dietro la schiena. “Hanno detto che c’è una fotografia che sta circolando sui media russi e che stanno lavorando a fondo per verificarne la veridicità”, ha spiegato Bunny Drueke, la madre di uno dei militari scomparsi. “Siamo molto fiduciosi”.

Zelensky dopo l’incontro con i leader europei: “Giornata storica, fatto passo avanti”


Nel suo ultimo videomessaggio alla nazione, Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina, ha parlato dell’incontro di ieri con i leader di Francia, Germania, Italia e Romania. “È stata una giornata storica, durante l’incontro è stato fatto un grande passo avanti. L’Ucraina ha sentito il sostegno di quattro potenti stati. L’impressione sull’incontro è positiva. Era importante sentire un’altra cosa fondamentale: la fine della guerra e la pace devono essere esattamente come li vede l’Ucraina“, ha aggiunto.

Ucraina, Onu: “Situazione umanitaria allarmante”

A quasi quattro mesi dall’inizio della guerra, la situazione umanitaria in tutta l’Ucraina, in particolare nel Donbass orientale, è estremamente allarmante e continua a deteriorarsi rapidamente“, ha affermato in una nota l’Ocha, l’ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.


Tag: RussiaUcraina