I tornado da record in Usa sono legati al cambiamento climatico?

Oltre 30 tornado hanno colpito il midwest in quella che è stata una delle peggiori catastrofi climatiche degli ultimi anni. Con il pianeta che continua a surriscaldarsi è probabile che questi fenomeni estremi diventino più frequenti in futuro

tornado
Foto Pexels | Ralph W. lambrecht
newsby Giulia Martensini12 Dicembre 2021


Sono cento finora i morti accertati a causa dei 30 tornado che hanno causato tragedia e devastazione nel midwest degli Usa, dall’Arkansas al Kentucky fino all’Illinois. Nel solo Kentucky, il governatore dello stato afferma che più di 70 persone potrebbero essere morte dopo “una delle notti più difficili della storia del Kentucky“.

Il calendario diceva dicembre, ma l’aria calda e umida era quella di primavera. Se a questo si aggiunge un fronte di tempesta in direzione est guidato da un modello meteorologico de La Nina si può capire come si sono generati i tornado killer che hanno distrutto 5 stati in poche ore.

Record di durata per il tornado in Kentucky

I tornado a dicembre sono insoliti, ma non rari. Tuttavia la ferocia e la lunghezza del percorso dei tornado di venerdì sera probabilmente li mettono in una categoria a parte, sostengono i meteorologi. Uno dei tornado probabilmente ha battuto un record di quasi 100 anni per quanto tempo è rimasto a terra in un percorso di distruzione, hanno detto gli esperti.

Il clima caldo è stato un ingrediente cruciale in questa esplosione di tornado, ma se il cambiamento climatico sia un fattore scatenante non è altrettanto chiaro, affermano i meteorologi.

Gli scienziati affermano che capire come il cambiamento climatico stia influenzando la frequenza dei tornado è complicato e la loro comprensione è ancora in evoluzione. Ma dicono che le condizioni atmosferiche che danno origine a tali focolai si stanno intensificando in inverno mentre il pianeta si riscalda.

Come si forma un tornado?

I tornado sono vorticose colonne d’aria verticali che si formano dai temporali e si estendono fino al suolo. Viaggiano a velocità elevatissima e devastano tutto sul loro cammino.

I temporali si verificano quando l’aria fredda più densa e secca entra in contatto con aria più calda e umida, condizioni che gli scienziati chiamano instabilità atmosferica. Quando ciò accade, si crea una corrente ascensionale quando l’aria calda sale. Quando i venti variano in velocità o direzione a diverse altitudini, una condizione nota come wind shear, la corrente ascensionale inizierà a ruotare.

Questi cambiamenti nei venti producono la rotazione necessaria per un tornado. Per tornado particolarmente forti, sono necessari cambiamenti sia nella velocità che nella direzione del vento.

Di solito c’è molto wind shear in inverno a causa della grande differenza di temperatura e pressione dell’aria tra l’equatore e l’Artico. Tuttavia in inverno, generalmente, non c’è sufficiente instabilità per creare i tornado. Questa volta c’era.

Quali condizioni hanno portato alla formazione dei tornado in USA?

Le temperature primaverili in gran parte del Midwest e del Sud a dicembre hanno contribuito a portare l’aria calda e umida che ha contribuito a formare i temporali. Parte di ciò è dovuto a La Nina, che generalmente porta temperature invernali più calde del normale negli Stati Uniti meridionali. Ma gli scienziati si aspettano anche che il clima caldo atipico in inverno diventi più comune man mano che il pianeta si riscalda.

Si è verificato lo scenario peggiore. Aria calda nella stagione fredda, nel cuore della notte“, ha affermato John Gordon, meteorologo del National Weather Service a Louisville, nel Kentucky.

Una volta che la tempesta si è formata, sembra che il wind shear eccezionalmente forte abbia impedito ai tornado di dissiparsi, dicono gli esperti.

I tornado in genere perdono energia in pochi minuti, ma in questo caso sono state ore. Questa è in parte la ragione del percorso eccezionalmente lungo della tempesta di venerdì, che ha superato le 200 miglia (322 chilometri). Il record precedente era di 219 miglia (352 chilometri) ed è stato stabilito da un tornado che ha colpito quattro stati nel 1925. Ma gli studiosi sono sicuri che il vecchio record è stato ormai infranto, con i tornado di venerdì che si sono mossi ad oltre 80 km all’ora.

Quanto influisce il cambiamento climatico sull’aumento di tornado?

Gli scienziati stanno ancora cercando di risolvere i molti fattori in conflitto sul fatto che il cambiamento climatico causato dall’uomo stia rendendo i tornado più comuni o addirittura più intensi. Secondo il NOAA National Severe Storms Laboratory, circa 1.200 tornanti colpiscono gli Stati Uniti ogni anno. Nessun Paese al mondo ne è così colpito.

Attribuire una tempesta specifica come quella di venerdì agli effetti del cambiamento climatico rimane molto difficile. Meno del 10% dei forti temporali produce tornado, il che rende difficile trarre conclusioni sul cambiamento climatico e sui processi che portano alla loro formazione, ha affermato Harold Brooks, uno scienziato di tornado presso il National Severe Storms Laboratory.

Tuttavia, mentre il pianeta si riscalda, gli scienziati hanno osservato cambiamenti in atto negli ingredienti di base di un temporale. Brooks afferma che nel complesso, le tempeste estreme “stanno diventando più comuni perché abbiamo masse d’aria molto più calde nella stagione fredda che possono supportare questi tipi di focolai di maltempo“.

È probabile quindi che negli Stati Uniti si verifichino più tornado in inverno, ha affermato Brooks, poiché le temperature nazionali salgono al di sopra della media a lungo termine.

 


Tag: Cambiamento climaticoStati Unititornado