La Svezia minaccia di bloccare l’ingresso delle Tesla nel Paese

Immagine Unsplash | @LawrenceChismorie - Newsby.it
Newsby Matilde Brizzi 6 Novembre 2023

I lavoratori dei porti svedesi minacciano di bloccare le consegne delle nuove Tesla nel Paese, nella più grave vertenza sindacale che l’azienda abbia mai affrontato in Europa.

Tesla non rispetta le regole del lavoro svedesi, sostengono i sindacati del paese scavdinavo. Ora quello che era cominciato come un piccolo sciopero di meccanici potrebbe diffondersi e diventare una manifestazione molto più grande.

Una forte vertenza sindacale: 5 porti coivolti

Le Tesla arrivano in Svezia attraverso quattro porti, Malmö, Göteborg, Trelleborg e Södertälje, secondo il sindacato svedese dei lavoratori dei trasporti, che rappresenta 57.000 lavoratori dell’industria dei trasporti e ha minacciato il blocco.

L’inizio è previsto per domani, il 7 novembre e, se andrà avanti, “nessuna Tesla potrà entrare in Svezia”, afferma il presidente del sindacato Tommy Wreeth.

Il motivo dello sciopero: nessuna copertura

I lavoratori del porto non lavorano direttamente per Tesla. I membri del sindacato minacciano il blocco a sostegno dei lavoratori delle officine di riparazione svedesi di Tesla, che invece lavorano per Tesla e che sono in sciopero da venerdì scorso.

Hanno abbandonato il lavoro per protestare contro il rifiuto dell’azienda di firmare un contratto collettivo con il sindacato che li rappresenta, l’IF Metall.

In Svezia, i contratti collettivi regolano i rapporti tra i datori di lavoro e i loro dipendenti, compresi i termini di retribuzione, le pensioni, le condizioni di lavoro e altri benefici. Non è obbligatorio per un’azienda firmare un contratto collettivo, ma è una convenzione. Circa il 90% dei dipendenti svedesi è coperto da questi accordi.

Tesla sta seguendo regole diverse

Vorremmo che i nostri membri che lavorano alla Tesla avessero gli stessi benefici di tutti gli altri lavoratori svedesi“, afferma Jesper Pettersson, portavoce dell’IF Metall. “Non vediamo alcun motivo per cui Tesla debba rispettare regole diverse“.

I lavoratori delle sette officine svedesi a marchio Tesla guadagnano meno e non hanno le stesse pensioni e assicurazioni degli altri meccanici del settore, come riportato da Pettersson.

Tesla non ha risposto alla richieste di commenti da parte delle varie testate giornalistiche.

A Tesla interessa approdare in Svezia

La Svezia è stata il quinto mercato europeo per Tesla quest’anno, con 16.309 nuovi veicoli immatricolati nei primi nove mesi, secondo Bloomberg.

L’IF Metall sta cercando di convincere Tesla a firmare un contratto collettivo con i lavoratori delle sue officine di riparazione dal 2018, ha aggiunto Pettersson.

Un anno fa, [Tesla] ha finalmente deciso di non firmare“, afferma, aggiungendo che lo sciopero continuerà finché non ci sarà un accordo. “Siamo pronti a scioperare per molto tempo“.

Fiume in mezzo a una città svedese al tramonto
Immagine Unsplash | @SkellefteåKommun – Newsby.it

I disagi parziali dello sciopero

Lo sciopero delle officine è stato criticato come inefficace. I membri del club ufficiale svedese di Tesla, un gruppo di proprietari di Tesla che opera indipendentemente dall’azienda, erano preoccupati di come avrebbero potuto riparare le loro auto in caso di guasto.

Il presidente del club, Tibor Blomhäll, ha quindi deciso di visitare l’officina locale il primo giorno di sciopero per capirne l’impatto.

L’attività dell’officina che ha visitato a nord di Stoccolma è proseguita normalmente. “C’erano almeno una dozzina, ma probabilmente più di 20 persone, che lavoravano sulle auto“, afferma.

Tesla ha ripreso le trattative con l’IF Metall

Naturalmente abbiamo ricevuto notizie che alcune persone lavorano nonostante lo sciopero“, afferma Pettersson. Ma da quando il sindacato dei trasporti ha minacciato di bloccare il porto, Tesla ha ripreso le trattative con l’IF Metall. I colloqui si sono svolti ieri e dovrebbero ripetersi lunedì.

La Svezia non è l’unico Paese che ha accusato Tesla di violare le leggi e le convenzioni sul lavoro.

I tentativi di scioperi Tesla in Germania e Stati Uniti

I lavoratori Tesla negli Stati Uniti hanno fatto diversi tentativi falliti di sindacalizzazione. Ad aprile, il National Labor Relations Board degli Stati Uniti ha stabilito che l’azienda ha violato le leggi locali sul lavoro dicendo ai dipendenti di non discutere la retribuzione e le altre condizioni di lavoro e di non presentare reclami ai dirigenti.

Anche il sindacato IG Metall in Germania ha espresso preoccupazione per la sicurezza e il sovraccarico di lavoro nell’unico stabilimento europeo della casa automobilistica, vicino a Berlino.

Il caso svedese sarà un ottimo precursore

Il veicolo elettrico è un simbolo dell’intera transizione verde ed è una grande ironia che Tesla si rifiuti di impegnarsi nella dimensione sociale della grande transizione che stiamo attraversando“, afferma Claes Mikael Ståhl, vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati, un’organizzazione non profit che rappresenta i lavoratori di tutta l’UE.

Secondo Ståhl, i lavoratori al di fuori della Svezia osserveranno con attenzione gli sviluppi della vertenza. “Penso che sarà fonte di ispirazione per i sindacati di altri Paesi, perché credo che il sindacato svedese avrà successo nel lungo periodo“.

Impostazioni privacy