Tesla nella bufera dei diritti umani per il nuovo showroom nello Xinjiang

La decisione di Tesla ha attirato le ire dei gruppi per i diritti umani che più volte hanno puntato il dito contro il genocidio in atto nella regione cinese. La questione è diventata un problema sempre più complesso per le aziende straniere che devono scegliere se boicottare il governo di Pechino o perdere l'accesso al più importante mercato mondiale

tesla, bufera per il nuovo showroom in cina
Foto Flickr | NVIDIA Corporation
newsby Giulia Martensini5 Gennaio 2022


Tesla ha annunciato il 31 dicembre l’apertura di uno showroom nella capitale dello Xinjiang, Urumqi. “L’ultimo giorno del 2021 ci incontriamo nello Xinjiang. Iniziamo il viaggio completamente elettrico nello Xinjiang “, ha scritto Tesla in un post sul suo account Weibo ufficiale.

La casa automobilistica gestisce uno stabilimento a Shanghai e sta aumentando la produzione in questo Paese a fronte dell’aumento delle vendite in Cina. Sebbene non sia l’unica casa automobilistica in quella regione, Volkswagen ha una fabbrica poco lontana da Urumqi, Tesla è l’ultima azienda straniera coinvolta nelle tensioni legate alla regione cinese dell’estremo ovest dove i campi di detenzione hanno attirato pesanti critiche.

La reazione dei gruppi di diritti umani all’annuncio di Tesla

Nella regione dello Xinjiang infatti, da diverso tempo è in atto una vera e propria repressione da parte di Pechino nei confronti della minoranza etnica degli uiguri, in gran parte musulmani. Si ritiene che fino a un milione di etnia uigura e altre minoranze per lo più musulmane siano detenute in campi di internamento. Tanto che ong, quali Amnesty, Human Right Watch e lo stesso governo Usa hanno accusato la Cina di crimini contro l’umanità.

All’annuncio di Tesla, i gruppi di diritti umani hanno, di conseguenza, reagito con grande allarmismo.

Il Council on American-Islamic Relations, la più grande organizzazione di difesa dei musulmani degli Stati Uniti, ha affermato che Tesla doveva chiudere lo showroom in quanto stava “sostenendo economicamente il genocidio“. Critiche simili sono arrivate da un gruppo commerciale statunitense, l’Alliance for American Manufacturing, e dal senatore americano Marco Rubio.

Il presidente USA Joe Biden e i membri del Congresso hanno intensificato le pressioni sulle aziende per prendere le distanze dallo Xinjiang. Tanto che il 23 dicembre, Biden ha firmato un disegno di legge che vieta l’importazione di beni prodotti nella regione.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che non commenterà direttamente l’azione di Tesla, ma in generale “il settore privato dovrebbe opporsi alle violazioni dei diritti umani e al genocidio della RPC nello Xinjiang.La comunità internazionale, compresi i settori pubblico e privato, non può guardare dall’altra parte quando si tratta di ciò che sta accadendo nello Xinjiang“.

Il boicottaggio nei confronti della Cina

Le oppressioni di Pechino sulla questione dei diritti umani, aggravati dalla questione della tennista Peng Shuai, hanno spinto USA e altri Paesi a pianificare un boicottaggio diplomatico delle olimpiadi invernali a Pechino, previste tra un mese.

La Cina, tuttavia, ha sempre respinto le accuse di lavoro forzato o altri abusi. Affermando che i campi forniscono formazione professionale e che le aziende dovrebbero rispettare le sue politiche.

Con il tempo sono aumentate le pressioni sulle società straniere affinché prendano posizione sullo Xinjiang, sul Tibet, su Taiwan e su altre questioni politicamente importnati. Il Partito Comunista al potere spinge le aziende ad adottare le proprie posizioni nelle loro pubblicità e sui siti web. Sapendo di avere il coltello dalla parte del manico, ha attaccato abbigliamento e altri marchi che esprimono preoccupazione per le denunce di lavoro forzato e altri abusi nello Xinjiang.

Il potere dei consumatori della Cina

Diverse aziende straniere negli ultimi mesi sono inciampate nelle tensioni tra l’Occidente e la Cina sullo Xinjiang. Cercando di bilanciare la pressione occidentale con l’importanza della Cina come mercato e base di approvvigionamento.

Questo ha portato a una crescita di tensione tra gli investitori globali e il mercato cinese. Se da un lato, i grandi marchi vogliono avere accesso ai consumatori cinesi, dall’altra Pechino ha chiarito che il costo per l’accesso è l’acquiescenza. Costringendo di fatto le aziende a scegliere tra prendere una posizione di distanza da Pechino, o avere un miliardo di persone in più a cui vendere i propri beni.

A luglio, H&M ha registrato un calo del 23% delle vendite in valuta locale in Cina per il trimestre marzo-maggio dopo essere stato colpito da un boicottaggio dei consumatori per aver dichiarato pubblicamente di non rifornirsi di prodotti dallo Xinjiang .
Il mese scorso, il produttore di chip statunitense Intel ha affrontato un problema simile dopo aver detto ai suoi fornitori di non rifornirsi di prodotti o manodopera dallo Xinjiang.

 


Tag: CinaTeslauigurixinjiang