Hong Kong, chi sono gli attivisti “colpevoli”per la veglia a Tiananmen

I tre attivisti erano tra le migliaia di persone che hanno preso parte alla veglia, vietata per la prima volta in trent'anni, sfidando il governo di Pechino. Ora rischiano fino a 5 anni di prigione

Jimmy Lai tra gli attivisti arrestati per la veglia a Tiananmen
Foto Wikimedia Commons | pakking leung
newsby Giulia Martensini9 Dicembre 2021


Il magnate dei media di Hong Kong Jimmy Lai, insieme ad altri due importanti attivisti, è stato dichiarato colpevole di aver preso parte a una veglia per celebrare il massacro di Tiananmen.

Lai, Gwyneth Ho e Chow Hang Tung sono stati condannati per incitamento e partecipazione a un’assemblea illegale. Erano tra le migliaia che hanno sfidato un divieto e hanno preso parte a una veglia lo scorso giugno per commemorare la repressione del 1989 a piazza Tiananmen a Pechino. Più di due dozzine di politici e attivisti sono già stati accusati (e imprigionati) per questo.

I tre attivisti accusati di sovversione

Il trio è stato l’ultimo a ricevere il verdetto poiché ha scelto di contestare le accuse, proclamandosi non colpevoli. Durante il processo, hanno sostenuto di aver acceso candele durante la veglia a titolo personale e di non aver “incitato” altri a partecipare alla manifestazione non autorizzata.
Tuttavia, il giudice della corte distrettuale Amanda Woodcock ha respinto le argomentazioni “francamente insensate”. Affermando che la loro partecipazione “è stato un atto di sfida e di protesta contro la polizia“.
Saranno condannati il ​​13 dicembre e rischiano un massimo di cinque anni di carcere per l’accusa di aver partecipato a un’assemblea illegale.

Chi sono i tre attivisti?

Jimmy Lai è il fondatore dell’ormai chiuso quotidiano Apple Daily di Hong Kong ed è stato uno dei più importanti sostenitori del movimento democratico della città. Lai aveva 12 anni quando è fuggito dal suo villaggio nella Cina continentale, arrivando a Hong Kong come clandestino su un peschereccio. Come molti dei famosi magnati della città, è passato da un ruolo umile, lavorando in una fabbrica, alla fondazione di un impero multimilionario.

Ma a differenza di altri che sono saliti ai vertici di Hong Kong, Lai è diventato anche uno dei più accaniti critici dello Stato cinese e una figura di spicco nel sostenere la democrazia nell’ex territorio britannico. “Sono nato ribelleha raccontato alla BBC.
I fatti di Tiananmen lo spinsero ad abbandonare un business di successo nel settore tessile, per diventare una voce pro democrazia. Iniziò a scrivere rubriche critiche nei confronti del governo e fondando una casa editrice che divenne tra le più influenti di Hong Kong. Nonostante le pressioni di Pechino, Lai non è mai sceso a compromessi. Negli ultimi anni alcuni aggressori hanno bombardato la sua casa e la sua azienda e lui stesso è finito al centro di un complotto per omicidio.

Gwyneth Ho è un ex giornalista diventata politico dell’opposizione. Ho in precedenza ha detto alla corte che “il ricordo è resistenza“, aggiungendo che si è recata sul sito solo per testare la differenza tra Hong Kong e la Cina continentale, dove qualsiasi commemorazione del 4 giugno è tabù e può portare alla reclusione.
Chow è un ex avvocato e vicepresidente dell’ormai defunta Hong Kong Alliance, il gruppo che organizzava la veglia ogni anno.

Entrambi si trovano anche dietro le sbarre ed è stata negata la libertà su cauzione.

Di cosa trattava la veglia di Tienanmen?

La veglia annuale si svolge da decenni a Hong Kong, attirando spesso decine di migliaia di persone che si radunano per celebrare l’anniversario della repressione delle proteste pacifiche per la democrazia da parte delle truppe cinesi in piazza Tiananmen a Pechino il 4 giugno 1989. La condanna internazionale è scaturita dopo che truppe e carri armati hanno aperto il fuoco sui manifestanti a Pechino.

Hong Kong era uno dei pochissimi luoghi in Cina in cui l’incidente poteva ancora essere commemorato o addirittura discusso. La Cina continentale, infatti, vieta qualsiasi evento che ne ricordi l’incidente e cancella tutte le menzioni dai social media.

Ma nel 2020 le autorità di Hong Kong hanno vietato la veglia per la prima volta in 30 anni, citando le restrizioni di Covid. Gli attivisti hanno accusato i funzionari di aver ceduto alle pressioni di Pechino per mettere a tacere l’espressione pro-democrazia.
Decine di migliaia di persone hanno sfidato il divieto di partecipare alla veglia quella notte, abbattendo le barricate erette intorno al Victoria Park di Hong Kong.

 

 


Tag: Hong KongJimmy LaiPiazza Tienanmen