Nuova Zelanda vieta il fumo ai minori di 14 anni: ma è davvero una svolta?

Tutti i minori di 14 anni non saranno legalmente in grado di acquistare tabacco: l'obiettivo è liberare il paese dal fumo entro il 2025

Nuova Zelanda, vietare fumo ai minori di 14 anni
Foto Pixabay | lilartsy
newsby Linda Pedraglio9 Dicembre 2021


La Nuova Zelanda ha annunciato che metterà al bando il fumo per la prossima generazione. Tutti coloro che hanno meno di 14 anni non saranno mai legalmente in grado di acquistare tabacco. Con la nuova legislazione l’età legale del fumo aumenterà ogni anno, al fine di creare una generazione di neozelandesi senza fumo. “Questo è un giorno storico per la salute della nostra gente“, ha detto la ministra della Salute, la dottoressa Ayesha Verrall. L’obiettivo del governo è di rendere il paese completamente libero dal fumo entro i prossimi quattro anni. Ma si tratta davvero di una svolta precedenti? In Italia, la vendita di sigarette, nonché di tutti i prodotti contenenti nicotina, tabacco e derivati, è vietata ai minori di 18 anni, già dal 2012. Altre misure includono la riduzione della quantità legale di nicotina nei prodotti del tabacco a livelli molto bassi, la riduzione dei negozi in cui le sigarette possono essere legalmente vendute e l’aumento dei finanziamenti ai servizi per le dipendenze.

Nuova Zelanda, al bando il fumo per i minori di 14 anni

I tassi di fumo giornalieri della Nuova Zelanda sono diminuiti nel tempo, fino all’11,6% nel 2018, dal 18% di dieci anni prima. Ma i tassi di fumo per Māori e Pacifika erano molto più alti: 29% per Māori e 18% per Pasifika. “Se non cambia nulla, ci vorranno decenni prima che i tassi di fumo Maori scendano al di sotto del 5%“, ha detto Verrall. La nuova legge in Nuova Zelanda non limiterà invece le vendite di vaporizzatori. “Vogliamo assicurarci che i giovani non inizino mai a fumare, quindi renderemo reato la vendita o la fornitura di prodotti del tabacco affumicato a nuove categorie di giovani. Quando la legge entrerà in vigore, le persone di 14 anni non potranno mai acquistare legalmente tabacco“, ha affermato Verrall.  “La Nuova Zelanda ancora una volta guida il mondo. Questa volta con un piano di implementazione 2025 senza fumo all’avanguardia. È davvero un punto di svolta“, ha affermato la dott.ssa Natalie Walker, direttore del Center for Addiction Research presso l’Università di Auckland.

Il divieto rischia di alimentare il mercato nero

Ma il piano di salute pubblica ha ricevuto critiche da alcune parti. Il partito Act ha sostenuto che la riduzione della nicotina nei prodotti colpirà più duramente le persone a basso reddito, che dovranno acquistare più sigarette e fumare di più per accedere alla stessa dose. Secondo gli studiosi, livelli molto bassi di nicotina aiuterebbero le persone a smettere. Parallelamente aumenta la preoccupazione per il crescente mercato nero del tabacco. “Le prove indicano che la quantità di prodotti del tabacco contrabbandati in Nuova Zelanda è aumentata notevolmente negli ultimi anni e che i gruppi criminali organizzati sono coinvolti nel contrabbando su larga scala“, ha ric0nosciuto il governo. Ma la Nuova Zelanda non ha intenzione di arrendersi, con l’obiettivo di liberare il paese dal fumo entro il 2025, in quello che è stato definito il piano Smokefree 2025.

 

 


Tag: FumoNuova ZelandaSigarette