Guerra in Ucraina: tornano gli attacchi missilistici su Kiev

Sentite diverse esplosioni causate da missili cruise nella capitale del Paese

Città distrutta nella guerra in Ucraina
Foto Wikimedia Commons | dsns.gov.ua (CC BY-SA 4.0)
newsby Lorenzo Grossi26 Giugno 2022


A Kiev sono state sentite alcune esplosioni all’alba di domenica 26 giugno, giorno numero 123 di guerra in Ucraina, L’attacco è avvenuto alle ore 6.30 locali. Il Kiev Independent parla di tre deflagrazioni mentre ,secondo quanto riportato sui social, le esplosioni sarebbero state più numerose: almeno quattro. Sono state causate da missili da crociera russi. L’allerta dell’attacco aereo è risuonata più volte nella notte nella capitale ucraina. “Diverse esplosioni sono avvenute nel distretto di Shevchenkivskyi. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e le ambulanze”, ha scritto su Telegram il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko.


Guerra in Ucraina: scoppia un incendio in un edificio residenziale

“Sono state udite quattro esplosioni, ora c’è fumo nero sopra la città. I missili hanno colpito edifici residenziali, non ci sono ancora informazioni su eventuali vittime”, ha scritto su Twitter il deputato ucraino Oleksiy Goncharenko. Il servizio di emergenza ucraino, secondo quanto riporta Unian, ha riferito che almeno una persona è rimasta ferita. “In seguito ai bombardamenti nemici, è scoppiato un incendio in un edificio residenziale di 9 piani con parziale distruzione del 7°, 8° e 9° piano”, si legge in un comunicato. “Si è verificato un incendio su una superficie totale di 300 mq. Sono in corso le misure per spegnere l’incendio e trarre in salvo le persone”.

Johnson a G7: “Sostenere Kiev perché vinca la guerra”

L’annuncio (“più fondi”) e un appello al G7 (“sosteniamo Kiev”). Perché l’Ucraina può vincere e vincerà” la guerra. Lo ha detto il premier britannico, Boris Johnson, facendo appello ai leader del G7 perché non rinuncino a sostenere Kiev e annunciando un rafforzamento del sostegno finanziario del suo Paese per aiutare l’Ucraina a far fronte all’invasione russa. Lo riferisce il Guardian. “Non è il momento di mollare”, ha insistito Johnson, sottolineando che Londra fornirà altri 525 milioni di sterline in garanzie per l’ottenimento di prestiti. Il totale degli aiuti finanziari e umanitari concessi quest’anno dal Regno Unito a Kiev sale così a 1,8 miliardi di sterline.


Tag: GuerraUcraina