Gabriel Boric, chi è il nuovo presidente del Cile che guarda al futuro

Il leader di sinistra ed ex studente Gabriel Boric, 35 anni, diventerà il presidente più giovane del Cile dopo aver vinto il ballottaggio presidenziale contro l'avversario di estrema destra

Gabriel Boric
Foto Wikimedia Commons
newsby Giulia Martensini20 Dicembre 2021


Gabriel Boric, leader della coalizione di sinistra Pacto Apruebo Dignidad, ha vinto con il 55,87% dei voti, assicurandosi la vittoria sul suo avversario di destra, Jose Antonio Kast. Boric presterà giuramento come presidente l’11 marzo, inaugurando un nuovo capitolo nella storia politica cilena.

 

Parlando ai sostenitori nel quartier generale della sua campagna, il presidente eletto ha ringraziato il popolo cileno.
Voglio iniziare questo momento storico che è tremendamente emozionante e che gli occhi del Cile e del mondo stanno guardando ringraziando tutti i cileni che sono andati a votare. Onorando il loro impegno per la democrazia“, ha detto.
Non importa se l’avete fatto per me o per il mio avversario, l’importante è che l’avete fatto. Eravate presenti, avete mostrato il vostro impegno per questo Paese che appartiene a ciascuno di voi“.

Boric e Kast, gli opposti della politica

Rappresentando gli opposti polari della corsa presidenziale del Cile, Boric e Kast sono emersi come i due principali candidati dopo le elezioni generali del 21 novembre.

Kast è uno strenuo difensore del regime dell’ex dittatore generale Augusto Pinochet e del libero mercato. Tanto da essere stato talvolta paragonato all’ex presidente USA Donald Trump e al presidente brasiliano Jair Bolsonaro.
L’agenda dell’ex deputato 55enne includeva un taglio delle tasse per le aziende, la costruzione di barriere nel nord del Cile per impedire ai migranti di entrare illegalmente e l’abolizione dell’aborto.
Boric, nel frattempo, era un leader studentesco nella capitale cilena che si è mobilitato contro il sistema educativo privatizzato del paese insieme a migliaia di altri, 10 anni fa.

La situazione politica (non facile) del Cile

Queste elezioni arrivano due anni dopo che massicce proteste e rivolte hanno scosso il Paese nell’ottobre 2019, con i manifestanti che chiedevano migliori pensioni, una migliore istruzione e la fine di un sistema economico che secondo loro favorisce l’élite.

I disordini hanno portato il presidente uscente Pinera ad accettare un referendum per cambiare la costituzione, che è stata ereditata dalla sanguinosa dittatura di Pinochet. L’anno scorso, i cileni hanno votato a stragrande maggioranza per redigerne una nuova. Quel processo è ora in lavorazione, con la nuova costituzione che sarà votata in un plebiscito a metà del 2022.

La piattaforma politica di Boric ha cavalcato quell’onda, che include proposte per un sistema sanitario pubblico più inclusivo, per cancellare il debito studentesco. Ma anche aumentare le tasse per i super ricchi e una revisione del sistema pensionistico privato dello stato,  ereditato da Pinochet.

Ma il Cile non ha ancora ritrovato la stabilità per la quale un tempo era conosciuto. È stato duramente colpito economicamente dalla pandemia e scontri brutali tra manifestanti e forze di sicurezza continuano settimanalmente a Santiago.

Considerando il recente passato, Boric era ampiamente percepito come il candidato presidenziale che meglio rappresentava il movimento sociale del Paese. È un sostenitore del diritto all’aborto, un modello di stato sociale, e guida un’ampia coalizione che include il Partito Comunista del Cile.

Voglio dirvi, conta su di noi, sarete protagonisti del nostro governo“, ha aggiunto, dicendo al Paese che sarà il “presidente di tutti i cileni“.

Gabriel Boric, da leader studentesco a presidente

Nato l’11 febbraio 1986 a Punta Arenas, nell’estremo sud del Cile, è diventato famoso dieci anni fa quando ha guidato manifestazioni di massa per chiedere un’istruzione migliore e più economica.

Allora era uno studente di legge all’Università del Cile, ma non ha mai terminato i suoi studi, decidendo invece di concentrarsi sulla politica. Nel 2013 è stato eletto al Congresso come indipendente, in rappresentanza della sua regione di Magallanes. Successivamente è stato rieletto per un secondo mandato con una vittoria schiacciante.

Barbuto, tatuato e raramente visto indossare una cravatta, Boric ha rappresentato una rottura con l’immagine tradizionale dei candidati presidenziali. Durante la campagna, ha parlato della sua diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo, affermando che era “bene che il Cile parlasse di salute mentale“. I critici, tuttavia, dicono che è inesperto, e lui stesso ha ammesso di avere “molto da imparare“.

Boric, che dice di essere un avido lettore di poesia e storia, si descrive come un socialista moderato. Ha abbandonato i capelli lunghi dei suoi giorni da attivista e le giacche ora spesso coprono i suoi tatuaggi su entrambe le braccia.

Nel suo discorso di vittoria davanti alle migliaia di persone che hanno invaso la capitale, ha promesso di essere un “presidente per tutti i cileni”, dicendo: “Oggi la speranza ha vinto la paura“.

 

Gli obiettivi di Boric per il futuro del Cile

L’ex leader della protesta studentesca Gabriel Boric ha ottenuto una vittoria storica diventando il più giovane presidente del Cile di sempre. Il 35enne ha promesso cambiamenti ambiziosi per un Paese che è stato scosso negli ultimi anni da manifestazioni di massa contro la disuguaglianza e la corruzione.

Quando Boric ha vinto la candidatura del suo blocco di sinistra per candidarsi alla presidenza, ha fatto un impegno coraggioso. “Se il Cile è stata la culla del neoliberismo, sarà anche la sua tomba”, ha detto. “Non abbiate paura che i giovani cambino questo Paese“.

E così ha corso su una piattaforma promettendo riforme radicali al modello economico di libero mercato imposto dall’ex dittatore Gen Augusto Pinochet.

Boric ha  ammorbidito alcune delle sue opinioni mantenendo le sue promesse di rivedere il sistema pensionistico. Ha anche promesso di espandere i servizi sociali compresa l’assicurazione sanitaria universale, aumentare le tasse per le grandi aziende e gli individui facoltosi e creare un’economia più verde. Sostenitore del matrimonio tra persone dello stesso sesso e dei diritti all’aborto, era anche sostenuto da un enorme numero di donne.

Sappiamo che continua ad esserci giustizia per i ricchi e giustizia per i poveri, e non permetteremo più che i poveri continuino a pagare il prezzo della disuguaglianza del Cile“.

 


Tag: CileGabriel Boric