La Cina è disposta a tutto pur di far partire le Olimpiadi

L'aumento dei contagi e il boicottaggio diplomatico dei Paesi occidentali stanno spingendo il governo di Pechino a mettere in atto misure estreme pur di assicurare la partenza dei Giochi Invernali

la situazione degli sponsor alle olimpiadi di Pechino
newsby Giulia Martensini11 Gennaio 2022


Quando il leader cinese Xi Jinping ha ispezionato le sedi delle Olimpiadi invernali di Pechino la scorsa settimana, ha esposto la sua visione per un evento “verde, sicuro e semplice“.

Ma i boicottaggi diplomatici e, sempre più, la variante Omicron del coronavirus in rapida diffusione possono rendere la sicurezza e la semplicità quasi impossibili da raggiungere. Almeno per i severi standard “zero Covid” di Pechino.

Come anche la politica estera di Pechino sta mostrando, non c’è niente di peggio per il Partito Comunista Cinese che perdere la faccia. In termini di Olimpiadi invernali, ciò potrebbe significare bloccare milioni di persone, aumentare la sorveglianza a scapito della libertà delle persone e della violazione dei diritti e chiudere interi settori dell’economia. In altre parole, Pechino ha da tempo stabilito che è disposto a fare “whatever it takes” pur di far partire i Giochi.

I contagi gettano un’ombra sulle Olimpiadi di Pechino

A meno di un mese dall’apertura dei Giochi invernali, i funzionari cinesi stanno correndo per estinguere un’ondata di infezioni da coronavirus in tutto il Paese. Inclusi diversi casi trasmessi localmente della variante Omicron.

Lunedì, i funzionari di Tianjin, una città portuale della Cina settentrionale con 14 milioni di abitanti, hanno segnalato 21 casi trasmessi a livello nazionale.

La situazione ha assunto maggiore urgenza in Cina data la vicinanza di Tianjin a Pechino. Molti pendolari viaggiano ogni giorno tra le due città, spesso utilizzando il treno ad alta velocità, che impiega circa 30 minuti.
In risposta alla minaccia dell’aumento dei tassi di infezione, i funzionari di Tianjin si sono rapidamente mossi per imporre il blocco in diversi quartieri colpiti. Nel giro di due giorni i biglietti del treno tra Tianjin e Pechino sono stati sospesi per l’acquisto.

Ma c’erano segnali preoccupanti che la variante Omicron si fosse già diffusa oltre Tianjin. La città cinese di Anyang  ha riportato lunedì due infezioni locali da Omicron, riconducibili a uno studente che aveva viaggiato da Tianjin il 28 dicembre. Suscitando preoccupazioni sul fatto che la variante Omicron potesse già circolare a Tianjin da quasi due settimane.

I lockdown durissimi imposti in Cina

Milioni di persone nelle città cinesi di Xi’an e Yuzhou sono attualmente confinate nelle loro case a seguito di una recente ondata di casi. Il totale isolamento ha portato il cibo a scarseggiare sempre di più, con i residenti costretti a barattare i loro beni solo per portare il pranzo a tavola.

Il governo sta intensificando le misure per garantire che il virus non penetri nelle già consistenti fortificazioni della capitale prima dei Giochi.
I funzionari di Pechino hanno anche esortato i residenti a non andarsene durante le vacanze del capodanno lunare, che iniziano il 31 gennaio. Per molti dei milioni di lavoratori migranti della città, è il terzo anno consecutivo in cui il coronavirus ha rovinato la vita. E quella settimana di vacanza in genere è la loro unica possibilità di tornare a casa e vedere i propri cari.

La politica “tolleranza zero” in vista dei Giochi

La Cina sta lottando per soddisfare la sua affermazione di rendere il paese libero dal Covid per le Olimpiadi invernali di Pechino. Sostenendo che la città è completamente isolata dal resto del Paese per garantire che il virus non entri nella capitale.

A un mese dall’ospitare le Olimpiadi invernali, Pechino ha sigillato la sua “bolla” di giochi per quello che dovrebbe essere l’evento sportivo di massa più severo del mondo dall’inizio della pandemia.

La Cina, dove il coronavirus è stato rilevato per la prima volta verso la fine del 2019, ha perseguito una strategia di tolleranza zero sul Covid. Ora sta adottando lo stesso approccio per limitare il potenziale effetto della pandemia sulle Olimpiadi invernali del 4-20 febbraio e le successive Paralimpiadi.

A partire da martedì, migliaia di addetti ai giochi, volontari, addetti alle pulizie, cuochi e conducenti di allenatori rimarranno chiusi per settimane nel cosiddetto “circuito chiuso” senza alcun accesso fisico diretto al mondo esterno. La maggior parte delle sedi principali si trova al di fuori della capitale.

L’approccio all’isolamento contrasta con le Olimpiadi estive di Tokyo che hanno consentito alcuni movimenti in entrata e in uscita per volontari e altro personale. Occorre aggiungere che le stesse olimpiadi di Tokio sono state spostate di un anno, proprio a causa della pandemia, ma i contagi quest’estate non avevano certo raggiunto i livelli record di quelli attuali.

Si prevede che giornalisti da tutto il mondo e circa 3.000 atleti inizieranno ad arrivare in città nelle prossime settimane. Questi rimarranno nella bolla dal momento in cui atterrano fino a quando non lasceranno il Paese.

Chiunque entri nella bolla deve essere completamente vaccinato o affrontare una quarantena di 21 giorni quando atterra. All’interno, tutti saranno testati quotidianamente e dovranno indossare sempre le mascherine.

OMS: “Bene misure della Cina, non si prevedono aumenti di contagi”

I piani di Pechino per garantire che le Olimpiadi si svolgano in sicurezza durante la pandemia sembrano forti, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

Il direttore dell’Oms per le emergenze Michael Ryan ha affermato che l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha collaborato con il Comitato olimpico internazionale per fornire consulenza tecnica sull’hosting sicuro dei Giochi.

Sono fiducioso che, date le informazioni che abbiamo, le misure in atto per i Giochi sono molto rigide e molto forti. E, a questo punto, non vediamo alcun aumento del rischio di trasmissione di malattie in quel contesto“.

Tuttavia, ha affermato che la Cina ha assistito ad alcuni grandi focolai di Covid nelle ultime settimane e Pechino avrebbe adottato un “approccio molto forte” per affrontarli. “Continueremo a monitorare la situazione“, ha detto Ryan.

Ma certamente in questa fase, viste le disposizioni che sono state messe in atto per gli atleti dagli organizzatori, “non percepiamo che ci siano particolari rischi aggiuntivi nell’ospitare o gestire i Giochi. Ma ovviamente manterremo tutte le misure in atto sotto costante revisione”.

I capi olimpici hanno esortato tutti i partecipanti ai Giochi a essere “extra vigili” poiché le infezioni da Covid hanno raggiunto livelli di casi senza precedenti in diversi Paesi.

Perché la Cina non può permettersi di rischiare

Un’indicazione di quanto sia diventata incerta la situazione per gli organizzatori olimpici è stata la decisione della scorsa settimana della National Hockey League (NHL) del Nord America di saltare i Giochi tra l’impennata del campionato di casi di coronavirus e la potenziale lunga quarantena in Cina se i giocatori risulteranno positivi a Pechino.

Covid a parte, c’è un’altra ragione per cui la Cina non può permettersi di cancellare o posticipare le Olimpiadi. Il governo di Pechino è da anni sotto la lente di osserrvazione per le violazioni dei diritti umani. Soprattutto verso la minoranza degli uiguri, per la quale è stata accusata di genocidio.
La vicenda mediatica di Peng Shuai non ha fatto altro che gettare altra benzina sul fuoco. Spingendo diversi Paesi, Usa prima di tutti, a boicottare a livello diplomatico i giochi.

Se le Olimpiadi non dovessero partire, per la Cina, significherebbe, in un certo senso, ammettere non solo il fallimento, ma dare ragione anche ai Paesi occidentali. Due cose che Xi Jinping certamente non farà mai.


Tag: CinaCovidolimpiadi di PechinoXi Jinping