Amazon ha donato migliaia di dollari a gruppi no vax

Un'analisi del Washington Post ha rivelato che AmazonSmile, il programma di beneficenza del colosso e-commerce, ha donato più di 40 mila dollari a organizzazioni dichiaratamente no vax. Mettendo in vendita sulla piattaforma libri, magliette e prodotti supportati da chi non crede nei vaccini

Amazon ha donato soldi ai no vax
Foto Unsplash| Christian Wiediger
newsby Giulia Martensini15 Dicembre 2021


AmazonSmile ha donato più di 40.000 dollari alle principali fonti di disinformazione sui vaccini nel 2020, secondo analisi separate di Popular Information e Washington Post. Le donazioni arrivano dopo le continue critiche al ruolo del rivenditore nella disinformazione sanitaria. Sollevando interrogativi sul ruolo delle aziende tecnologiche nella lotta alla disinformazione e nel contrastare potenziali danni pubblici.

È davvero scioccante“, ha detto Peter Hotez, preside del Baylor College of Medicine. “È incredibile che Amazon supporti quei gruppi“.

Come funziona AmazonSmile?

Il programma di beneficenza del gigante dell’e-commerce dona lo 0,5% degli introiti a organizzazioni non profit designate, tra cui almeno una dozzina di organizzazioni contrari alla vaccinazione negli USA. La parte del finanziamento anti-vaccino è piccola rispetto all’intero importo, ma può essere significativa per gli sforzi di raccolta fondi di gruppi con budget relativamente ridotti.

Più di 1 milione di organizzazioni non profit sono registrate nel programma e le organizzazioni supportate da AmazonSmile non devono “impegnarsi, supportare, incoraggiare o promuovere attività illegali, ingannevoli o fuorvianti“, secondo l’accordo di partecipazione.

I gruppi di odio e i gruppi terroristici sono ad esempio, banditi dal programma. Ma in passato, secondo quanto riferito, AmazonSmile ha anche finanziato gruppi anti-LGBTQ.

Le donazioni legittimano i gruppi no vax ha affermato Hotez. “Al di là dei soldi, ha molto potere perché un’organizzazione potente come Amazon li sta essenzialmente approvando“.

Nel 2019, il Guardian aveva già riferito delle donazioni no vax di Amazon, così come del suo programma “influencer” che consente a coloro che hanno un seguito significativo, compresi i principali sostenitori no vax, di guadagnare commissioni sui prodotti che raccomandano. Amazon è rimasta la casa di importanti no vax e teorici della cospirazione dopo che altre piattaforme li hanno banditi. 

La risposta di Amazon

Un portavoce di Amazon ha dichiarato: “Rispettiamo il fatto che i nostri clienti desiderino accedere a un’ampia varietà di punti di vista sull’argomento, motivo per cui continuiamo a elencare i libri in questione e a includere questi enti di beneficenza nell’elenco delle organizzazioni tra cui i clienti possono scegliere come parte di Amazon Smile.” Aggiungendo: “Le organizzazioni che si impegnano, supportano, incoraggiano o promuovono l’intolleranza, l’odio, il terrorismo, la violenza, il riciclaggio di denaro o altre attività illegali non sono ammissibili“.

Il ruolo dell’e-commerce nella disinformazione

Google, Facebook, YouTube e Twitter sono stati presi di mira per la diffusione online di disinformazione, ma i rivenditori, incluso Amazon, sono stati ampiamente risparmiati dai controlli. Tutti si concentrano sulle società di social media. Do la stessa colpa alle società di e-commerce, in particolare ad Amazon“, ha affermato Hotez.

Una ricerca della parola “vaccino” su Amazon.com mostra che i libri contro i vaccini sono il terzo e il sesto risultato, seguiti da altri. Nella ricerca di “Covid”, un libro di teoria della cospirazione è il secondo risultato. Molti dei libri sono venduti da Amazon stessa, non da terze parti. “Amazon in questo momento è il più grande fornitore di libri contro i vaccini“, ha affermato Hotez.

Su Amazon in vendita libri, magliette e integratori non vax

Amazon è anche una piattaforma di commercio per magliette anti-vax, integratori a base di erbe e altri prodotti. Durante l’estate, i clienti hanno pubblicato recensioni sull’ivermectina come potenziale trattamento per Covid. Nonostante gli avvertimenti delle agenzie di sanità pubblica che il farmaco vermifugo non è efficace contro il virus respiratorio.

E l’azienda non si limita a ospitare gli articoli, hanno scoperto di recente i ricercatori. I suoi algoritmi promuovono attivamente risorse e beni no vax, spingendo potenzialmente i clienti più in profondità nella disinformazione sanitaria e nelle teorie del complotto.

Due ricercatori dell’Università di Washington hanno scoperto che Amazon classifica la disinformazione al di sopra delle informazioni di qualità

Amazon sta anche classificando questi prodotti anti-vaccino più in alto nei risultati di ricerca rispetto ai prodotti che smentiscono la disinformazione sui vaccini“, sottolinea lo studio.  La cosa più scioccante è che è sufficiente eseguire un’azione su questi prodotti no vax. Fai clic, lo aggiungi al carrello e poi Amazon inizierà effettivamente a spingerti più cose correlate, ha detto Juneja.

E gli autori, compresi quelli che scrivono libri contro i vaccini, possono pagare per avere i loro libri “sponsorizzati” o posizionati più in alto nei risultati di ricerca, ha affermato.

 


Tag: Amazonbeneficenzano vax