Malagrotta, storia infinita della riapertura (e bonifica) della discarica

Dopo l’incendio degli ultimi giorni, si tornerà inevitabilmente alle polemiche sugli impianti di Cerroni, tra incertezze politiche e burocratiche

newsby Lorenzo Grossi16 Giugno 2022



Già dalle prime ore della mattina di giovedì 16 giugno i Vigili del Fuoco sono riusciti a domare l’incendio nell’ex discarica romana di Malagrotta. Gli operai del sito di stoccaggio sono stati rimandati a casa. Restano, invece, al lavoro i 60 pompieri con i 20 automezzi di spegnimento, per completare lo spegnimento del rogo che “potrebbe durare giorni”. In arrivo, in supporto, anche rinforzi provenienti dai comandi di Lazio, Campania, Abruzzo, Toscana, Umbria e Marche. Un incendio che arriva al termine di mesi di polemiche a Roma sull’ipotesi di una riapertura della stessa discarica. Ma che cosa è successo negli ultimi 10 anni a Malagrotta?

Discarica di Malagrotta: l’intervento del governo

La discarica di Malagrotta, la “Grande buca” che per 40 anni ha ricevuto la monnezza di Roma, è stata chiusa nel 2013. Da allora, nonostante diversi annunci, nulla è stato fatto per la bonifica. La Regione Lazio è stata messa sotto procedura d’infrazione dall’Unione Europea, con il rischio di sanzioni milionarie. In teoria, secondo il precetto “Chi inquina paga”, a pagare la bonifica dovrebbe essere l’azienda proprietaria del sito, la E. Giovi di Manlio Cerroni. La società, però, è dal 2018 in amministrazione giudiziaria e non ha i fondi per sostenere i costi di una bonifica di tali dimensioni. Così la Regione ha deciso di scrivere al governo. Qualche settimana fa era arrivata la notizia. Il Ministero della Transizione ecologica stanzierà 250 milioni prelevati dai fondi europei per la coesione e lo sviluppo delle Regioni, in un capitolo che riguarda le discariche orfane (e cioè senza un proprietario).

La Regione sarà il soggetto attuatore della bonifica, il cui iter amministrativo sarà affidato al generale Giuseppe Vadalà, già commissario governativo per la bonifica delle discariche orfane. I finanziamenti europei dovrebbero garantire tempi certi: la progettazione dovrà essere pronta entro la prossima estate. A fine anno dovranno essere state rilasciate tutte le autorizzazioni, mentre per i lavori ci sarà tempo sino a dicembre 2026. Fin qui, quindi, una buona notizia. Ma c’è un “ma”.

La questione dello smaltimento della Fos

L’unico progetto a oggi esistente per la bonifica della discarica è quello di E. Giovi. Prevede che per la copertura della discarica sia utilizzata anche la Fos (acronimo che sta per frazione organica stabilizzata). Da qui nacque la denuncia del Movimento 5 Stelle nello scorso inverno. “Riaprono la discarica!”. La Fos è uno dei materiali prodotti dai Tmb (trattamento meccanico-biologico): il residuo umido del trattamento “stabilizzato”, e cioè inodore e incapace di produrre percolato, il liquido inquinante prodotto naturalmente dai rifiuti umidi.

Il timore dei grillini è che si usi la bonifica per risolvere in realtà un altro problema. La Fos resta uno dei materiali da smaltire (sempre in discarica) al termine del trattamento. Il piano di Regione e Comune sarebbe quello di portarne a Malagrotta fino a 300 mila tonnellate. Un modo per riuscire in un sol colpo a bonificare l’area e trovare sbocchi per i rifiuti capitolini. Solo che, sostengono i grillini, la Fos non è poi così diversa dai normali scarti che finisco in discarica. Dal punto di vista normativo, non ci sarebbe in realtà nulla di strano. La legge prevede che questo materiale possa essere utilizzato per la copertura delle discariche. C’è un altro “però”.

La Regione Lazio acquisirà la discarica?

Marco Cacciatore, ex 5 stelle e presidente della commissione Rifiuti della Pisana, la spiegò in questo modo. “Dire che si riapre Malagrotta è evidentemente un’esagerazione, ma portarci la Fos sarebbe una follia. Quella che viene prodotta dagli impianti del Lazio non può essere definita tale. Lo ha spiegato tempo fa anche il direttore dell’Arpa Marco Lupo. La frazione organica prodotta dai Tmb regionali non è stabilizzata, lo vedo io quando vado ad Albano: cola percolato quando è ancora sui camion. Cacciatore è convinto che alla fine non sarà utilizzata, eppure la notizia non è stata ancora smentita.

C’è poi anche un inghippo finanziario. Può la Regione utilizzare fondi destinati alle discariche orfane per un invaso che un proprietario invece lo ha? L’idea è che la Regione possa poi rivalersi sull’E. Giovi. Ma i ben informati dicono che potrebbe fare una cosa ancora diversa: acquisirla. I due Tmb di Malagrotta che già trattano gran parte dei rifiuti romani avrebbero un valore di circa 40 milioni di euro. Ma c’è di più: nell’area è presente anche un gassificatore, mai attivato perché la tecnologia utilizzata per realizzarlo non è sicura, ma alcuni nuovi brevetti potrebbero cambiare questo scenario. Sono voci, ma chissà.

Malagrotta, Vignaroli (Ecomafie): “Incendio doloso? Indagini in corso, esiste anche autocombustione”


Parlando di quanto avvenuto nell’impianto di Malagrotta, Stefano Vignaroli, presidente di Ecomafie, ha raccontato che “il TMB 2 continua a bruciare e il gassificatore con i rifiuti continuerà a bruciare chissà per quanti giorni. Ipotesi di reato? Dovete parlare con la procura. Il NOE ha acquisito immagini e documentazione, non è facile stabilirlo. In generale l’autocombustione dei rifiuti esiste purtroppo ma non è la sola causa. Il TMB 1 potrebbe essere rimesso in funzione in poche ore ma il problema è la salute dei lavoratori. I residenti devono essere prudenti, ieri l’aria era irrespirabile e poi ci sono le ricadute degli inquinanti. Bisogna chiudersi in casa“.


Tag: Malagrotta