Spotify annuncia nuove regole contro la disinformazione sui podcast

Per arginare la crescente ondata di polemiche la piattaforma di streaming ha annunciato l'avvio di nuove regole con l'obiettivo di eliminare dai podcast la disinformazione sul Covid

spotify nuove regole contro la disinformazione
(iStock)
newsby Giulia Martensini31 Gennaio 2022


Dopo le recenti polemiche Spotify ha annunciato nuovi piani per reprimere la disinformazione sul Covid dalla piattaforma. La mossa si è resa necessaria dopo le numerose critiche per il podcast di Joe Rogan che intervistava scettici del vaccino. Il CEO Daniel Ek ha affermato che sta lavorando per aggiungere segnali di avviso su tutti i podcast che trattano tematiche inerenti al Covid. L’avviso indirizzerà gli ascoltatori a un hub Covid che contiene fatti e informazioni di esperti medici e sanitari, nonché collegamenti a fonti attendibili.

Le nuove regole di Spotify

La piattaforma ha anche pubblicato regole esistenti che impediscono ai contributori del gigante dello streaming di condividere informazioni false che potrebbero causare danni.

In una dichiarazione pubblicata sul sito web di Spotify, Ek ha scritto che “mi è diventato chiaro che abbiamo l’obbligo di fare di più per fornire equilibrio e accesso a informazioni ampiamente accettate dalle comunità mediche e scientifiche che ci guidano in questo periodo senza precedenti“.

Le regole affermano che i creatori dovrebbero evitare i contenuti che “promuovono pericolose informazioni mediche false. O affermazioni ingannevoli che possono causare danni offline o rappresentano una minaccia diretta per la salute pubblica“.
Questi includono suggerire che Covid o altre malattie non siano reali e incoraggiare le persone a farsi contagiare deliberatamente per ottenere l’immunità.
I contenuti che violano le regole potrebbero essere rimossi mentre ripetute violazioni potrebbero portare alla rimozione di un account.

Questo nuovo sforzo per combattere la disinformazione sarà diffuso nei paesi di tutto il mondo nei prossimi giorni“, ha scritto Ek in un post sul blog pubblicato domenica. “Per quanto ne sappiamo, questo avviso di contenuto è il primo del suo genere per una grande piattaforma di podcast“.

La polemica su Joe Rogan

Nelle ultime settimane la società è stata esaminata attentamente per le opinioni del suo conduttore stellare, Joe Rogan, che ha concordato un accordo da 100 milioni di dollari per trasferire il suo popolare podcast esclusivamente sulla piattaforma alla fine del 2020.
The Joe Rogan Experience è il podcast più popolare di Spotify, con 200 milioni di download segnalati al mese.

Rogan ha scoraggiato la vaccinazione nei giovani e ha promosso l’uso del farmaco antiparassitario ivermectina non provato per curare il virus.
Come diretta conseguenza, i musicisti Neil Young e Joni Mitchell hanno guidato una processione di artisti chiedendo che la loro musica fosse rimossa dalla piattaforma. Young, tra le altre cose, ha definito la piattaforma “la casa della disinformazione Covid pericolosa per la vita” in un post sul suo sito web.

Anche il principe Harry e Meghan Markle hanno espresso a Spotify le loro preoccupazioni sulla disinformazione Covid, ma continueranno a lavorare con la piattaforma.

Ma non solo. All’inizio di gennaio, un gruppo di medici, scienziati e operatori sanitari ha firmato una lettera aperta a Spotify citando la “questione di Joe Rogan” nella discussione della pandemia di Covid.

In risposta alle controversie Joe Rogan ha negato le accuse sostenendo che il suo obiettivo era soltanto il dialogo con le persone. Tuttavia ha dichiarato che cercherà un equilibrio più equo tra diversi punti di vista.

 


Tag: CoviddisinformazioneNeil YoungpodcastSpotify