L’anima green di Morten Thorsby: “Mi chiamano la Greta Thunberg del calcio”

Dai piccoli passi quando giocava in Norvegia ai suoi progetti per un mondo più sostenibile: "Piccole azioni possono smuovere il mondo, e l'industria del calcio potrebbe fare un'enorme differenza"

Morten Thorsby
Foto Youtube
newsby Giulia Martensini16 Dicembre 2021


Il centrocampista della Sampdoria e della Norvegia Morten Thorsby non è solo uno dei giocatori più promettenti del campionato ma è anche un attivista per l’emergenza climatica.

È un problema così grande e nessun altro ne parlava“, ha detto. “Questo mi ha reso triste, persino depresso.” Ha pensato di lasciare il calcio. “Ho pensato: Abbiamo un mega problema qui e cosa sto facendo? Giocare a calcio. Non aveva senso per me. ”

“L’industria del calcio può fare un’enorme differenza”

Dopo averne parlato con la famiglia e gli amici ha trovato un approccio inedito: cercare di aprire gli occhi a chi lo circonda. “L’industria del calcio è in ritardo quando invece dovrebbe essere leader“, afferma. “Può fare una grande differenza, potrebbe essere anche la nostra salvezza. Tre miliardi e mezzo di persone nel mondo guardano il calcio. Non c’è fenomeno sociale che tocca così tante persone. Non ci sono influencer più grandi delle stelle del calcio“.

Thorsby ha avviato We Play Green, una piattaforma di collaborazione indipendente per giocatori di calcio professionisti che vogliono aiutare il pianeta a uscire dalla crisi climatica. I suoi primi piccoli passi sono avvenuti a Heerenveen, dove ha giocato tra il 2014 e il 2019. Ha iniziato a pedalare dal complesso di allenamento allo stadio, ma è stato deriso. Ma poi, dopo aver illustrato le sue motivazioni, ha sfidato i suoi colleghi a iniziare a fare lo stesso.

“All’inizio sei disapprovato” ha raccontato. “Ma gradualmente sono venuti in giro e il club ha fornito le biciclette“.

Thorsby si è unito a un gruppo di lavoro con persone del club e sponsor per rendere Heerenveen più sostenibile. Nello stadio sono stati installati pannelli solari e nel menu è stata eliminata molta carne. L’Heerenveen ha ricevuto il premio per lo stadio più sostenibile nel 2016. Mentre il suo ex team, il Forest Green Rovers, è stato riconosciuto come il club sportivo professionistico più ecosostenibile al mondo.

Sono piccoli passi ma se vengono pubblicizzati diventano più grandi“, dice Thorsby. “Questo è il potere del calcio“.

“In Italia mi chiamano la Greta Thunberg del calcio”

Thorsby dice che è importante aiutare il pianeta in modo personale e non usare un linguaggio complicato. “Acqua pulita e aria pulita per i nostri figli: questo è il messaggio. Chi non lo vorrebbe?

Rimangono però molte difficoltà, ad esempio convincere i propri compagni di squadra.
Nello spogliatoio sono ancora il ‘ragazzo verde’ che viene deriso quando fa qualcosa di sostenibile. In Italia mi chiamano la Greta Thunberg del calcio. Ma non fa niente, ho un’enorme ammirazione per lei” ha ammesso il giocatore.
Anche se si tratta di un soprannome scherzoso, non è la prima volta né sarà l’ultima che una persona viene derisa per cercare di aiutare il pianeta. Nonostante gli effetti della crisi climatica siano ormai innegabili e sotto gli occhi di tutti, è ancora troppo preponderante l’idea che le azioni di una singola persona siano ininfluenti, finanche ingenue.

Anche la stessa Greta Thunberg è stata derisa, e lo è tutt’ora, eppure dati alla mano, l’azione di una singola persona è stata capace di ispirare un movimento globale.

Thorsby: “Anche un piccolo gesto può fare la differenza”

Greta Thunberg fa appello al 20% che sta già facendo qualcosa. Ma anche il resto deve muoversi in quella direzione. Voglio un 100% che faccia piccoli passi, perché tanti piccoli passi portano a grandi passi. I leader di governo alle conferenze ambientali devono sentirsi supportati dalla loro gente per apportare cambiamenti”.

“So che ci sono molti giocatori interessati” ha raccontato Thorsby, che il mese scorso ha vinto il premio Fifpro Player Activism 2021. “Posso capire perfettamente se i giocatori non parlano. Ognuno è autorizzato a fare le proprie scelte. Cerco solo di incoraggiarli, perché abbiamo bisogno che i giovani influenzino gli altri. I calciatori hanno una responsabilità“.

Cerco di far capire loro che se, per esempio, usi un po’ meno l’asciugatrice o non mangi più carne a pranzo, stai già facendo la differenza. Prendi un volo commerciale invece di un jet privato. Guida un’auto elettrica. E poi sarebbe fantastico se i giocatori lo condividessero con i loro follower sui social media“.

Due volte Thorsby ha partecipato a raccolte di plastica a Genova. Ha anche incontrato le autorità locali per far piantare più alberi e ha sostenuto la necessità di un riciclaggio separato dei rifiuti.

La scelta della maglia numero 2

All’inizio di questa stagione ha scelto di indossare il numero 2 per attirare l’attenzione sull’obiettivo delle Nazioni Unite di mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei due gradi Celsius. “Volevo il n. 15 e poi un punto tra l’uno e il cinque ma non è stato possibile. Il numero 2 era fortunatamente ancora libero”.

Il capitano della Sampdoria, Fabio Quagliarella, era perplesso sul motivo per cui il centrocampista aveva scelto quel numero. Ma non appena Thorsby ne ha spiegato la ragione, è stato d’accordo con lui. Quando ha spiegato il motivo della scelta anche ai suoi compagni di squadra, ha ricevuto molti applausi.

Thorsby ha già incontrato il ministro dell’ambiente Cingolani e il primo ministro norvegese. Ha inoltre tenuto un incontro con Frans Timmermans, che sta guidando i lavori della Commissione europea sul Green Deal europeo e sulla sua prima legge europea sul clima.

Frans è un grande appassionato di calcio e ha sentito parlare dei motivi del mio cambio di numero“, afferma Thorsby. “Ci sostiene e vuole lavorare insieme. È fantastico ed è stato possibile grazie al calcio“.


Tag: cambiamenti climaticiMorten ThorsbySampdoriasostenibilità