Atp Finals, parte a Torino il torneo con i big del tennis: come funziona

La competizione ha una formula diversa rispetto a quella tradizionale. Da Djokovic a Berrettini: chi sono i favoriti?

Atp Finals, parte a Torino il torneo con i big del tennis: come funziona
Novak Djokovic
newsby Lorenzo Grossi14 Novembre 2021


Le Atp Finals di tennis arrivano in Italia (dal 14 al 21 novembre) per la prima volta nella loro storia, dopo essere state ospitate negli ultimi dodici anni dalla città di Londra. Per cinque edizioni (almeno fino al 2025) sarà Torino la città teatro di uno dei tornei più importanti e prestigiosi del panorama tennistico. Le Atp Finals mettono in palio complessivamente 1.500 punti, coinvolgendo i migliori 8 giocatori della stagione. La formula del torneo poi è diversa rispetto a quella tradizionale: due gironi all’italiana da quattro giocatori con partite al meglio dei tre set. I primi di ogni gruppo giocano contro i secondi classificati per un posto in finale, in programma domenica 21 al PalaAlpitour. Il montepremi è da record: circa 11 milioni di sterline.

McEnroe, Sampras, Borg e Agassi prima dei campioni di oggi

Una manifestazione nata nel 1970 e che ha visto trionfare personaggi che hanno fatto la storia del gioco. Nomi come quelli di John McEnroe, Jimmy Connors, Pete Sampras, Boris Becker, Bjorn Borg, André Agassi, Ivan Lendl, Stefan Edberg e Gustavo Kuerten. Ma non c’è spazio solo per i campioni. Qui a vincere sono spesso anche veri e propri outsider. Esattamente quelli che hanno dominato il torneo nelle ultime edizioni. Grigor Dimitrov (2017), Alexander Zverev (2018), Stefanos Tsitsipas (2019) e Daniil Medvedev (2020) erano tutti al loro primo titolo alle Finals e tutti partivano senza l’etichetta di favoriti. Una “prima volta” che invece non ha mai avuto Rafael Nadal, uno dei grandi assenti a Torino. Oltre al maiorchino mancherà anche Roger Federer, recordman di vittorie nel torneo.

Atp Finals: Djokovic è il netto favorito

Il favorito di questa prima edizione torinese, quindi, non può che essere Novak Djokovic. Il serbo si presenta in Italia da numero 1 del mondo e dopo aver vinto Australian Open, Roland Garros e Wimbledon in questo 2021. In finale a New York il russo Medvedev lo ha privato del Grande Slam ma non della voglia di primeggiare. A Parigi-Bercy, nell’ultimo Masters 1000 della stagione, Djokovic è infatti tornato a vincere. Inoltre a Torino si presenta con un doppio imperativo: tornare ad alzare il trofeo dopo sei anni (l’ultimo successo è datato 2015) e raggiungere Federer per numero di titoli a quota sei. Obiettivi che si dovranno scontrare con le ambizioni di Daniil Medvedev, Alexander Zverev, Stefanos Tsitsipas, Matteo Berrettini, Andrey Rublev, Hubert Hurkacz e Casper Ruud, gli altri giocatori che hanno ottenuto la qualificazione per il torneo conclusivo di questa stagione. Sorteggiato nel girone verde, Nole ha pescato Rublev, Tsitsipas e Ruud. E proprio contro quest’ultimo debutterà lunedì 15 novembre.

Le possibilità di Matteo Berrettini a Torino

E Matteo Berrettini? Quante speranze ha il romano? Capitato nel difficile girone rosso insieme a Zverev, Medvedev e Hurkacz, Berrettini viene da una grande stagione, durante la quale ha conquistato due titoli (il 250 a Belgrado e il 500 del Queen’s), raggiungendo la finale a Wimbledon, la prima nella storia per un italiano. Una crescita esponenziale che, sulla carta, non lo rende secondo a nessuno, Djokovic escluso. Non è un caso infatti se, in tre Slam su quattro, a sbarrargli la strada è stato proprio il serbo. La maturità e la consapevolezza nei propri mezzi acquisiti in questi dodici mesi lo rendono uno degli avversari più pericolosi da affrontare per chiunque. Un ruolo importante poi potrebbe giocarlo il pubblico di Torino (la capienza massima consentita sarà al 60%). L’esordio di domenica 14 contro il tedesco Zverev (ore 21) può rappresentare già un crocevia fondamentale verso la semifinale.

 


Tag: Atp FinalsMatteo BerrettiniNovak Djokovic