Allarme UN: con impegni attuali su emissioni previsto aumento di 2,7°

Il report delle Nazioni Unite sottolinea l'ingente divario tra gli obiettivi sanciti dalle singole nazioni e ciò che è necessario per mantenere la temperatura entro il limite di 1,5°

allarme nazioni unite,taglio emissioni insufficienti previsto aumento fino a 2,7°
Foto Unsplash | Ella Ivanescu
newsby Giulia Martensini27 Ottobre 2021


Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, i piani nazionali per ridurre il carbonio sono molto al di sotto di ciò che è necessario per evitare pericolosi cambiamenti climatici.

Il rapporto sul divario delle emissioni afferma che gli impegni delle singole nazioni non riusciranno a mantenere la temperatura globale al di sotto di 1,5°C in questo secolo.

Al contrario, l’analisi di Unep suggerisce che il mondo è sulla buona strada per aumentare la temperatura fino a 2,7 °C con impatti estremamente distruttivi. Tuttavia, rimane ancora la speranza di evitare la catastrofe. A patto che gli obiettivi di azzeramento netto a lungo termine vengano raggiunti.

UN: tagli emissioni insufficienti, si rischia la catastrofe climatica

Il rapporto Unep sul divario delle emissioni esamina i contributi determinati a livello nazionale (NDC) o piani di riduzione del carbonio che i Paesi hanno presentato alle Nazioni Unite, alla vigilia della COP26.
Oltre 120 Paesi hanno sottoscritto degli impegni sul taglio delle emissioni validi fino al 2030.

Il rapporto ha rilevato che, sommati, i piani arriverebbero a ridurre le emissioni di gas serra nel 2030 di circa il 7,5% rispetto agli impegni precedenti assunti cinque anni fa.

Questo non è abbastanza vicino per mantenere la soglia di temperatura entro il limite di 1,5 °C, affermano gli autori dello studio.
Per evitare il superamento del limite di 1,5°C sarebbero necessari tagli del 55% entro la stessa data del 2030. Ciò significa che i piani attuali dovrebbero avere sette volte il livello di ambizione per rimanere al di sotto di tale limite.”Per avere una possibilità di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, abbiamo otto anni per dimezzare quasi le emissioni di gas serra“, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’Unep.

Guterres: “C’è ancora speranza per un cambio di rotta”

Secondo gli autori, le attuali promesse vedrebbero il mondo scaldarsi di 2,7° in questo secolo. Uno scenario che Antonio Guterres, segretario generale UN, definisce una “catastrofe climatica“. “Il divario di emissioni è il risultato di un divario di leadership“, ha sottolineato Guterres al lancio dello studio. “Ma i leader possono ancora fare di questo un punto di svolta per un futuro più verde invece di un punto di svolta verso la catastrofe climatica“.

Come suggerisce Guterres, la relazione contiene tuttavia alcuni segnali di speranza. Circa 50 Paesi più l’UE hanno promesso un obiettivo emissioni zero per la metà di questo secolo. Queste strategie arriverebbero a coprire oltre la metà delle emissioni di gas serra.

L’analisi di Unep rileva che se questi piani fossero implementati completamente, questo potrebbe ridurre di 0,5 °C l’aumento della temperatura entro il 2100.

Ciò ridurrebbe il livello della temperatura globale a 2,2°C. Il che vedrebbe effetti drammatici e mortali dal riscaldamento, ma rappresenterebbe almeno un passo nella giusta direzione.

Molte nazioni hanno obiettivi troppo vaghi

Il problema, tuttavia, è che molti di questi obiettivi zero netto sono ambigui, affermano gli autori. In particolare tra le 20 nazioni più ricche del mondo, almeno una dozzina di piani rimangono ancora molto vaghi.

Molti ritardano tagli significativi fino a dopo il 2030, sollevando seri dubbi sul fatto che possano davvero raggiungere il net zero solo 20 anni dopo.

Se non ci sarà una riduzione significativa delle emissioni nel prossimo decennio, avremo perso per sempre la possibilità di raggiungere 1,5 gradi“, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

L’orologio ticchetta sempre più forte”.


Tag: cambiamenti climaticicop26