Gran Bretagna, prima al mondo ad approvare la pillola anti Covid

Primo ok mondiale alla distribuzione del Molnupiravir, autorizzato per persone dai 18 anni in su: la pillola, che deve essere assunta 2 volte al giorno per 5 giorni, può dimezzare il rischio di decessi e ricoveri in ospedale

pillola anti covid
Foto Unsplash | Christina Victoria Craft
newsby Giulia Martensini4 Novembre 2021


Oggi la Gran Bretagna è diventata il primo Paese al mondo ad approvare una pillola antivirale Covid sviluppata congiuntamente da Merck e Ridgeback Biotherapeutics. Questo è il primo trattamento antivirale orale per Covid ad essere approvato, con il semaforo verde che precede la potenziale autorizzazione normativa degli Stati Uniti.

Oggi è un giorno storico per il nostro Paese. Il Regno Unito è ora il primo Paese al mondo ad approvare un antivirale che può essere assunto a casa per il COVID-19“, ha affermato il segretario alla salute britannico, Sajid Javid.

Primo ok alla distribuzione della pillola anti Covid

L’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) ha raccomandato di utilizzare il farmaco, molnupiravir, il prima possibile a seguito di un test Covid positivo ed entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi. Alla notizia di oggi, le azioni del produttore di farmaci con sede negli Stati Uniti sono aumentate del 2,1% , raggiungendo i $ 90,54 prima dell’apertura del mercato.

Il farmaco, che prenderà il nome di Lagevrio in Gran Bretagna, è stato osservato e studiato con attenzione. I dati  hanno mostrato che potrebbe dimezzare le possibilità di morire o di essere ricoverati in ospedale. Questo vale soprattutto per le persone più a rischio di sviluppare un grave covid, se somministrato all’inizio della malattia. Le forniture di Molnupiravir saranno, inizialmente, limitate.

Merck ha affermato che si aspettava di produrre 10 milioni di cicli di trattamento entro la fine di quest’anno. Con almeno 20 milioni da produrre nel 2022. Il mese scorso, la Gran Bretagna ha concordato un accordo con Merck per garantire 480.000 cicli di molnupiravir.

Come funziona il molnupiravir

Potranno accedere alla pillola gli adulti di età pari o superiore a 18 anni che sono risultati positivi al test per covid e hanno almeno un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie gravi. Il farmaco, noto come molnupiravir, deve essere assunto due volte al giorno per cinque giorni.

Una pillola antivirale che riduca i sintomi e acceleri la guarigione potrebbe rivelarsi rivoluzionaria. Alleviando il carico di lavoro negli ospedali e aiutando a frenare le epidemie nei paesi più poveri con sistemi sanitari fragili. Rafforzerebbe anche il duplice approccio alla pandemia: trattamento, tramite farmaci, e prevenzione, principalmente attraverso le vaccinazioni.

Molnupiravir deve ancora attendere la revisione in USA, in Europa e altri Paesi. La Food and Drug Administration ha annunciato che avrebbe convocato un gruppo di esperti indipendenti per esaminare la sicurezza e l’efficacia della pillola entro la fine di novembre.

Merck punta ridurre il divario nella distribuzione di vaccini

Molnupiravir è stato inizialmente studiato come una potenziale terapia antinfluenzale con il finanziamento del governo degli Stati Uniti. L’anno scorso, i ricercatori della Emory University hanno deciso di riutilizzare il farmaco come potenziale trattamento per il Covid. Hanno quindi concesso in licenza il farmaco a Ridgeback e al suo partner Merck.

La scorsa settimana, Merck ha accettato di consentire ad altri produttori di farmaci di realizzare la sua pillola. Una mossa volta ad aiutare milioni di persone nei Paesi più poveri ad accedere. Il Medicines Patent Pool, un gruppo sostenuto dalle Nazioni Unite, ha affermato che Merck non riceverà royalties ai sensi dell’accordo fino a quando l’Organizzazione mondiale della sanità riterrà che il Covid sia un’emergenza globale.

Tuttavia, diversi attivisti hanno criticato l’accordo, per aver escluso molti Paesi a medio reddito in grado di effettuare milioni di cure, tra cui Brasile e Cina.

 


Tag: Gran BretagnaMerckMolnupiravir