Tajani: “Berlusconi ha tutte le qualità per guidare la Repubblica”

Il coordinatore di Forza Italia enuncia i meriti di Berlusconi come possibile candidato per la nomina al Qurinale. Tajani sottolinea anche l'importanza della lotta al Coronavirus, l'unità del partito e la speranza che il prossimo Presidente del Paralmento Eu sia del PPE

tajani
newsby Giulia Torbidoni26 Ottobre 2021


Antonio Tajani coordinatore nazionale ed eurodeputato di Forza Italia durante un incontro con la stampa è entrato nel merito di diverse questioni della politica attuale. Tra queste, la futura scelta del prossimo Presidente della Repubblica. Molti esponenti parlano di una possibile ascesa al colle di Mario Draghi, ma circola voce anche di una possibile candidatura di Silvio Berlusconi.

Tajani: “Berlusconi sarebbe un eccellente capo dello Stato”


Credo che (il premier Mario) Draghi debba portare a compimento il suo lavoro nell’interesse dell’Italia. Sarebbe un eccellente presidente della Repubblica” ha dichiarato Tajani. Il coordinatore di FI ha però sottolineato anche le numerose qualità di Berlusconi come futuro presidente.

Su Berlusconi, credo che sarebbe un eccellente capo dello Stato visto quello che ha dimostrato di saper fare come capitano d’impresa, come leader nel mondo dello sport, come uomo di governo, come protagonista nella politica estera.

Sono tanti oggi coloro che, anche fra i critici, riconoscono i meriti di Berlusconi. Quindi un uomo che ha dimostrato di avere tutte le qualità per essere anche alla guida della Repubblica. Però non è, la mia, una candidatura, non tocca a me fare una candidatura. Sono in tanti a parlare di Berlusconi come possibile presidente della Repubblica. A dimostrazione che quest’uomo è un protagonista oggi della politica del nostro Paese e lo è stato negli ultimi 25 anni. E’ un riconoscimento politico importante“.

Forza Italia: “Non ci sono divisioni né sovranisti”


Tajani è intervenuto poi per allontanare le critiche di possibili divisioni all’interno del partito e della coalizione di centro destra.

Ci sono dibattiti, confronti, ma non vedo divisioni sostanziali in Forza Italia. La linea la dà come al solito Berlusconi che è in grado sempre e comunque di fare sintesi. Ma non ci sono mai state divisioni reali. Non ci sono sovranisti, non ho mai sentito una dichiarazione sovranista da parte di chicchessia, non ci sono falchi o colombe” ha detto Tajani.

C’è un dibattito, non siamo una caserma. Ci sono confronti quotidiani, facciamo riunioni settimanali partito-ministri. E’ un modo per confrontarci, per ascoltare. Ma noi abbiamo sostenuto sempre lealmente il governo e il lavoro compiuto dai nostri ministri: abbiamo un’ottima delegazione al governo. Il partito sostiene il governo Draghi sapendo bene che il leader del nostro movimento politico è Silvio Berlusconi. Noi rispondiamo a Silvio Berlsuconi e a nessun altro“.

UE, Tajani: “Prossimo presidente Parlamento sia del PPE”


Il coordinatore di Forza Italia ha poi espresso un commento in merito alla nomina del futuro presidente del Parlamento Europeo.

Siamo assolutamente convinti che il nuovo presidente del Parlamento eruoepo debba essere della famiglia del Partito popolare europeo. I socialisti devono rispettare l’accordo siglato e non facciano come hanno fatto quando mi sono candidato io che non rispettarono l’accordo. Adesso è giusto rispettarlo e avere un presidente che appartenga alla famiglia dei popolari“.

Governo: “Centrodestra, con Lega, leale a governo”


Tajani sottolinea poi l’adesione del centrodestra, Lega inclusa, alle politiche del premier Mario Draghi.

Io ritengo che Forza Italia possa essere tranquillamente la garanzia di serietà, credibilità e affidabilità di un centrodestra di governo. Centrodestra che oggi, con Forza Italia e la Lega, è al governo del Paese con Mario Draghi. Sostiene lealmente Mario Draghi per una politica europeista e atlantista. Queste erano le condizioni poste da Mario Draghi per l’adesione al suo governo e mi pare che la Lega le abbia accettate. Non c’è più una frase sull’euro, non c’è più una frase sull’UE. Ci possono essere visioni differenti. Noi siamo fortemente europeisti, siamo il centro. Siamo diversi, sennò saremmo già un partito unico. Per quanto ci riguarda nessuna preoccupazione“.

Pandemia: “Sconfiggere Covid è obiettivo primario”


Il coordinatore di Forza Italia sottolinea poi l’importanza della lotta al Coronavirus, fondamentale per la risalita dell’economia nazionale.

Sono più preoccupato per quello che si deve fare per il nostro Paese, perché sconfiggere il Coronavirus è un obiettivo che rimane primario. Dal punto di vista economico, noi chiediamo che ci sia un taglio consistente delle tasse sul lavoro. Bene la decisione di arrivare a 8 miliardi. In Parlamento ci impegneremo per incrementare questa cifra. Riteniamo fondamentale che si allarghi il bonus 110 alle abitazioni monofamiliari e agli alberghi. Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, noi siamo sempre stati contrari, ma essendo in un governo di coalizione chiediamo che si restringano i criteri per accedervi”.

Tajani è poi intevenuto in merito al recente annuncio di Draghi sull’eliminazione della quota 100.

“Sulle pensioni, noi non eravamo favorevoli a Quota 100, ma ci auguriamo che si possa raggiungere una soluzione di compromesso e mi pare che siamo sulla strada giusta” ha concluso Tajani.


Tag: Antonio TajaniCovidForza ItaliaLegaSilvio Berlusconi