Scuola, Bianchi: “Nessuna variazione su calendario vacanze di Natale”

Il ministro dell'Istruzione conferma: nessuna variazione di calendario per la scuola italiana, nonostante i timori legati al Covid

newsby Lorenzo Sassi13 Dicembre 2021



Vacanze di Natale? Nessuno ha mai pensato di variare l’orario o il programma dato”. Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione, non ha dubbi che nonostante i timori legati all’aumento dei contagi da Covid e il passaggio di alcune regioni in zona gialla, il calendario scolastico non subirà variazioni.

Scuola, Bianchi: “Ora è il momento di mettere in sicurezza i più piccoli con il vaccino”

Intervenendo a margine della presentazione del Premio Scuola Digitale 2021 a Expo Dubai 2020, all’interno del Padiglione Italia, Bianchi ha affermato: “Sarà il calendario che avevamo definito. Non ci sono né accorciamenti né allungamenti. Faremo come abbiamo fatto sempre”.

Sulla questione vaccini, ha poi aggiunto: “La scuola ha reagito molto bene di fronte a questa ondata perché eravamo e siamo vaccinati. Tutto il personale docenti è vaccinato oltre il 90%. È il momento di mettere in sicurezza i più piccoli. È un modo per garantire la sicurezza di tutti”.

“Premio Digitale segno di internazionalizzazione della scuola”


E al tema Covid si connette il Premio Scuola Digitale 2021 (organizzato dal Ministero e giunto alla sua terza edizione) a Dubai, presentato in un contesto di importanza mondiale come quello di Expo. “È partito prima dell’ondata del Covid e dimostra come i nostri ragazzi, anche in presenza del virus, abbiano imparato a utilizzare la tecnologia per parlare di contenuti” ha detto.

“Hanno parlato della loro vita quotidiana, dei timori del Covid stesso – ha aggiunto -. Perché il digitale significa essere insieme, certo da lontano ma insieme. Perciò bisogna aprire questo ‘lontano’; significa condividere esperienze con ragazzi provenienti da altri paesi. Per questo celebriamo il Premio Digitale qui da Dubai, così da dimostrare che internazionalizzare le scuole significa anche usare tutti gli strumenti che permettono a tutti i ragazzi, dalla propria scuola, di collegarsi con paesi anche lontani che però possono diventare parte di una stessa grande scuola”.


Tag: CovidPatrizio BianchiScuola