Gentiloni: “Scossi dai crimini di Bucha. Nuove sanzioni a Mosca”

Il commento del commissario all'Economia dell'Ue, Paolo Gentiloni, sulla guerra in Ucraina prima del vertice dell'Eurogruppo in Lussemburgo

newsby Redazione4 Aprile 2022



“Siamo tutti scossi dai crimini di guerra che abbiamo visto a Bucha e nelle zone limitrofe a Kiev, ma penso che questo non farà altro che rafforzare la nostra determinazione nel voler aiutare l’Ucraina”. Lo ha dichiarato Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’Economia, intervenendo sul massacro di civili avvenuto nella città ucraina per mano dei militari russi, ma negato dal Cremlino“Domani ci connetteremo con il ministro delle Finanze ucraino per discutere di questo supporto per l’Ucraina, ma certamente dobbiamo fortificare la nostra risposta a queste azioni”, ha aggiunto.

Gentiloni: “Ulteriori sanzioni contro la Russia”


Il commissario economico ha poi ribadito che “quello che abbiamo visto a Bucha merita una reazione ulteriore. C’è una discussione in corso, la Commissione europea dice sempre che per noi nessuna misura è esclusa. Noi stavamo già preparando un ulteriore pacchetto di sanzioni contro Mosca “e vedremo nei prossimi giorni se ci saranno le condizioni politiche per allargarlo ulteriormente”.

Ucraina: “Crescita ridotta, ma nessuna recessione”


Infine, prima della riunione dell’Eurogruppo in Lussemburgo, Gentiloni ha concluso dicendo che “l’immagine d’insieme non dovrebbe essere descritta come di recessione. Ovviamente ci sono dei rischi, ma anche molte energie per mantenere un livello di crescita, seppur molto ridotto. L’impatto della crisi c’è, ma è troppo presto per stimarlo in termini quantitativi”.


Tag: Paolo GentiloniUcraina