Elezioni, Conte: “No divisioni tra Nord e Sud, l’Italia è intera”

La campagna elettorale del leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, fa tappa a Torino, città amministrata fino al 2021 dalla grillina Chiara Appendino

newsby Sara Iacomussi8 Settembre 2022



La campagna elettorale del leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, fa tappa a Torino, città amministrata fino al 2021 dalla grillina Chiara Appendino. “Ho iniziato il tour dal Veneto, dal Nord, ma non ci sono divisioni Nord e Sud, l’Italia è intera e dobbiamo riprenderci tutti insieme così come abbiamo fatto dopo il momento più duro della pandemia. Abbiamo dimostrato di assumere coraggiosamente misure utili, necessarie per la tenuta economica e sociale del sistema. Ci troviamo in un’emergenza energetica annunciata, abbiamo avuto un Governo non coraggioso e il risultato è che non ci sono ancora soluzioni. Anche a Torino c’è un calore pazzesco, le persone riconoscono al di là delle mistificazioni che abbiamo realizzato l’80% dell’impegno assunto nella scorsa legislatura e adesso abbiamo la credibilità per affrontare questa sfida elettorale. Chiara Appendino ha fatto molto bene come amministratrice, seria e competente, abbiamo investito tanto sul Piemonte“.

Conte: “Voto utile non esiste, esiste voto giusto”


Poi, Conte si è soffermato sulle prossime elezioni del 25 settembre, in cui il Movimento 5 Stelle parte, sulla carta, indietro rispetto a centrodestra e centrosinistra. “È una formula arrogante di affrontare questa campagna elettorale. I cittadini non si faranno ingannare. Il voto utile non esiste, è una grande mistificazione, esiste il voto giusto e i cittadini lo devono dare alle forze politiche che appaiono più convincenti nel mantenere gli impegni che prenderanno. In questo momento il tessuto produttivo ha forti difficolta ma è in piedi, però per evitare che si inginocchi dobbiamo sostenerlo con varie misure straordinarie e io ho già parlato della tassazione degli extra profitti. Queste norme vanno riscritte, va valutata in modo ragionevole una variazione di bilancio perché è inutile farla quando invece bisognerà moltiplicare l’intervento. Per le imprese abbiamo varie misure a partire dall’abolizione dell’Irap“, ha aggiunto.

Appendino: “Andiamo avanti da soli, non come Letta”


Al fianco di Conte c’era proprio Appendino, che ha criticato le decisioni del leader del Partito democratico Enrico Letta e si è detta sicura che il Movimento otterrà un buon risultato alle prossime elezioni. “Ho avuto l’onore di potermi dedicare alla famiglia ma ora ho deciso di mettermi a disposizione della mia città per continuare il lavoro fatto e del m5S, la comunità politica di cui sono orgogliosa di far parte. Letta ha deciso di abbracciare Calenda, Gelmini, Carfagna e chi come Fratoianni non ha mai abbracciato il Governo Draghi. Noi andiamo da soli con coraggio e coerenza. Io non sogno risultati, ma di portare le nostre battaglie in Parlamento, poi più saremo meglio sarà perché saremo più forti“, le sue parole.


Tag: Chiara AppendinoelezioniGiuseppe ConteMovimento 5 Stelle