Ucraina, Di Maio: “Niente bilaterale senza segnali da Mosca”

Le dichiarazioni del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendo in Senato sulla crisi fra Russia e Ucraina

newsby Redazione23 Febbraio 2022



“Stamattina ci siamo coordinati con il presidente Draghi circa i prossimi passi da compiere per favorire una soluzione diplomatica. Siamo impegnati al massimo nei canali multilaterali di dialogo. Riteniamo tuttavia che non possano esserci nuovi incontri bilaterali con i vertici russi finché non ci saranno segnali di allentamento della tensione; linea adottata nelle ultime ore anche dai nostri alleati e partner europei”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendo al Senato sulla crisi in Ucraina.

“Condanniamo la decisione di Mosca di inviare nei territori delle due repubbliche separatiste un contingente di truppe con sedicenti funzioni di ‘peacekeeping’. È un gesto che rischia di esacerbare una situazione già molto tesa – ha aggiunto il titolare della Farnesina -. Ricordo che si stima una presenza russa lungo i confini con l’Ucraina tra 170 e 190 mila unità.

Di Maio: “Rischio di un’operazione militare su larga scala della Russia”

“In conferenza stampa Putin ha affermato di riconoscere le pretese di Donetsk e Luhansk sul territorio di tutto il Donbass; ben oltre la componente russofona presente nella regione e quindi includendo zone attualmente sotto il controllo delle forze armate ucraine, chiedendo per giunta il riconoscimento dell’annessione illegale della Crimea. Questo duplice sviluppo rischia di aprire la strada ad un’operazione militare su larga scala della Russia in Ucraina”, ha aggiunto Di Maio.

“Malgrado la gravità del momento e gli ultimi sviluppi cui stiamo assistendo in queste ore, vogliamo continuare a concentrarci su ogni iniziativa diplomatica che possa scongiurare una guerra. Una soluzione che riteniamo ancora possibile, anche se con margini che si riducono di giorno in giorno”, ha detto il ministro.

“Ribadiamo il sostegno dell’Italia alla sovranità territoriale ucraina”

E ancora: “Abbiamo ribadito il sostegno dell’Italia all’integrità e alla piena sovranità territoriale dell’Ucraina nei suoi confini internazionalmente riconosciuti; e rivolto un appello alle parti perché tornino al tavolo negoziale nei formati appropriati. Iniziative unilaterali allontanano il raggiungimento di condizioni di stabilità e sicurezza nella regione.

“In questa situazione che può cambiare rapidamente è importante mantenere lo stretto coordinamento già in atto con i partner dell’Unione europea e con gli alleati della Nato – ha concluso Di Maio -. Lo dimostrano, da ultimo, il Consiglio Affari esteri straordinario dell’Unione e la riunione tra i ministri degli Esteri dei Paesi del G7, cui ho partecipato ieri a Parigi”.


Tag: Luigi Di MaioRussiaUcraina