Coppie omogenitoriali, Lo Russo: “Bambini di Serie A e B”

Il sindaco di Torino, dopo che la Corte d'Appello ha rigettato il ricorso per le due mamme

newsby Sara Iacomussi23 Marzo 2022



Il comune di Torino si è costituito in giudizio contro il decreto del Tribunale, notificato il 3 dicembre scorso, che non ha riconosciuto il doppio cognome a un bimbo figlio di due madri. L’iscrizione all’anagrafe dei nati da coppie omogenitoriali non sarebbe considerata legittima.

Venerdì incontreremo le associazioni per capire come spostare il tutto sul piano politico e per stimolare il Parlamento a legiferare. Ora ci sono dei bambini di Serie A e altri di Serie B. E questo non è corretto“, ha spiegato il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo. Il suo assessore alle Pari Opportunità, Jacopo Rosatelli, ha aggiunto: “Condivideremo con il Torino Pride un percorso per sensibilizzare su questa tematica. Questa decisione che siamo stati costretti a prendere motiverà molte persone“.

Coppie Omogenitoriali, Lo Russo: “Prefetto ci impedisce di proseguire con trascrizioni”


Il prefetto ci ha comunicato ufficialmente che l’eventuale prosecuzione della trascrizione dei figli delle coppie omogenitoriali costituisce violazione di legge.  Con grande rammarico siamo costretti a farlo. Dietro questi commi e questi articoli di legge ci sono delle persone ed è difficile separare il piano personale dal ruolo istituzionale, oggi essere sindaco è piuttosto scomodo. È ingiusto che un cittadino europeo, a seconda di dove nasca, abbia o non abbia dei diritti, è una violenza. I tribunali italiani in assenza di una legge stanno penalizzando le dinamiche di riconoscimento, ma è un problema squisitamente politico e parte dal Parlamento“, ha quindi aggiunto il primo cittadino del capoluogo piemontese.


Tag: Jacopo RosatelliStefano Lo RussoTorino