Berlusconi: “Devo rispettare le cautele dei medici, no ad eventi pubblici”

"Avrei voluto essere presente per parlare di Milano, la mia e la nostra città"

newsby Antonio Lopopolo26 Giugno 2021



Durante il suo intervento telefonico all’evento di lancio della campagna elettorale di Forza Italia per le elezioni amministrative di Milano, Silvio Berlusconi ha fornito qualche informazione in più sulle sue condizioni di salute. “Avrei voluto essere lì presente a parlare di Milano, la mia e la nostra città ma i medici mi chiedono ancora di non partecipare a eventi pubblici e devo rispettare le loro cautele“, ha spiegato.

Milano, Berlusconi: “Sul candidato non è una gara, stupiremo tutti”


Berlusconi ha poi parlato dell’elefante nella stanza: il candidato sindaco del centrodestra per Milano. “Purtroppo il tema che monopolizza è il nome del candidato sindaco. Non è una gara sui tempi quella per vincere a Milano, ma sulla qualità delle idee e delle persone. Non vince chi ha già il candidato, ma chi trova e presenta quello migliore. Ci prenderemo tutto il tempo che serve. Alla fine stupiremo tutti per la qualità della soluzione che troveremo per sfidare Sala“.

“Sala aveva suscitato speranze ma ha deluso”


Portando avanti il discorso, Berlusconi ha espresso un giudizio sull’attuale sindaco di Milano. “L’esperienza manageriale di Sala aveva suscitato molte speranze, ma queste sono andate deluse. Lo dico con profonda amarezza, non solo come leader di Forza Italia, ma anche come cittadino milanese. Non mi interessa la discussione sul fatto se il candidato del centrodestra sarà un politico o un esponente della società civile ma mi interessa che sia bravo e abbia competenza, e che sappia assicurare ai milanesi cinque anni di buon governo” ha aggiunto Berlusconi.

Governo, Berlusconi: “Faccia riforme non provvedimenti divisivi come Ddl Zan”


Berlusconi ha poi commentato il Ddl Zan. “Siamo impegnati a sostenere un governo di emergenza che deve andare avanti per tutto il tempo necessario per far ripartire il Paese, un governo che deve realizzare grandi riforme, come quella del fisco, quella della burocrazia e quella della giustizia, non i provvedimenti divisivi come la legge Zan. Sono queste le riforme senza cui il Paese non riuscirebbe a ripartire“.


Tag: Silvio Berlusconi