Tesla abbassa i prezzi di Model 3 e Y, riduzioni di 12.500 e 5.000 euro

La comunicazione è arrivata direttamente dalla società che ha motivato la riduzione parlando di "una normalizzazione di parte dell'inflazione dei costi"

Tesla model 3
Tesla Model-3 | Vlad Tchompalov @Unspalsh
newsby Matteo Bruzzese13 Gennaio 2023


Tesla ha annunciato un sostanzioso abbassamento dei prezzi della Tesla Model 3 e della Tesla Model Y, tra i modelli di più successo della la casa automobilistica guidata da Elon Musk. La comunicazione è arrivata direttamente dalla società che ha motivato la riduzione parlando di “una normalizzazione di parte dell’inflazione dei costi” e del miglioramento da parte dell’azienda nel “realizzare il prodotto migliore a un costo industry-leading“.

Elon Musk
Elon Musk | Pixabay @ Tumisu

Le riduzioni

La Tesla Model 3 sarà proposta a partire da 44.990 euro con una riduzione di 12.500 rispetto al prezzo precedente di 57.490 euro necessari per la versione d’accesso a trazione posteriore. Listino ridotto anche per la Tesla Model Y, passata da 49.990 euro a 44.990 euro, cinquemila euro in meno. Per quanto riguarda le versioni Dual Motor a trazione integrale saranno proposte a partire da  52.990 euro, contro i 64.490 euro del precedente listino, per la Model 3 Long Range e 59.990 euro invece di 67.490 euro per la Model 3 Performance. Mentre le aziende concorrenti si trovano di fronte un Elon Musk pronto ad accaparrarsi una buona fetta di consumatori allettati dall’abbassamento dei prezzi, sorgono però i dubbi di chi ha già ordinato uno dei due modelli al prezzo precedente e di coloro che vogliono acquistare o vendere un modello usato, sul cui valore si prevede parecchia confusione.

Tesla Model Y
Tesla Model Y | Unsplash @ Craventure Media

L’annuncio

La società ha annunciato l’abbassamento dei prezzi tramite una nota in cui si sottolinea che “la nostra attenzione al continuo miglioramento dei prodotti attraverso processi di progettazione e produzione originali ha ulteriormente ottimizzato la nostra capacità di realizzare il prodotto migliore a un costo industry-leading” e che, “all’uscita da quello che è stato un anno turbolento per via delle interruzioni alla catena di approvvigionamento”, è stata osservata da parte di Tesla “una normalizzazione di parte dell’inflazione dei costi. Questo ci permette ora, con fiducia, di trasmettere questa riduzione dei costi anche ai nostri clienti. Con l’aumento della produzione locale di veicoli e l’acquisizione di ulteriori economie di scala a livello globale, stiamo rendendo Model 3 e Model Y ancora più accessibili in tutta l’area Emea”.

Le prospettive

Secondo quanto riporta il Sole 24 Ore, negli ultimi mesi la berlina elettrica ha già ottenuto un lungo elenco di successi commerciali non solo contro le concorrenti elettriche, ma anche contro le rivali termiche, come si può evincere dalla prima posizione assoluta tra le auto più vendute a dicembre in Germania. Nonostante l’anno peggiore in termini di valore azionario, Tesla ha ottenuto ottimi risultati commerciali con consegne di veicoli in crescita del 40% su base annua a 1,31 milioni e produzione in aumento del 47% su base annua a 1,37 milioni. Risultati che con l’abbassamento dei prezzi potrebbero ancora migliorare.


Tag: AutoElon MuskprezziTesla