Usa: Russia potrebbe usare video falsi come pretesto per invadere l’Ucraina

I funzionari affermano di avere prove di un complotto per simulare scene di attacco utilizzando cadaveri, droni di fabbricazione turca e attori che interpretano persone in lutto

Usa avvertono di video falsi russi per invadere ucraina
Foto Flickr | Gage Skidmore
newsby Giulia Martensini4 Febbraio 2022


Continua a crescere la tensione al confine con l’Ucraina. Mentre Putin, nonostante i 100.000 soldati schierati continua a negare una futura invasione, Washington al contrario continua a suggerire ipotesi e scenari di un attacco imminente.

Funzionari statunitensi hanno affermato di avere le prove di un piano russo per realizzare un video falso “molto scenografico” di un attacco ucraino come pretesto per un’invasione. La presunta trama comporterebbe l’uso di cadaveri, filmati di edifici fatti saltare in aria e finti equipaggiamenti militari ucraini. Ma anche droni di fabbricazione turca e attori che interpretano la parte di persone in lutto di lingua russa.

Non sappiamo con certezza se questa è la strada che stanno per intraprendere, ma sappiamo che questa è un’opzione in esame“, ha detto il vice consigliere per la sicurezza nazionale, Jonathan Finer. Aggiungendo che il video “coinvolgerebbe attori in lutto per le persone che vengono uccise in un evento che avrebbero creato loro stessi”.

Un video realizzato per giustificare l’invasione in Ucraina

Il portavoce del Pentagono, John Kirby, ha affermato che il video avrebbe preteso di mostrare un attacco ucraino sul territorio russo o persone di lingua russa nell’Ucraina orientale e sarebbe stato “molto esplicito”. Ha aggiunto che gli USA credevano che il piano avesse il sostegno del Cremlino. “La nostra esperienza è che ben poco di questa natura non è approvato ai più alti livelli del governo russo“, ha detto Kirby.

Funzionari statunitensi hanno affermato che il video mostrerebbe droni Bayraktar di fabbricazione turca che prendono parte all’attacco fabbricato come un modo per coinvolgere la Nato.

Le affermazioni vengono avanzate nel mezzo di una guerra nervosa tra Mosca e Washington e i suoi alleati, in cui scambi diplomatici e briefing di intelligence si svolgono insieme a un incessante rafforzamento militare russo attorno ai confini dell’Ucraina e alle minacce statunitensi e alleate di devastanti punizioni economiche in caso di attacco.

Funzionari dell’amministrazione hanno affermato che il piano era di utilizzare il video come prova del “genocidio” ucraino contro i russofoni per giustificare l’intervento militare russo. Annunciandolo pubblicamente gli USA speravano di bloccare o rallentare i piani di Mosca. Finer ha detto che “renderebbe loro molto più difficile dopo il fatto affermare che dovevano fare tutto ciò che avevano deciso di fare“.

UK d’accordo con le previsioni di Washington

La Gran Bretagna ha affermato di essere d’accordo con la valutazione americana, avendo condotto la propria analisi dei rapporti di intelligence. I due Paesi condividono regolarmente l’intelligence come parte della più ampia rete Five Eyes. E Londra è stata pronta come Washington a evidenziare ciò che entrambi vedono come un’acuta minaccia russa all’Ucraina.

Liz Truss, il ministro degli Esteri, ha affermato che le rivelazioni erano “prove chiare e scioccanti dell’aggressione non provocata e delle attività subdole della Russia per destabilizzare l’Ucraina“. “Il Regno Unito e i nostri alleati continueranno a smascherare i sotterfugi e la propaganda russi e ad invocarlo per quello che è” ha aggiunto.

Washington e Londra hanno affermato che la Russia ha schierato agenti all’interno dell’Ucraina per organizzare attacchi sotto falsa bandiera. E  ha reclutato ucraini per assumere un governo fantoccio che avrebbe collaborato con le forze di occupazione russe.

Mentre ammassavano truppe in giro per l’Ucraina, i funzionari russi hanno affermato ripetutamente, senza prove, che Kiev stesse pianificando di attaccare la Russia piuttosto che il contrario.

Ucraina: “Basta fare ipotesi senza prove”

Le affermazioni di giovedì sono state le ultime di una serie di briefing statunitensi sulle valutazioni dell’intelligence americana. Alcune delle quali hanno irritato la leadership ucraina che le ha fortemente respinte.

Lo scorso fine settimana la CNN ha citato alti funzionari statunitensi secondo cui la Russia aveva spostato le scorte di sangue vicino al confine. Indicando un potenziale attacco militare imminente. Il vice ministro della Difesa ucraino, Hanna Maliar, l’ha definita una provocazione progettata “per diffondere panico e paura nella nostra società“. Aggiungendo che non avevano trovato alcuna prova o informazione a sostegno di quella teoria.


Tag: Joe BidenRegno UnitoRussiaStati UnitiUcrainaVladimir Putin