L’UE inasprirà le sanzioni alla Bielorussia per arginare la crisi dei migranti

L'obiettivo è fare pressione sulle compagnie aeree e sui funzionari che aiutano a trasferire i migranti in Bielorussia, prima di farli marciare verso il confine dell'UE

sanzioni UE per arginare la crisi migranti in Bielorussia
Foto Pixabay | geralt
newsby Giulia Martensini15 Novembre 2021


L’UE si prepara a colpire la Bielorussia con nuove sanzioni già da questa settimana, con l’obiettivo di agire rapidamente tra le accuse secondo cui le autorità bielorusse stanno costringendo centinaia di migranti al confine polacco. Lukashenko e i suoi alleati stanno attirando migranti da Paesi come l’Iraq e la Siria in Bielorussia. Questo prima di farli marciare verso il confine polacco e lasciarli bloccati, senza cibo e acqua. Una rappresaglia per le precedenti sanzioni dell’UE sulla repressione del suo regime sui manifestanti pro-democrazia.

Migliaia di migranti si sono recati in Bielorussia nella speranza di entrare nell’Unione europea, solo per ritrovarsi intrappolati al confine boscoso in condizioni invernali rigide.

Le sanzioni UE contro le compagnie aeree della Bielorussia

Nel tentativo di interrompere il flusso dei migranti verso la Bielorussia, l’UE sta cercando di esercitare pressioni sulle compagnie aeree e sui funzionari che aiutano a trasferire queste persone dai loro Paesi d’origine ai confini del blocco.
Nello specifico, le sanzioni colpiranno la compagnia aerea statale bielorussa Belavia, prendendo di mira i contratti di leasing di aerei esistenti e futuri della compagnia nel tentativo di privarla immediatamente dei veicoli.

Tuttavia, l’UE potrebbe estendere le sanzioni per includere altre compagnie aeree coinvolte nel trasporto di migranti. Per fare ciò, i paesi dell’UE stanno pianificando di aggiungere la tratta di esseri umani come una nuova categoria in cui può sanzionare la Bielorussia. Dopodiché, i paesi dell’UE sperano di finalizzare un nuovo elenco di sanzioni contro individui e organizzazioni specifici entro la fine della settimana.

In vista di una riunione dei ministri degli esteri dell’UE, il tedesco Heiko Maas ha affermato che alle compagnie aeree potrebbe essere detto di interrompere il trasporto di migranti a Minsk o rischiare il divieto di atterrare in Europa.  “Non siamo neanche lontanamente alla fine della spirale delle sanzioni” ha avvertito.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che Minsk avrebbe reagito contro eventuali nuove sanzioni imposte dall’Occidente.

Timore per un possibile conflitto militare

Nei giorni scorsi migliaia di migranti si sono mossi verso la frontiera polacca, allestendo un accampamento e, a gruppi, tentando più volte di entrare in Polonia e nella vicina Lituania.

I membri dell’UE Lituania, Lettonia ed Estonia hanno avvertito che la situazione di stallo potrebbe degenerare in un conflitto militare. Diecimila soldati polacchi già schierati al confine.

Il ministro degli esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha affermato che l’UE potrebbe aiutare con i rimpatri dalla Bielorussia in Medio Oriente. Il ministro ha chiesto che tutti gli aeroporti bielorussi siano off-limits per le compagnie aeree che potenzialmente trasportano potenziali migranti. “Dobbiamo rendere l’aeroporto di Minsk una zona interdetta al volo” ha aggiunto.

 


Tag: Aleksandr LukashenkoBielorussiaConsiglio UemigrantiPolonia