Ucraina, ora le forze russe controllano Lysychansk. Zelensky vuole riconquistarla

La cronaca del 131esimo giorno di guerra in Ucraina, tra scontri sul capo e sforzi diplomatici: tutti gli aggiornamenti

newsby Alessandro Bolzani4 Luglio 2022


L’esercito russo ha ottenuto il controllo di Lysychansk, l’ultima città controllata dall’Ucraina nella regione orientale del Lugansk. A renderlo noto è stato Sergei Shoigu, il ministro della Difesa russo. In uno dei suoi ultimi discorsi, Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina, ha promesso la riconquista del centro abitato. “Grazie alle nostre tattiche e all’aumento della fornitura di armi moderne ci riprenderemo Lysychansk”, ha affermato.

Come confermato dal comando militare ucraino, le truppe di Kiev sono stratte costrette a ritirarsi dalla città, perché altrimenti ci sarebbero state delle “conseguenze fatali”. “Al fine di preservare la vita dei difensori ucraini, è stata presa la decisione di ritirarsi”. Attualmente ci sono circa 10mila civili a Lysychansk e altri ottomila a Severodonetsk. Lo riferisce Serhiy Haidai, il governatore ucraino del Lugansk. “Manteniamo le nostre posizioni in una piccola parte della regione, in modo che i nostri militari abbiano il tempo di costruire le difese”, ha scritto su Telegram.

Ucraina, ora la Russia mira a conquistare il Donetsk


Ora che hanno raggiunto i loro obiettivi nel Lugansk, sembra probabile che le truppe russe punteranno a conquistare la regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale. È quanto emerge dall’ultimo rapporto del ministero della Difesa britannico. “L’obiettivo della Russia ora si sposterà quasi sicuramente sulla cattura dell’Oblast di Donetsk, gran parte del quale rimane sotto il controllo delle forze ucraine”, si legge nella nota. Questa previsione è stata in parte confermata da quanto avvenuto nell’ultime ore. Le forze russe, infatti, hanno portato avanti la propria avanzata verso Seversk, nell’oblast di Donetsk, “da due direzioni”, come confermato dal ministero dell’Interno dell’autoproclamata Repubblica del Lugansk.

Nella corso della notte, invece, si è verificata una grossa esplosione nella cittadina di Snizhne, distante 50 km sia da Donetsk che da Lugansk. Al momento non sono state diffuse informazioni sulla natura della detonazione, né su eventuali danni o eventuali vittime.


Tag: GuerraRussiaUcraina